Print this page
Sabato, 23 Marzo 2019 00:00

«Cuore di figlio» di figlio del prof Piero Abbruzzese, la solidarietà senza fine...recensione

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Dire di aver divorato il libro «Cuore di figlio» del prof. Piero Abbruzzese è davvero un’espressione incompleta, perché è un libro che si accarezza e si assume un po’ alla volta, per evitare troppe emozioni.

Eh sì, perché la conclusione della storia la si conosce dalla quarta di copertina e dalle pagine iniziali e allora la bellezza della lettura è legata alla conoscenza di questi 20 anni, di quest’angelo che è entrato nella vita e subito se n’è andato via.

Intriga davvero la descrizione del telo da mare, coi colori dell’Inter, che attiva il ricordo bagnato dal sole, come occasione per ritessere la trama del racconto quale dialogo interiore, talvolta con un pensiero e talvolta col ragazzo in carne e ossa, che mette a posto le tessere del mosaico. A cominciare dai primi vagiti che Carlo, questo il nome del ragazzo, non poteva ricordare.

Il libro è fortemente autobiografico, conosciamo quasi tutto di questo famoso cardiochirurgo di bambini e della sua famiglia, compresa la moglie, anch’essa medico anestesista. Conosciamo anche la crisi della coppia, quando l’estrema rincorsa della carriera, soprattutto di lui, fa scivolare i sentimenti lungo la cartavetrata delle incomprensioni. Ma stupisce come le vicende sofferte del cuore di Carlo allineino i due medici genitori nella guerra contro le avversità cancellando completamente il resto.

Ma c’è anche il racconto dell’ascesa del professore. Un episodio, da tarantino, ci piace raccontare. Quando il dottore scappa da Cagliari, che lo mortifica professionalmente e cerca di accedere ai bandi nazionali per fare il primario. Prima prova a Taranto e si trova a dover passare dallo studio romano di un onorevole tarantino sottosegretario…senza risultato. Mentre a Torino lo scontro è fra dottori e qui vince. Una morale la traiamo noi pensando alle origini dell’arretratezza della sanità del sud…

Ma guardando davvero in alto gustiamo il successo dell’esperienza torinese che diventa un punto di riferimento della cardiochirurgia infantile e la storia di Carlo diventa universale, visto l’interessamento del padre. che ha creato una associazione di cardiochirurghi mondiale. E osserviamo nel dettaglio-medico ogni passaggio. Ma c’è anche il versante solidale, suscitato anche dal carattere aperto dell’adolescente, che porta in Somalia, con Gino Strada in Sudan e in tanti altri posti dove, il nostro concittadino, farà assistenza e opererà 30 mila bambini.

Cuore di figlio è un libro da leggere, da custodire come patrimonio collettivo di una solidarietà a 360 gradi con il ricordo di Carlo che diventa testimonial di altruismo. Piero Abruzzese presenterà a Taranto il suo libro il 17 aprile 2019 alle ore 18,00 presso lo spazio Seminar libri dell’Ipercoop Mongolfiera. Ma faremo avviso a suo tempo. Già basti sapere che tra gli organizzatori c'è una ODV che si occupa di Alzheimer dove troviamo i nonni dei piccoli pazienti del nostro autore. 

Giù potete vedere un video dell’ospedale somalo che è stato messo su da Piero e Carlo Abbruzzese che abbiamo preso da FB.

 

 

Read 1644 times Last modified on Sabato, 23 Marzo 2019 03:36