ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 06 Aprile 2019 00:00

Missione in Africa di Pizzarotti e Tassi-Carbone

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Pizzarotti in Burundi: “Grazie a Parmaalimenta. Ho visto un mondo che non possiamo ignorare”. Missione in Africa del sindaco e del presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Tassi Carboni, nell'ambito del progetto di cooperazione internazionale “Maison Parma”, promosso da Parmaalimenta in collaborazione con diversi soggetti del territorio.

Si è conclusa mercoledì 3 aprile la missione istituzionale in Burundi promossa da Parmaalimenta nell'ambito del progetto di cooperazione internazionale “Maison Parma”, culminata con la posa della prima pietra del Centro Maison Parma a Bujumbura.

La missione ha visto la partecipazione del sindaco, Federico Pizzarotti, e del presidente del Consiglio Comunale, Alessandro Tassi Carboni, con loro Silvia Marchelli, presidente di Parmaalimenta; Francesca Cena, coordinatrice dei progetti Parmaalimenta; Nicoletta Marigo, referente di Parmaalimenta per le attività economiche e sviluppo del business model; gli architetti Federica Guareschi e Lorenzo Giuffredi dello studio di architettura Giuffredi & Guareschi; Gualtiero Ghirardi, presidente onorario di CNA Parma – Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa; Edmondo Gilioli, primo ricercatore dell'Istituto di Materiali per l'Elettronica ed il magnetismo di Parma – CNR – IMEM; Gabriele Costantino, direttore del Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell'Università degli Studi di Parma.

La visita in terra africana è stata caratterizzata da quattro giorni intensi di impegno istituzionale sul territorio, e da momenti importanti come la visita alle zone rurali dove operano gli agricoltori che collaborano con Maison Parma, oltre all’incontro con personaggi di spicco del Paese, quali il sindaco di Bujumbura, il governatore della provincia di Bujumbura, il ministro dell'agricoltura e dello sviluppo, il ministro dell'energia e delle miniere, i rappresentanti dell'Unione Europea, il console onorario Antonio Ziveri, con la visita alla Camera di Commercio Federale del Burundi e un incontro con gli agenti di salute comunitaria e i referenti del PRONIANUT (Programme National Intégré pour l'Alimentation et la Nutrition).

La posa della prima pietra, il sindaco: “Ringrazio i collaboratori di Parmaalimenta”

La missione è stata anche l'occasione per presentare alle più importanti cariche istituzionali e ai rappresentanti delle organizzazioni internazionali la città di Parma, e i sui legami con le attività svolte al Centro Maison Parma.

Il viaggio istituzionale si è concluso con la posa della prima pietra delle strutture di ampliamento del Centro Maison Parma. Il sindaco, Federico Pizzarotti, insieme al Sindaco di Bujumbura, alla Vice Ambasciatrice d’Italia a Kampala e alla Presidente di Parmaalimenta ha deposto un bussolotto contenente una pergamena nella fondamenta dei nuovi edifici che andranno ad ampliare il Centro Maison Parma, consentendo un rafforzamento delle attività già in corso.

“Ho conosciuto una terra ricca di umanità e desiderosa di emergere – fa presente Pizzarotti al ritorno dalla missione -. Ci sono realtà che possiamo solo immaginare, ma per renderci conto di quanto siano povere e bisognose di aiuto devono essere vissute e comprese in prima persona. Da anni l’associazione Parmaalimenta, di cui il Comune di Parma è socio, svolge un importante impegno umanitario in Burundi. Ho voluto vedere di persona la professionalità e la qualità del suo lavoro, portando i saluti di Parma al popolo burundese. Ho scoperto – conclude il sindaco – una realtà davvero toccante che ha bisogno di attenzione e cura. Parma e la sua gente, ancora una volta, dimostrano di avere un cuore grande e di interessarsi delle situazioni internazionali. Essere Parma nel mondo non significa solo importare prodotti di pregio, mostrarsi attrattivi agli occhi dei turisti e far conoscere le grandi aziende del territorio, ma anche mostrarsi sensibili e vicini alle difficoltà di territori poveri con una gran voglia di rilanciarsi. Ringrazio di cuore Parmaalimenta per l’impegno che svolge, esortando i suoi collaboratori ad andare avanti su questa strada fatta di umanità, passione e professionalità”. 

L’impegno di Parmaalimenta in Africa

Parmaalimenta è un'associazione di enti che si è costituita nel 2004 per la promozione dello sviluppo socio economico e sostenibile attraverso progetti di cooperazione decentrata finalizzati al superamento della fame e della povertà assoluta delle popolazioni del sud del mondo, in questo caso del Burundi. E' costituita da Comune di Parma, Provincia di Parma, Comune di Collecchio, CNA Parma, Consorzio di solidarietà sociale, Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma e dall'associazione Mwassi e dalla società cooperativa Boorea. Il progetto Maison Parma ha preso avvio nel 2006 con la realizzazione di un centro servizi per gli agricoltori della zona nord di Bujumbura per trasmettere competenze nell'ambito della produzione, trasformazione, conservazione e vendita degli alimenti in un rapporto di dialogo con le competenze maturate in questo ambito a Parma. Il Centro Maison Parma dispone di uffici, punto vendita, cucina e laboratorio delle energie rinnovabili, di hangar per lo stoccaggio e decorticazione del riso e trasformazione della manioca, di un altro hangar per lo stoccaggio merci, di una cella frigorifera per lo stoccaggio e lavorazione dell'ortofrutta e di uno spazio per la formazione. A questi si aggiunge un Centro per l'educazione nutrizionale dove ogni anno vengono presi in carico più di 1000 bambini affetti da malnutrizione.

Oltre alle attività sopra elencate, Parmaalimenta in collaborazione con il CNR-IMEM di Parma ha avviato una piccola attività di produzione di pannelli e di installazione di sistemi Foto Voltaici.

Read 396 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1170 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa