ANNO XIII Settembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 23 Maggio 2019 02:37

Uno studio USA lancia l'allarme: gel per le unghie collegato a rischio di tumore

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Maggiori probabilità di ammalarsi per chi lavora nel settore. Un nuovo studio indica una percentuale di rischio di tumori per le estetiste che si occupano di manicure e pedicure.

 C'è un legame diretto tra "beautician" e insorgenza di tumori: le impiegate dei saloni di bellezza che trattano gel, agenti chimici e sostanze sintetiche aggressive per il trattamento delle unghie corrono un rischio di 100 volte superiore di sviluppare il cancro rispetto a chi non maneggia queste sostanze. Lo dimostra una nuova ricerca dell’Università del Colorado condotta dal team della dottoressa Lupita Montoya.

Secondo i risultati, l’esposizione a questi agenti durante il corso di 20 anni può incrementare la probabilità di sviluppare il cancro di ben 100 volte. Tra le malattie più comuni il carcinoma dello stomaco, dell’esofago e dei polmoni, ma anche il tumore cutaneo spinocellulare, il linfoma di Hodgkin e la leucemia. Ai partecipanti è stato chiesto di condividere anche altre esperienze e sintomi tra cui mal di testa, problemi di pelle o irritazione agli occhi. I ricercatori precisano che il cliente medio non corre questo rischio. «Dipende da quanto tempo trascorriamo in quel tipo di ambiente», ha dichiarato la leader dello studio. «Le clienti normalmente passano una frazione del tempo di chi lavora nei saloni. A meno che non parliamo di gravi allergie o asma, non è una situazione preoccupante per le clienti».La percentuale di rischio, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” è stata determinata secondo i calcoli della Environmental Protection Agency (EPA) e il Center for Disease Control and Prevention degli USA.

Read 289 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1167 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa