ANNO XIII  Luglio 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 06 Giugno 2019 07:13

Glifosato in tamponi, salvaslip e cotton fioc

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Uno studio argentino ha rivelato che molti articoli da toeletta in cotone contengono il diserbante erbicida glifosato. Uno studio argentino è estremamente preoccupante: il diserbante erbicida glifosato probabilmente cancerogeno è stato scoperto durante i test di laboratorio nella maggior parte dei prodotti per l'igiene.

Tamponi di ovatta, tamponi di cotone sono stati esaminati al microscopio e quello che è stato scoperto è sconvolgente e agghiacciante soprattutto per le donne. Uno dei ricercatori responsabili scrive che l'85 percento dei campioni testati è risultato positivo. Gli articoli per i test sono stati acquistati presso varie farmacie o supermercati. Secondo i risultati, le donne spesso entrano in contatto con il glifosato cancerogeno attraverso l'uso di tamponi, salvaslip e tamponi di cotone. Molti dei prodotti per l'igiene sono usati anche negli ospedali. Sono dichiarati sterili e usati su ferite aperte. Per evitare rischi, si consiglia di utilizzare prodotti sanitari che sono stati prodotti biologicamente. Il glifosato è il pesticida più usato al mondo. I residui si trovano nell'ambiente e nel cibo. Nel marzo 2015 il glifosato è stato classificato come potenzialmente cancerogeno negli esseri umani dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Il glifosato è usato in tutto il mondo - in agricoltura, nella frutta e nella viticoltura, negli uliveti, nelle piante ornamentali, nelle piantagioni di alberi di Natale, nei parchi, sui binari ferroviari e nei giardini. Nel 2014 sono state vendute in tutto il mondo circa 826.000 tonnellate di glifosato, impiegato in agricoltura al 90%. Sull'argomento il mondo scientifico non ha dato finora un giudizio univoco, basti pensare che la Iarc, l'agenzia per la ricerca sul cancro dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), ha invece inserito il glifosato fra i 'probabilmente cancerogeni'.

Recentemente, ad esempio, uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports ha trovato effetti negativi sulla salute dei ratti che duravano per tre generazioni, ma le conclusioni sono state contestate. Secondo il Gruppo Informale Scienze e Tecnologie per l'Agricoltura (Seta)l'analisi ha diversi errori di metodo, tra cui un dosaggio troppo alto del glifosato rispetto a quello ritenuto sicuro. "L'autore principale ha ricevuto per questo progetto soldi da una fondazione di stampo religioso abbastanza nota per finanziare molti programmi antiscientifici, inclusi alcuni sul negazionismo climatico e nel campo delle cellule staminali". Negli Stati Uniti, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” sono circa 13mila le cause intentate contro la Monsanto, che ora è controllata dalla Bayer, sui presunti effetti del glifosato. e già due sentenze hanno condannato l'azienda a risarcimenti milionari nei confronti di due agricoltori. anche se la multinazionale, ha sempre negato qualsiasi legame tra la sostanza e il cancro.  

Read 333 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1078 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa