ANNO XIV Marzo 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 06 Giugno 2019 13:33

Il quotidiano digitale La Patilla Venezuelano deve pagare un risarcimento di $ 5 milioni a Diosdado Cabello

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La Corte Suprema del Venezuela (TSJ) ha condannato il quotidiano digitale La Patilla a pagare oltre 5 milioni di dollari al numero due di Chavismo, Diosdado Cabello, per aver causato presunti "danni morali" riproducendo un rapporto che lo collegava al traffico di droga, secondo quanto riferito questo martedì da lo stesso giornale.

Secondo il sito web, che rivela un giudizio della camera di appello civile che il TSJ non ha ancora reso pubblico, il Supremo ordinò che a Cabello venissero pagati 30.000.000.000 di bolivar, che al tasso di cambio ufficiale equivalgono a 5.081. $ 472,94.

Nell'aprile 2015, Cabello ha annunciato il deposito di questa causa contro azionisti, direttori, comitato editoriale e proprietari di La Patilla e dei giornali locali Tal Cual e El Nacional dopo che questi media hanno riprodotto un testo dal quotidiano spagnolo nel gennaio di quell'anno. ABC.

In quell'articolo è stato riportato che Cabello era indagato dalla giustizia degli Stati Uniti per presunti collegamenti con il traffico di droga.

Cabello, leader dell'Assemblea nazionale costituente - un organo non riconosciuto da molti governi del mondo (anche l'Italia non la riconosce) - è il primo vicepresidente del Partito socialista unificato del Venezuela (PSUV), non ha immediatamente pronunciato la decisione della Corte Suprema.

"Diosdado (Cabello), il tuo terrorismo giudiziario non mi intimidisce e non scagiona i tuoi crimini", ha detto il fondatore di La Patilla, Alberto Federico Ravell, che svolge anche la funzione di presidente del National Communications Center del governo provvisorio proclamato lo scorso gennaio. il capo del Parlamento, l'opposizione Juan Guaidó.

La Corte Suprema ordinò il pagamento del risarcimento dichiarando "senza appello il ricorso straordinario di cassazione" di La Patilla contro la causa presentata da Cabello contro i media.

Il giornale digitale ha anche detto che la frase mira a "autocensurare i media venezuelani", definendolo "terrorismo giudiziario".

La notizia ha prodotto un'ondata di solidarietà con i media venezuelani, espressi nei social network da utenti, giornalisti e politici dell'opposizione.

Libera traduzione nota di EFE

Read 613 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1083 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa