ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Domenica, 09 Giugno 2019 00:00

A proposito del deputato italo-venezuelana Mariela Magallanes un mese dopo che Maduro gli ha illegalmente tolto la sua immunità parlamentare

Written by 
Rate this item
(0 votes)
la deputata italo-venezuelana Mariela Magallanes ospite presso la residenza dell'Ambasciatore d'Italia, dove è protetta, dopo la persecuzione da parte dei corpi repressivi di Maduro la deputata italo-venezuelana Mariela Magallanes ospite presso la residenza dell'Ambasciatore d'Italia, dove è protetta, dopo la persecuzione da parte dei corpi repressivi di Maduro

In Italia i media continuano a disinformare sul Venezuela per loro l'opposizione venezuelana è, se va bene, di destra o estrema destra se non fascista;

in verità i maggiori partiti dell'opposizione sono di Sinistra e membri dell'Internazionale Socialista (Acción Democrática- Voluntad Popular) o di centro Primero Justicia e Vente Venezuela o di estrema sinistra come Causa Radicale (spagnolo: La Causa Radical, LCR) che è un partito politico venezuelano rivolto alla classe operaia di ispirazione radicale e sindacalista, tuttavia in opposzione a Hugo Chávez e adesso a Nicolas Maduro, di cui è esponente la deputata italo-venezuelana Mariela Magallanes da un mese rifugiata all'Ambasciata d'Italia.

Dal 7 maggio 2019, la deputata Mariela Magallanes è, come ospite nella residenza dell'Ambasciatore d'Italia, dove è protetta, dopo la persecuzione da parte delle agenzie repressive dello Stato a seguito della sentenza incostituzionale del TSJ usurpatore "alienando" l'immunità parlamentare al quale afferma che è l'unica donna (su un totale di 15 parlamentari) contro la quale sia stata predisposta una misura così illegale e drastica.

Addestrata per servire

Mariela Magallanes è una donna a cui il destino le ha offerto un'opportunità che forse non avrebbe mai pensato le sarebbe stata così utile. È saltata nell'arena pubblica nazionale durante la campagna elettorale per le elezioni parlamentari del 2015, dove l'opposizione venezuelana ha conquistato la maggioranza dei seggi all'Assemblea nazionale.

È la terza di sei sorelle, è nata a Caracas ed è cresciuta a Puerto Ordaz, nello stato di Bolívar, dove sono nati due suoi figli: Jesús Antonio e María Inés, piloti fondamentali della sua vita, come Alessandro, nato nella città di Lecco , Italia, dove per ragioni di lavoro di suo marito, è rimasta per 8 anni.

Senza lasciare spazio al tempo libero, dopo aver frequentato la sua famiglia, ha trascorso il suo tempo libero, durante il suo soggiorno in Italia, per lavorare e preparare, nella fondazione Le Culture (The Cultures), un'organizzazione dedicata all'integrazione degli immigrati nella società italiana e l'approccio degli italiani con gli immigrati arrivati.

Il lavoro consisteva nell'educare i bambini e gli adulti di quella città sull'importanza di vivere con altre culture all'interno della società italiana e mostrare loro le ragioni per cui i cittadini di altre nazionalità avevano scelto l'Italia per vivere e come potevano contribuire allo sviluppo sociale ed economico della regione.

Questa esperienza di diversi anni le ha insegnato a capire e sentire, in prima persona, esattamente ciò che un immigrato vive e soffre: "Capisco così tanto la diaspora, e lo sento, perché so cosa significa lasciare il tuo paese e fare la vita in un altro" ha detto Mariela durante l'intervista.

Prima di tornare in Venezuela ha capito quanto fosse positivo vivere fuori per così tanto tempo, non solo per la sua integrazione in una società diversa, con una cultura e una diversità linguistica molto ricca, ma anche per tutto ciò che era stato appreso durante quel periodo; che ha avuto molto valore nella nuova fase che avrebbe dovuto riversare al suo ritorno nel suo paese.

Ricomincia nella tua terra

Il suo ritorno in Venezuela sarebbe diventato un evento personale trascendentale. Con i suoi figli Jesús Antonio e Alessandro e la sua figlia non ancora nata (María Inés), un nuovo palcoscenico inizia ... con molti ricordi ed esperienze che segneranno l'inizio di un percorso che cambierebbe completamente le loro vite.

Con principi democratici e sociali profondi, fin dalla tenera età ha collaborato attivamente con il partito La Causa R, ancor prima di diventare un orgoglioso militante di questo partito politico. Anni dopo sarebbe diventato membro della direzione nazionale del partito, posizione che assunse nel 2009 nello stato di Bolivar.

"Ho camminato per le sue strade, mi sono bagnato nelle sue acque, ho attraversato i suoi ponti, lo maneggio con gli occhi chiusi. E la mia carriera (Turismo) mi ha fatto amare di più. La città che è nei miei ricordi non esiste più, è distrutta ", ha detto Mariela, riferendosi al grande Puerto Ordaz dei suoi amori. Guayana scorre nelle tue vene come il Maracay che ha visto crescere i suoi figli.

C'è molto da scrivere su Mariela Magallanes, è una donna di integrità, coerenza, tenacia e laboriosa formazione nel settore del turismo. Ha sviluppato diversi studi professionali nell'ambito della gestione politica e dell'economia sociale, con diplomi rilasciati e approvati dall'Università Cattolica di Andrés Bello (UCAB) e dall'Università di George Washington, ottenendo anche titoli nelle aree di Educazione politica per dirigenti donne con l'associazione Cauce, così come le specializzazioni nelle politiche pubbliche con un focus sul genere.

Nel 2013 è stata responsabile dell'assessore alla municipalità di Mario Briceño Iragorri, nello stato di Aragua, riuscendo a connettersi con la comunità in campo sociale e politico, un'esperienza che l'ha portata ad avere una preparazione sufficiente per diventare membro fondatore dell'Associazione nazionale. dei Consiglieri del Venezuela.

Questa è stata un'esperienza molto forte data la persecuzione dello stato a cui sono sempre stati sottoposti quei combattenti sociali che affrontano le ingiustizie del potere dittatoriale ufficiale. "Noi politicamente nel comune viviamo la schiacciamento dello Stato contro la popolazione per averla pensata diversamente".

Il suo arrivo all'Assemblea nazionale
 

Dal 2016, quando ha prestato giuramento nell'Assemblea nazionale e fino ad oggi i deputati Mariela Magallanes (principale) e Arnoldo Benitez (supplente) sono stati la condivisione del seggio in parlamento come un blocco solido di squadra e con un'alleanza incrollabile nella loro lotta per il salvataggio della democrazia, come dice lei: "Tra Arnoldo e me v'è un team coeso solido con un unico obiettivo: essere la voce di Aragua Aragua dal Sud".

Nonostante tutte le avversità e gli ostacoli impostele da quel sistema presieduto da funzionari apertamente influenzati dal regime e dai partiti al governo, l'opposizione riesce a ottenere, con circa 8 milioni di voti, la maggioranza dei seggi nel parlamento nazionale il potere elettorale, che ha segnato l'inizio del cambiamento in un modo che è stato lungo e tortuoso, sia per i deputati e per i cittadini in general.onectar con la comunità nell'esperienza sociale e politica che l'ha portata ad avere la preparazione sufficiente per diventare uno dei membri fondatori dell'Associazione Nazionale dei Consiglieri del Venezuela.

Questa è stata un'esperienza molto forte data la persecuzione dello Stato a cui sono sempre stati sottoposti quei combattenti sociali che affrontano le ingiustizie del potere dittatoriale ufficiale. "Noi politicamente nel comune viviamo la schiacciamento dello Stato contro la popolazione per averla pensata diversamente".

La sua gestione nell'assemblea

Mariela sub Magallanes era a capo della frazione MUD durante il primo anno di sforzi da parte dell'Assemblea nazionale nello stesso periodo, è stato membro del Comitato Comptroller, presieduto dal deputato Freddy Guevara.

Ha presieduto due commissioni speciali e ha condotto un'indagine sulla CLAP e la sua violazione dei diritti umani, è stato anche responsabile delle indagini nel passaporto del paese, come strumento di controllo politico dei venezuelani.

Nel 2017 è stato membro del Comitato di politica nazionale, presieduto dalla Vice Delsa Solórzano e ha portato anche il sub commissione del Parlamento economico.

E 'stata presidente della Commissione per la Famiglia, che ha favorito la creazione RIVE, che era il record di registrazione venezuelani all'estero, al fine di ottenere dati ufficiali dalla diaspora del Venezuela e il suo impatto sulla famiglia.

Il deputato dice che la sua lotta vivrà senza sosta da quando è tornato in Italia, quasi 10 anni fa, non ha visto in Venezuela il paese che ha lasciato, ma "il paese che dovremmo costruire", ha detto anche che quando ha deciso di entrare formalmente politica, è stato quello di dare ai propri figli il paese che meritano ... "meglio di quanto ho vissuto paese".

Mariela Magallanes è stata una donna che ha lasciato un segno in ogni spazio che ha occupato; non solo con la sua presenza, ma per la sua reale e tangibile azione all'interno della gestione politica venezuelana. Sicuramente un esempio per le nuove generazioni.

Con informazioni e libera traduzione del comunicato stampa di  José Ignacio Moreno

Read 659 times Last modified on Domenica, 09 Giugno 2019 05:33

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1094 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa