ANNO XIII Novembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 14 Settembre 2019 05:35

Martina Franca (Taranto) – Largo Santa Pace clou delle Giornate Europee del Patrimonio

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'Assessorato alle Attività Culturali organizza per sabato 21 e domenica 22 settembre 2019 le “Giornate Europee del Patrimonio”, “Un due tre…arte e intrattenimento”, al fine di valorizzare la nostra eredità culturale. Il tema dell’ottava edizione è “Largo Santa Pace”, un crocevia storico-artistico-architettonico nel cuore del centro storico di Martina Franca.

Largo Santa Pace"chiudeva la "Piazza"per eccellenza di Martina, intitolata "Piazza Plebiscito" e, poi, dal 1954 "Maria Immacolata ".

Il largo, in fondo a Via Garibaldi, è stato un crocevia stratificato di storia urbana e civile, al centro tra le Porte di san Nicola e di santa Maria. Il toponimo deriva dalla chiesa, demolita, di Santa Maria della Pace (1568), di cui resta un epigrafe sulla facciata alta di una casa del 188% al civico 21 in via Garibaldi. Punto di incontro civile. È reso monumentale dalla sede della Società Operaia (1872), trasformata in sede del Fascio in periodo fascista, dal Caffè Tripoli (1911) e da altre dimore storiche. E stato, verosimilmente, laprimasede della Pubblica Sicurezza al Vico IIGaribaldi, 5.

Nel dopoguerra vi ebbe sede la prima sezione del Parato Comunista Italiano. Fu anche piazza di collocamento mattutino per il lavoro nei campi, luogo di acquisti e servizi con una piccola rete di storici negozi, farmacia, tabacchi, barberìa, ufficio postale. Tanti splendidi palazzi di epoca differente.

E, soprattutto, 'Palazzo Pace"fa bella mostra del suo antico splendore, al centro tra via Alighieri, viaPoerio, verso Corso Umberto e la Chiesa barocca di san Domenico. Casa Pace, con Usuo terrazzofiorito e il sottoposto medaglione dedicato dalla Società Operaia il 4 luglio 1907a Giuseppe Garibaldi per il centenario della sua nascita, conserva alsuo interno laprezio­sa statua di Santa Caterina d'Alessandria, scolpita nel 1511 dal celebre scultore pugliese Stefano da Putignano (1470-1539).

Un "patrimonio di comunità" affascinante e vissuto, con persone, vicende, relazioni sociali, che è rimasto nell'inconscio collettivo. (Antonio Scialpi)

Un particolare ringraziamento a Francesco Terrulli, Camillo Pace e famiglia, Vito Colucci, Adriana Lucarelli). Sihio Laddomada, Rosa Maria \inci, Pasquale Mega, Graziano Leserri, Paola Cito, Aldo Narcisi, Gianni eLuca Genco.

Read 297 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1226 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa