ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 19 Settembre 2019 07:57

Parma - Le squadre del Torneo qualificatorio di baseball verso Tokyo 2020

Written by 
Rate this item
(0 votes)

In Municipio le squadre che parteciperanno al Torneo qualificatorio di baseball per le Olimpiadi di Tokyo 2020, organizzato dalla WBSC, la Federazione Mondiale di baseball e softball.

Parma sarà protagonista di un evento sportivo senza precedenti, dal 18 al 22 settembre: la nostra città parteciperà infatti alle qualificazioni olimpiche di baseball “Europa - Africa” valide per l’accesso a Tokyo 2020, una manifestazione che coinvolgerà il mondo intero.

Oggi la presentazione delle squadre in Municipio, alla presenza di Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, Marco Bosi, vicesindaco con delega allo Sport del Comune di Parma, Massimo Fochi, promotore dell'evento, Pierluigi Bissa, presidente della Fortitudo Baseball di Bologna, e Riccardo Fraccari, presidente Wbsc.

“Siamo orgogliosi – ha detto il sindaco Pizzarotti – che la città di Parma e il suo tessuto sportivo abbiano reagito così positivamente alla sfida di ospitare un evento tanto significativo, unendo le forze e le competenze per organizzarlo al meglio”.

“Il baseball – ha detto il vicesindaco Bosi – è uno sport che appartiene alla tradizione della nostra città e ospitare questo evento è un grande onore. I giochi olimpici sono inoltre una preziosa opportunità per trasmettere alle giovani generazioni i veri valori dello sport, in grado di superare ogni confine”.

“Abbiamo voluto che questo evento – ha detto il promotore Massimo Fochi – fosse attraente non solo per la comunità del baseball ma anche per chi vuole avvicinarsi a questo sport. Per questo abbiamo pensato a tanti appuntamenti collaterali che possano coinvolgere trasversalmente un ampio pubblico”.

“L'organizzazione di una manifestazione così complessa – ha sottolineato il presidente Bissa – è stata possibile solo grazie alla collaborazione intensa tra i vari attori dei territori di Parma e Bologna. Una sfida che è stata affrontata con grande entusiasmo da tutti”.

A spiegare nel dettaglio lo svolgimento del torneo e le novità sul campo è intervenuto Riccardo Fraccari, presidente Wbsc.

Saranno 6 le Nazionali che parteciperanno alle qualificazioni per le Olimpiadi 2020 che si disputeranno dal 18 al 22 settembre nell’impianto Nino Cavalli a Parma e a Bologna, Repubblica Ceca, Israele, Italia, Olanda, Sudafrica e Spagna (cinque dunque del campionato europeo e la prima del torneo continentale dell'Africa). Solo la prima classificata accederà ai Giochi.

Parma si prepara così ad accogliere un evento sportivo di grande portata, senza precedenti e di grande prestigio, visto che Tokyo 2020 vedrà il ritorno storico del baseball come disciplina olimpionica e ci sono grandi aspettative.

Per la nostra città sarà dunque un’occasione unica: la possibilità di ospitare le più importanti nazionali europee e la migliore africana che si avvicenderanno sul terreno di gioco del Cavalli per guadagnarsi la possibilità di qualificarsi e partecipare alle Olimpiadi; una esperienza magica per atleti e spettatori che faranno tutto il possibile per farne parte.

In una data ancora da definirsi della primavera 2020 si svolgerà l'ultimo torneo di qualificazione, ospitato da Taipei City a Taiwan. Sarà un torneo a sei, al quale parteciperanno la seconda classificata del qualificatorio di Europa e Africa in programma a Parma e Bologna, la seconda e la terza del torneo qualificatorio delle Americhe in Arizona, le prime due dei Giochi Asiatici, escluse le squadre, già qualificate e i campioni dell'Oceania.

Ecco le novità assolute per l'Europa introdotte nelle competizioni internazionali di baseball

Nell'ottica di tenere sotto controllo la durata delle partite, la WBSC ha deciso, per scandire il tempo di gioco, di utilizzare orologi digitali e visibili dal campo di gioco e dai dugout destinati ad aiutare la gestione della gara

Orologio per il tempo di lancio

Il conto alla rovescia inizierà a 20 secondi. L'orologio sarà in funzione per tutta la durata della partita, inclusi eventuali inning supplementari, ma solo nelle situazioni in cui non ci sono corridori in base.

Il conto alla rovescia inizierà quando il lanciatore riceve la palla. A quel punto il battitore avrà 10 secondi per raggiungere il box di battuta.

Il battitore deve tenere un piede nel box di battuta tra un lancio e l'altro. Se non lo farà, gli potrà essere addebitato uno strike, a meno che la fase di gioco (ad esempio, un lancio che rischia di colpirlo) non lo porti ad abbandonare il box o a meno che l'arbitro e/o il lanciatore non lascino la loro posizione.

In caso di violazioni, l'arbitro avvertirà il giocatore solo una volta e procederà poi con la sanzione.

Visite

Il tempo della visita di un coach al lanciatore sarà scandito da un conto alla rovescia che partirà da 30 secondi. L'orologio si attiverà quando il tecnico varcherà la linea di foul e il tecnico dovrà fare ritorno alla panchina quando il conto alla rovescia sarà arrivato a 0 (zero).

Gli arbitri avvertiranno i tecnici solo una volta in caso di violazioni.

Cambio dei lanciatori

Il tempo per effettuare il cambio del lanciatore sarà di 90 secondi e sarà scandito da un conto alla rovescia, che inizierà quando il rilievo entrerà sul terreno di gioco.

Il rilievo non avrà più di 8 lanci a disposizione e il catcher riceverà in ogni caso il segnale di ultimo lancio quando il conto alla rovescia sarà arrivato a 15. Il battitore dovrà entrare nel box quando il conto alla rovescia sarà arrivato a 0 (zero) o se gli verrà indicato dall'arbitro.

Gli arbitri avvertiranno solo in occasione della prima violazione. Dopo di che la squadra in difesa sarà punita con un ball. In caso di violazione del battitore, la squadra in attacco sarò punita con uno strike.

In caso di modifica ai tempi destinati ai cambi dei lanciatori, dovute ad esempio alle esigenze televisive, l'arbitro avvertirà le squadre per tempo.

Cambi campo

Il cambio campo dovrà avere una durata massima di 90 (novanta) secondi. Eventuali aggiustamenti nel tempo a disposizione del cambio campo (fino a 120 secondi) su eventuale richiesta delle televisioni saranno tempestivamente comunicati alle squadre dall'arbitro capo.

Questo tempo sarà scandito da un conto alla rovescia, che inizierà quando l'ultimo giocatore della squadra in difesa avrà raggiunto la linea di foul vicina al suo dugout.

L'unica eccezione riguarderà la manutenzione del campo al quinto inning, che potrà durare fino a 5 (cinque) minuti.

I lanci di riscaldamento a disposizione del lanciatore sono al massimo 8 (otto). Quando il conto alla rovescia avrà raggiunto 30, il catcher dovrà effettuare il tiro in seconda.

Dopo un avvertimento, in caso di violazione la squadra in difesa sarà punita con uno strike, la squadra in attacco con un ball.

Video replay

Ogni manager potrà chiedere che una chiamata arbitrale sia rivista al replay una volta nel corso dei 9 inning di una partita. Se la decisione presa sul campo verrà capovolta dall'arbitro al video, il manager manterrà il diritto a chiedere una revisione. Se la partita si protrarrà ai supplementari, le squadre riceveranno il diritto a una richiesta di revisione supplementare.

Dall'inizio dell'ottava ripresa, gli arbitri potranno rivedere a loro scelta una giocata.

La decisione dell'arbitro al video non è appellabile.

Ai manager verrà consegnata una lista completa delle azioni che non possono essere oggetto di revisione.

La procedura per chiedere la revisione

Il manager deve dichiarare che ha intenzione di chiedere la revisione. Da quel momento ha 10 (dieci) secondi di attesa per decidere se dare seguito. Dopo aver interrotto l'attesa, ha 20 secondi di tempo per iniziare formalmente la richiesta di revisione.

Quando il manager decide di rivedere una chiamata, deve dirigersi dall'arbitro capo e indicare quale chiamata intende sottoporre a revisione. A quel punto l'arbitro confermerà se la chiamata è rivedibile.

Read 154 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1206 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa