ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 09 Ottobre 2019 15:49

Tragedia Trieste. Commenti orrendi sui social. Il Sap denuncia tre persone

Written by 
Rate this item
(0 votes)

«Non c’è limite all’indecenza. I nostri colleghi Demenego e Rotta erano morti da sole poche ore e sul web, più di qualcuno, ha pensato di spargere odio offendendo la loro memoria e il loro sacrificio. Come sempre non siamo rimasti a guardare e li abbiamo denunciati alla Procura della Repubblica».

A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap).

Le persone che il Sap ha denunciato sono tre: Massimiliano Graziani che ha scritto su facebook, “Sbirri di merda adesso per vendicare il povero Stefano Cucchi devono sbranarvi in gabbia adesso è quasi arrivato il vostro momento… mo vi voglio proprio vedere merde secche…Stefano Cucchi vive e voi dovete pecorizzarvi tutti i giorni e spero che incontrate chi vi sottomette bene a dovere dalla mattina alla sera…merde merde merde le notti saranno lunghe e non vi devono dare tregua vi devono mangiare vivi…Riposa in pace Stefano in tanti ti vogliamo bene….”; Francesco Beninati che ha scritto: “Sucate sbirri di merda più forte di prima”; Giuseppe Cammalleri: “Due sbirri sono stati uccisi e a me’morte a loro e salute mia”.

«Non è tollerabile – prosegue Paoloni - gioire per la morte di due poliziotti e augurarsi che sciagure del genere si ripetano con maggiore frequenza, solo per dare sfogo a pensieri dettati da una ideologia insana e antipolizia. Ci auguriamo – conclude – che siano presi giusti provvedimenti nei confronti di queste persone. Lo dobbiamo alla memoria dei colleghi e al dolore dei loro famigliari». 

(Nota redazione abbiamo visto le immagini forniti dal comunicato stampa e diamo atto del loro contenuto non pubblichiamo per dare ulteriore spazio all'indecenza)

Read 151 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1045 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa