ANNO XV Febbraio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 31 Ottobre 2019 22:15

Commissione Sagre,Parolin: "Astensione destra preoccupa" Ebrei Roma, astensione pericolosa

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La 'commissione Segre' è un "grande risultato istituzionale per il nostro Paese, di grande valore. Certo sconcerta un po' l'astensione di alcune forze politiche, una scelta che riteniamo sbagliata e pericolosa. In questo momento c'è bisogno di unita' e non bisogna lasciare adito ad alcuna ambiguità". Cosi' la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello a margine dell'inaugurazione della targa toponomastica "Via Elio Toaff" a Roma. Dureghello ha parlato di "un momento complicato per gli ebrei in Europa".

"Mi preoccupa - ha detto il cardinale Parolin sulla vicenda dell'astensione - nel senso che su alcune cose, su valori fondamentali dovremmo essere tutti uniti. Ci sono cose su cui dovremmo convergere. Io penso che l'invito sia a riflettere sui valori fondamentali. Ci vogliono basi comuni. Poi naturalmente anche qui c'è il pericolo di politicizzare tutto ciò e dovremmo davvero uscire da questo".

"Mi preoccupa, su alcune cose come i valori fondamentali dovremmo essere tutti uniti". Il segretario di Stato Vaticano Piero Parolin dà voce alla preoccupazione per l'astensione della destra sulla Commissione Segre contro odio e antisemitismo. A margine di un evento alla Lateranense dedicato ai diritti umani e alla pace, il cardinale ha detto: "Ci sono cose su cui dovremmo convergere. Io penso che l'invito sia a riflettere sui valori fondamentali". E ha aggiunto: "Ci vogliono basi comuni. Poi naturalmente anche qui c'è il pericolo di politicizzare tutto ciò, dovremmo davvero uscire da questo".
Di "un grande risultato istituzionale per il paese, di grande valore e importanza" ha parlato la presidente della comunità ebraica di Roma Ruth Dureghello sottolineando: "Sconcerta un po' l'astensione di alcune forze politiche che riteniamo una scelta sbagliata e pericolosa. In questo momento c'è bisogno di unità"".

''La Presidenza e la Segreteria nazionale Anpi esprimono soddisfazione e apprezzamento per il voto favorevole del Senato all'istituzione di una Commissione parlamentare di indirizzo e controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all'odio. Un importante e concreto segnale di civiltà democratica sollecitato dall'instancabile, coraggiosa e preziosa Senatrice a vita Liliana Segre. Nel contempo, esprimono profonda preoccupazione e condanna rispetto all'astensione da parte dei senatori delle forze politiche di centro-destra, un atteggiamento grave e fortemente irresponsabile, in quanto interpretabile come atto di legittimazione dei fenomeni che la Commissione intende contrastare''. Così in una nota la Presidenza e la Segreteria nazionali Anpi.

"La testimonianza del sacrificio dei protagonisti di quei travagliati momenti - una generazione duramente colpita che ha però saputo trovare la forza per reagire e porre le fondamenta di un Paese libero e democratico - è per tutti noi e per le nuove generazioni un insegnamento e anche un monito a non abbassare mai la guardia e a non sottovalutare tentativi che negano o vogliono riscrivere la storia contro l'evidenza, allo scopo di alimentare egoismi, interessi personali, discriminazioni e odio": ha detto, riferendosi alla Seconda Guerra Mondiale, il presidente Sergio Mattarella al Quirinale alla cerimonia di consegna delle insegne dell'Ordine militare d'Italia, in occasione del giorno dell'Unità nazionale e Giornata delle Forze Armate.

Mercoledì il Senato ha approvato la mozione della maggioranza a prima firma della senatrice a vita con 151 sì, 98 astensioni e nessun no. Il centrodestra compatto non l'ha votata, facendo saltare l'unanimità e provocando l'attacco feroce di Italia viva, Democratici e 5Stelle.

Oltre al documento della maggioranza, sul tavolo di Palazzo Madama c'erano altre quattro mozioni (due di FdI, una della Lega e una di FI). Avviata la discussione, dalle opposizioni sono cominciati i distinguo. Eppure, l'ex bambina che fu deportata ad Auschwitz e una dei 25 piccoli italiani sopravvissuti all'Olocausto, contava su un voto il più ampio possibile. "Speravo che sull'odio in generale il Senato sarebbe stato festante e avrebbe trovato una sintonia generale", ammette amara Segre. Dopo l'approvazione, l'Aula l'ha applaudita a lungo, tutti in piedi ed Emma Bonino si è avvicinata e le ha stretto la mano. Del resto la vicinanza a parole è stata unanime, specie dopo i tanti insulti ricevuti. Tuttavia a non convincere il centrodestra, alcuni passaggi del testo. Per FdI, ad esempio, tra le espressioni di odio nella mozione si citano nazionalismo ed etnocentrismo e allora il senatore Giovanbattista Fazzolari osserva: "Così si mette fuori legge Fratelli d'Italia".

Per la Lega non è in dubbio la buona fede e la storia dell'ex deportata ma il rischio di "un uso strumentale" della commissione. Il capogruppo Massimiliano Romeo in Aula fa qualche esempio: "Sostenere che la famiglia formata da un uomo e una donna è un'espressione di odio rispetto ad altri tipi di famiglia? Dire che l'immigrazione illegale può mettere a repentaglio la nostra civiltà, è odio?". Da qui il niet leghista alla proposta lanciata dal Pd di votare un'unica mozione, partendo da quella Segre, per non fare "una classifica" di diversi tipi di odio. Ma a far saltare il tentativo di unità si è aggiunta Iv: "Non mettiamo nessuna firma a una mozione con la Lega - è la stilettata del capogruppo Davide Faraone - perché i contenuti delle mozioni sono alternativi". Per un po' FI tenta la strada dell'unità, sperando in un testo condiviso ma alla fine cede e segue gli alleati: "Riteniamo troppo ambiguo il passaggio sul contrasto ai nazionalismi - spiega Lucio Malan per giustificare l'astensione - e la necessità di colpire anche dichiarazioni sgradite, anche quando non siano lesive della dignità della persona".

Read 542 times

Utenti Online

Abbiamo 1115 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« February 2021 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28