ANNO XIV Gennaio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 29 Novembre 2019 20:13

Paura a Londra per attacco 'terroristico'. Tre morti e otto feriti. Ucciso l'attentatore

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L'uomo è stato bloccato dai passanti prima di essere neutralizzato dalla polizia ed è poi morto a seguito dei colpi ricevuti. Aveva un coltello e anche un finto giubbotto esplosivo. Fermata la metropolitana. La zona è stata teatro in passato di altri attentati di matrice jihadista

Londra ripiomba nella paura del terrorismo . Nel pomeriggio di oggi il London Bridge è stato evacuato e transennato dalla polizia londinese che ha chiuso l'intera zona dopo che un uomo armato di coltello ha attaccato alcuni passanti prima di venire ucciso a colpi di arma da fuoco dalla polizia. Secondo la Bbc che cita fonti della Difesa, tre persone sono morte, tra cui l'attentatore.

Sangue e terrore nel cuore di Londra a meno di due settimane dalle elezioni britanniche. E l'incubo ha ancora una volta le sembianze del lupo solitario, entrato in azione con un coltellaccio in mano e indosso un finto giubbotto esplosivo a seminare paura e morte tra la folla di London Bridge, prima di essere freddato dalla polizia. Il bilancio è di tre persone uccise e 8 feriti, come ha confermato Scotland Yard, attribuendo all'episodio tutti i connotati del "grave atto di terrorismo", seppure senza sbilanciarsi ancora in serata sulla possibile matrice.

"La gente correva nel panico tra le urla, subito è arrivata la polizia che ha bloccato ed evacuato il Borough Market pieno di gente e turisti, le persone si sono barricate all'interno dei negozi. Siamo ancora tutti in attesa di indicazioni", lo riferisce un giornalista dell'ANSA che si trova nel famoso mercato londinese, a pochi passi dal London Bridge.

"Posso confermare - ha detto ai giornalisti Neil Basu, numero 2 di Scotland Yard e responsabile dell'antiterrorismo - che la polizia è stata chiamata per un episodio di accoltellamento attorno alle 14 e che un uomo di sesso maschile è stato colpito con armi da fuoco da agenti specializzati. Il sospetto è morto sul posto". "Posso inoltre confermare che il sospetto indossava un equipaggiamento che al momento riteniamo fosse un falso ordigno esplosivo", ha aggiunto Basu, ribadendo che l'episodio è indagato come un atto di terrorismo, ma senza sbilanciarsi sulla possibile matrice né comunicare per ora l'identità dell'ucciso. Confermato infine il bilancio di alcune persone ferite fra le vittime dell'accoltellamento, ma non di morti.

L'aggressore ha avuto una colluttazione con persone in abiti civili prima di essere neutralizzato della polizia, intervenuta pochi minuti dopo l'allarme scattato alle 14 ora locale circa, le 15 in Italia. Lo mostrano le immagini di un video rimbalzato sui media britannici, dove si vede un uomo per terra, presumibilmente l'aggressore, e alcune persone che sembrano essere passanti in lotta con lui.

Il servizio di ambulanze di Londra twitta a sua volta di aver inviato alcune ambulanze sul posto. La zona è stata teatro negli anni scorsi di un attacco terroristico di matrice jihadista. Chiusa temporaneamente pure la stazione della metropolitana e dei treni di London Bridge.

Al momento restano "in lockdown" a Londra sia l'area del ponte, teatro della sparatoria, sia alcuni luoghi pubblici intorno, fino alla zona dei ristoranti di Borough Market. E' stato inoltre evacuato per ragioni apparentemente di prudenza il palazzo che ospita gli uffici di News Uk, sussidiaria britannica del gruppo editoriale di Rupert Murdoch, di fronte allo Shard, il più alto grattacielo di Londra progettato a suo tempo da Renzo Piano.

Il primo ministro britannico Boris Johnson è tornato a Londra per seguire da Downing Street gli sviluppi dell'attacco di London Bridge. Lo riferisce la Bbc. In precedenza Johnson aveva condannato l'aggressione via Twitter, manifestando vicinanza alle vittime. Il premier era impegnato nel primo pomeriggio nel suo collegio elettorale in un evento pubblico in vista del voto del 12 dicembre. E aveva appena promesso aiuti alle imprese britanniche da parte del governo, in forma di sostegno e sgravi per il dopo Brexit. La sua campagna ha avuto in queste settimane fra i temi centrali quello della promessa di rafforzare i ranghi della polizia - con il reclutamento di 20.000 agenti in più annunciato fin dai mesi scorsi - e di contrastare l'impennata di episodi di criminalità nelle strade di Londra e di altre città del Regno, legata in particolare all'uso di coltelli.

 "Il mio cuore - prosegue Khan - è con le vittime e con le loro famiglie. Grazie ai nostri coraggiosi servizi di emergenza per la coraggiosa risposta all'orrendo attacco di oggi. Noi dobbiamo - e vogliamo - rimanere risoluti nella nostra determinazione di essere forti di fronte al terrore. Quelli che ci attaccano e cercano di dividerci non avranno mai successo".

C'è massima attenzione da parte della polizia Antiterrorismo italiana dopo gli episodi di Londra, dove un uomo con un finto giubbotto esplosivo - poi ucciso dagli agenti - ha accoltellato almeno quattro persone a London Bridge. Al momento, a quanto si apprende, non si evidenziano segnali specifici di minaccia per il nostro Paese anche se, si apprende da ambienti della polizia, il livello è costantemente di massima allerta dopo gli attentati degli ultimi anni.

Johnson - "Le indagini sull'incidente terroristico sono in corso. Chiunque sia coinvolto in questo crimine verrà perseguito e portato davanti alla giustizia", ha dichiarato il premier britannico, Boris Johnson, lodando ancora una volta "il coraggio" delle squadre di pronto intervento e dei passanti intervenuti. Il Regno Unito "non verrà mai intimidito da questo tipo di attacchi e i nostri valori prevarranno", ha dichiarato. "Voglio ringraziare i servizi di emergenza e il pubblico per il loro immenso coraggio nel rispondere a questo sospetto attacco terroristico al London Bridge. Si tratta di un incidente terribile e i miei pensieri vanno alle vittime e alle famiglie", si legge in un post su Twitter.

Khan - Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha chiesto ai cittadini di ''rimanere determinati e restare uniti di fronte al terrore'' dopo l'attacco di oggi sul London Bridge. "Un certo numero di persone è rimasto ferito alcune di loro in modo grave. I miei pensieri vanno a loro, alle loro famiglie e alle persone coinvolte", ha aggiunto assicurando che "non appena sarà possibile fornire un aggiornamento sulle loro condizioni, la polizia metropolitana lo farà", ha dichiarato. ''Grazie ai nostri coraggiosi servizi di emergenza che hanno risposto all'orribile attacco di oggi. Ogni giorno mettono la loro vita a rischio per noi, andando incontro al pericolo per mantenere Londra al sicuro'', ha proseguito Khan. ''Dobbiamo, e lo faremo, restare determinati, forti e uniti di fronte al terrore. Chi ci attacca e cerca di dividerci non avrà mai successo'', recita l'appello del sindaco.

Corbyn - Anche il leader laburista britannico Jeremy Corbyn ha voluto ringraziare via Twitter la polizia e i soccorsi per la pronta risposta all'attacco. ''Notizie scioccanti dal London Bridge. Il mio pensiero va a coloro che sono rimasti coinvolti nell'incidente. Grazie alla polizia e ai servizi di emergenza per come avete risposto'', ha scritto Corbyn.

 

Read 253 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1110 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa