ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 14 Dicembre 2019 04:04

Pulsano (Taranto) – Angelo Di Lena interviene sul taglio eccessivo di alberi oltre alla potatura

Written by 
Rate this item
(0 votes)

€. 35.712,00 è il costo totale per la procedura di esecuzione di lavori di taglio e potature ad alberi di alto fusto nelle scuole di Pulsano. La cronistoria del Consigliere comunale Di ANGELO DI LENA:

“Il consigliere Angelo Di Lena durante la stagione estiva ha assistito alle operazioni di taglio di alcuni alberi di alto fusto (Pini d’Aleppo) all’interno del plesso scolastico” E.De Nicola” e non solo ...

Si precisa che già da tempo con diversi comunicati ed interrogazioni si chiedeva un intervento di verifica della stabilità delle alberature situate nel territorio urbano.

Tale richiesta nasceva a seguito degli eventi calamitosi che si sono verificati tra il 10 ed il 13 luglio che hanno particolarmente interessato il territorio di Pulsano (tromba d’aria e piogge torrenziali).

Pur nella consapevolezza che vi fossero determine dirigenziali riguardanti interventi urgenti sugli alberi di alto fusto delle scuole di Pulsano mi permisi di sollevare alcune obiezioni.

Innanzitutto leggendo le relazioni tecniche del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione si evinceva la necessità di interventi di potatura degli alberi e, solo come seconda ipotesi, di taglio degli alberi stessi.

E poi di seguito, pur essendo evidenziate situazioni critiche in diversi punti della struttura, non mi sembrava, a mio parere, di notare situazioni di estrema pericolosità a causa dagli alberi e se proprio ve ne fosse qualcuna questo avrebbe giustificato il taglio solo di quegli alberi presenti nei pressi delle situazioni più critiche.

Non si vedeva inoltre una verifica tecnica riguardante la stabilità degli alberi redatta da un dottore agronomo o da un dottore forestale, gli unici professionisti effettivamente competenti ad esprimere questo importante parere tecnico, attraverso il quale si può giustificare o meno il taglio di un albero.

Si riteneva quindi eccessivo il taglio di alcuni alberi situati all’interno dei plessi scolastici e anche all’esterno , e vi era la violazione della legge n. 10 del 2013 entrata in vigore nel febbraio dello stesso anno che riguardava la tutela degli alberi facenti parte del patrimonio pubblico ,in particolare l'art. 7.

Probabilmente una procedura diversa dal punto di vista tecnico ed amministrativo avrebbe limitato il taglio a quegli alberi che presentavano maggiori problemi di stabilità e costituivano un problema per l’incolumità di quanti frequentano il plesso scolastico in questione.

Ma è più che evidente che la maggioranza è più interessata a multare i cittadini che bestemmiano che attuare un regolamento che riduca le elevate uscite di denaro dalle casse comunali già indebitate che abilmente mascherano con tagli di nastri apparentemente gratuiti per fingersi ambientalisti ”.

Read 285 times

Utenti Online

Abbiamo 1196 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine