ANNO XV Marzo 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 19 Dicembre 2019 22:09

Caso Gregoretti, Salvini: "Scelta fatta con Conte e Di Maio". Palazzo Chigi: mai discusso del caso in Cdm

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il M5s afferma che non si trattò di atto politico del governo ma di "propaganda" di Salvini, e Palazzo Chigi fa sapere che la questione non fu mai discussa in Cdm Intanto la Sea Watch torna in mare, vince l'appello. L'ong: 'La giustizia trionfa'. Il leader della Lega: "Sospeso sbarco per 4 giorni, in attesa dei Paesi Ue

"Io ho sospeso uno sbarco per quattro giorni, in attese che i Paesi europei facessero il loro dovere". Così Matteo Salvini, a 'L'aria che tira' su La7, risponde a una domanda sul caso Gregoretti e sul rischio di processo per sequestro di persona.

"Per tutelare sicurezza e onore, sono state fatte scelte prese insieme" agli altri del governo, aggiunge: "Ci fu una sospensione di 4 giorni, fino a che 5 Paesi Ue e i vescovi presero l'impegno" ad accogliere i migranti. "Fu - assicura - una cosa condivisa con Di Maio e Conte. Ci sono i fatti, le mail, fu un decisione collegiale". E ancora: "Quello che ho fatto, l'ho fatto da ministro e lo rifarò se gli italiani lo vorranno ancora" dice il leader della Lega, riferendosi alle prossime elezioni.

Con Di Maio e Conte "ci sono rimasto male umanamente, mi è sembrato squallido: l'anno scorso dicevano 'arrestateci tutti', 'abbiamo scelto insieme'" aggiunge Salvini. Il leader M5S ha fatto sapere di essere contrario all'immunità, come capitato nel caso Diciotti. "Anche la Diciotti - aggiunge Salvini - era una nave militare, come la Gregoretti".

La Sea Watch annuncia che tornerà in mare dopo 5 mesi. "Sea Watch ha vinto l'appello alla Tribunale Civile di Palermo: la SeaWatch3 è libera! Dopo più di cinque mesi bloccati in porto a Licata, ci stiamo preparando per tornare in mare. La giustizia trionfa sul (ex) decreto sicurezza", scrive la ong su Twitter.

Intanto c'è stata la prima riunione della giunta delle immunità del Senato sulla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell'ex ministro Matteo Salvini per il caso Gregoretti. Sulla vicenda il leader M5s Di Maio stuzzica l'ex alleato di governo. "Lo vedo un po' impaurito, ma ognuno si deve prendere le sue responsabilità. Mi sembra sia ben chiaro che la questione Gregoretti non è come la questione Diciotti. Quest'ultima fu una decisione del Governo, la Gregoretti fu propaganda".

L'ex ministro replica: "Sono scettico che ci possa essere qualcuno che viene processato per il suo lavoro. Non vedo l'ora, se mi vorranno processare chi se ne frega!".

"Abbiamo incardinato la procedura che riguarda il caso Gregoretti - ha spiegato la senatrice M5s Elvira Evangelista - abbiamo potuto visionare la domanda di autorizzazione a procedere e abbiamo fissato 4 convocazioni a gennaio. Si andrà sicuramente al voto Il 20 gennaio". 

"Nel caso in esame - scrive il tribunale dei ministri -  poiché i fatti hanno coinvolto una nave della Guardia Costiera Italiana, e quindi, una nave militare, non trovano applicazione le norme contenute nel cosiddetto Decreto sicurezza bis". Il ministro dell'Interno non può infatti vietare l'ingresso, il transito o la sosta a "naviglio militare" o a "navi in servizio governativo non commerciale.

"La questione relativa alla vicenda della nave 'Gregoretti' non figura all'ordine del giorno e non è stata oggetto di trattazione nell'ambito delle questioni 'varie ed eventuali' nel citato Consiglio dei Ministri (31 luglio 2019, ndr), né in altri successivi". E' quanto è scritto sul caso Gregoretti in una nota firmata dal Segretario generale di Palazzo Chigi e inviata l'11 ottobre scorso al Tribunale dei ministri di Catania, citata nella richiesta di autorizzazione a procedere per Salvini.

Read 386 times

Utenti Online

Abbiamo 980 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« March 2021 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31