ANNO XIV Febbraio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 28 Dicembre 2019 02:36

Resti umani nello stomaco di uno squalo tigre catturato alle Reunion

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Gli investigatori, attraverso l’esame del Dna, sperano di arrivare a un’identificazione dei resti umani, probabilmente appartenenti a un kayaker di 70 anni

In una puntata di “Csi Miami”, gli agenti indagano su resti umani trovati nella pancia di uno squalo. Dalla fiction alla realtà: la polizia insieme agli scienziati dello Shark Safety Center (CSR). sono impegnati in un caso identico e sta lavorando per scoprire chi sia la vittima. E’ giovedì sera, dei pescatori sono impegnati in una "battuta" al largo di Saint-leu (a ovest dell'isola francese di Reunion, nell'Oceano Indiano).

Sperano di prendere delle cernie. Invece, secondo il racconto riportato dai media locali, catturano uno squalo tigre di 3,5 metri: non appena lo sistemano a bordo rigurgita un braccio. I pescatori decidono di rientrare in porto mentre contattano via radio la polizia.

Una volta a terra gli agenti incidono la pancia dello squalo e trovano le braccia e una collana. I resti sono trasferiti al laboratorio di medicina legale dove oggi è stata effettuata l'autopsia: in base ai primi rilievi la vittima sarebbe un uomo di un kayaker di 70 anni scomparso il 12 dicembre nella laguna di Saline (ovest), di cui i famigliari hanno riconosciuto la collanina. Non sono stati rinvenuti al momento altri resti dell'uomo.

Troppo presto per dire se sia stato ucciso dal predatore o se invece era già cadavere al momento dell'assalto. Gli investigatori, attraverso l’esame del Dna, sperano di arrivare a un’identificazione. Una scoperta simile è stata fatta il 6 novembre quando sono stati trovati una mano e un avambraccio nello stomaco di uno squalo tigre catturato al largo della costa di Saint-Gilles (ovest). L'indagine stabilì quindi che erano i resti di un turista scozzese scomparso due giorni prima mentre faceva il bagno nella laguna dell'Ermitage (ovest). Purtroppo gli attacchi di squali nell'isola de La Réunion non sono infrequenti. Si tratta del 26mo attacco dal 2011 da parte di uno squalo nel mare che circonda l'isola; l'ultimo. La metà di questi attacchi, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha coinvolto surfisti e bodyboarder.

Read 275 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 954 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa