ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 26 Marzo 2020 20:38

Maduro, Diosdado e 12 leader del regime sono accusati di traffico di droga e riciclaggio di denaro da parte degli Stati Uniti.Taglia da 15 milioni di dollari su Maduro

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nicolás Maduro, Diosdado Cabello e 12 leader del regime Chavista sono stati incriminati dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti con accuse come il traffico di droga e il riciclaggio di denaro. Il dipartimento di Stato Usa offre sino a 15 milioni di dollari per informazioni utili all'arresto del presidente venezuelano Nicolas Maduro.


Il presidente del Venezuela è stato incriminato negli Usa con accuse di traffico di droga dopo un'inchiesta delle autorità federali a Washington, New York e in Florida. Il NYT scrive che dovrebbero essere annunciate accuse anche contro una decina di altre persone, compresi dirigenti governativi e dell'intelligence e membri delle Forze armate rivoluzionarie (Farc), che hanno finanziato a lungo le loro attività con il traffico di cocaina.

Gli Stati Uniti hanno offerto una ricompensa di $ 15 milioni per informazioni che hanno portato all'arresto di Nicolás Maduro; 10 milioni per Diosdado Cabello, Hugo Carvajal, Cliver Alcalá e Tarek El Aissami per il traffico internazionale di stupefacenti.

Geoffrey Berman, procuratore del sud di New York, ha dichiarato che: “I leader delle FARC stavano ricevendo armi di alto livello dal Venezuela. Questo è Maduro, il leader del cartello Soles ".

"Al momento è in Venezuela, ma faremo tutto il possibile per renderlo giustizia davanti al Venezuela. Offriamo una ricompensa di $ 15 milioni per la sua cattura e offriamo $ 10 milioni per le informazioni per guidare la sua cattura", ha aggiunto.

"Maduro è ora in Venezuela, ma può viaggiare all'estero e vogliamo saperlo."

Il Dipartimento di Stato ha offerto una ricompensa di $ 15 milioni per le informazioni che hanno portato all'arresto di Maduro.

Ariana Fajardo, procuratore distrettuale del distretto della Florida meridionale, ha dichiarato che: "Maikel Moreno è accusato di riciclaggio di denaro e di atti di cospirazione per commettere riciclaggio di denaro".

"Le accuse mosse contro Maikel Moreno dimostrano che questa linea di difesa è stata distrutta in Venezuela. Il Venezuela si è deteriorato in uno stato di corruzione ".

“I pubblici ministeri stanno facendo tutto il possibile per questo caso e vi hanno partecipato. Questo è solo l'inizio del nostro sforzo ".

D'altra parte, il procuratore generale degli Stati Uniti, William Barr, ha indicato che: “Il regime di Nicolás Maduro ha colpito troppo il popolo venezuelano e ha corrotto tutte le istituzioni del paese. Si riempiono le tasche con i soldi del traffico di droga ".


Leggi il comunicato completo QUI

"Dobbiamo sottolineare a tutti ciò che il regime sta facendo al popolo venezuelano. Le vittime che ha lasciato. Dovevano essere intraprese azioni correlate alla nostra politica internazionale ", ha aggiunto.

“Non stiamo agendo come la polizia del mondo. Questi crimini implicano, ovviamente, il riciclaggio di denaro. È nostra responsabilità garantire che ciò non continui a verificarsi. "

"Prevediamo di catturare questi imputati e poi avanzeremo tutti gli sforzi con gli altri", ha detto.

"Questo è un buon momento per farlo, la gente in Venezuela sta soffrendo, eliminando un regime che sta bloccando le forniture. Pensiamo che il miglior aiuto che possiamo fare sia aiutare il Paese a uscire da questo ragazzo corrotto ", ha aggiunto.

Allo stesso modo, Brian Boczkowski, procuratore degli Stati Uniti noto per aver gestito il caso del trafficante di droga Joaquín "El Chapo" Guzmán, ha presentato accuse contro Vladimir Padrino López, per aver utilizzato il Venezuela come via di transito per il traffico di droga verso gli Stati Uniti.

Con informazioni dell'Ansa, La Patilla e Agenzie internazionali

Read 559 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 943 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa