ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 24 Aprile 2020 05:43

Due eventi radici per commemorare il 25 aprile e viverlo oggi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Cari amici e lettori, rieccoci all’occasione di una data irrinunciabile per l’Italia: il 25 aprile. Una data, in questi ultimi anni, dimenticata e messa perfino in discussione da gruppi politici e da una certa parte della società e della stampa segnati da rigurgiti di sovranismo e reminiscenze fasciste. Quest’anno, è la pandemia a bloccare lo slancio per festeggiarla: un nemico ancora più insidioso e onnipresente.

Questo ci ha interpellati e ci siamo detti che bisognava fare qualcosa. Due anni senza il 25 aprile, è troppo. Ma cosa rappresenta questa data per noi italiani? Lo abbiamo già ricordato, questa data è stata scelta per celebrare la liberazione perché settantacinque anni fa, il 25 aprile 1945, proprio nella città di Milano, sede del comando dei partigiani, ieri martirizzata dal nazifascismo e oggi dal coronavirus, è partito l’appello all’insurrezione armata della città contro il fascismo.
Molti anni dopo la fine di un orribile regime totalitario e l’entrata in vigore di una Costituzione democratica, l’ideologia autoritaria è sempre pronta a ritrovare una base di consenso consistente, cioè a ridiventare fascismo. Le rinascite autoritarie hanno spesso le loro origini nella follia malata di un gruppo di politici o di militanti. Ecco perché il 25 aprile deve rimanere una data viva nello spirito della gente per rilanciare parole d’ordine come speranza, coraggio, equità, sostenibilità, comunità e libertà.
Ed ecco la proposta di RADICI In questo periodo di confinamento e in omaggio all’Italia della resistenza e a quella duramente colpita dall’epidemia di Covid-19, la rivista vi propone due serate musicali eccezionali. Eventi visibili su YouTube a partire dal sito di RADICI : www.radici-press.net.
DA CONDIVIDERE CON GENEROSITÀ
I due eventi saranno visibili su Internet, in accesso libero a partire dalle ore 21 à partire dall’indirizzo del sito di RADICI : www.radici-press.netVi aspettiamo numerosi.
-

- 24 aprile alle ore 21:
LE INDIMENTICABILI musiche del cinema italiano 
Un concerto mai trasmesso e registrato a Tolosa (in Francia) al Théâtre de la Cité l'8 febbraio 2014. Una produzione che continua a girare ovunque in Francia, nata su un’idea originale dei musicisti vicini alla rivista franco-italiana RADICI e al suo direttore Rocco Femia.
Ringraziamo Claudia Cardinale, Laura Morante, Pupi e Antonio Avati, Roberto Andò, Daniele Protti, Umberto Grati per la loro presenza a questa serata nel 2014.
Sul palco 9 musicisti, il tenore Jean-Pierre Furlan e la soprano Cécile Limal. Presenterà la serata lo storico del cinema italiano Jean A. Gili. In programma i più grandi classici del cinema italiano:
I Soliti ignoti, Parlami d'amore Mariù, La Strada, La Dolce Vita, 8 e mezzo, Amarcord, Il Padrino, Il buono, il brutto e il cattivo, C’era una volta il West, Cinema Paradiso, Mediterraneo, Il Postino, La stanza del 
Figlio, Il Caimano, La vita è bella.

Read 247 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1093 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa