ANNO XIV Settembre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 06 Maggio 2020 21:41

Il decreto maggio in stand by, è scontro nella maggioranza. Conte convoca Italia Viva. Matteo Renzi avverte: è in arrivo uno tsunami occupazionale.

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il premier ha convocato per domani nel primo pomeriggio a Palazzo Chigi Maria Elena Boschi, Ettore Rosato e Davide Faraone. Arriva il no di Confindustria-Ance al taglio orario a pari salari.Intanto Matteo Renzi avverte: è in arrivo uno tsunami occupazionale.

Conte media sul decreto maggio, attualmente in stand by, mentre proseguono i tavoli con le parti sociali. Ma è tensione su più fronti nella maggioranza con Matteo Renzi sempre all'attacco e il ministro Iv Bellanova che sulla sanatoria per i migranti impiegati nei campi minaccia le dimissioni.

Il premier Conte ha convocato per domani nel primo pomeriggio a Palazzo Chigi gli esponenti di Iv Maria Elena Boschi, Ettore Rosato e Davide Faraone.

Il fatto che Conte abbia espresso pubblicamente apprezzamento per Italia Viva e abbia annunciato di anticipare alcune aperture, come chiesto da tempo da Renzi", è visto come un "fatto positivo" da Iv. "Sembra che abbiano capito che senza di noi non c'è maggioranza, specie al Senato. Meglio tardi che mai", osservano i renziani. E aggiungono che domani a Conte nell'incontro Italia viva porrà tre questioni: "Bonafede, il piano shock e la ripartenza economica".

Nella bozza del provvedimento è previsto che chi sceglie di ristrutturare casa, migliorando l'efficienza energetica o la resistenza antisismica, potrà usufruire di un superbonus al 110%. Fino a 500 euro per bici e monopattini nelle città. In arrivo anche 200 milioni da destinare ai Comuni più colpiti dall'epidemia che, in questi due mesi hanno subito le misure più restrittive diventando zone rosse. Secondo quanto si apprende queste risorse saranno aggiuntive rispetto a quelle destinate a Comuni e Province per fare fronte ai cali di incassi legati all'emergenza.

Proseguono intanto gli incontri del governo per definire le misure economiche e varare il decreto maggio. Oggi in videoconferenza incontro con i rappresentanti di Confindustria, Confapi, Confimi, Confprofessioni, Ance. L'incontro è stato aperto dai ministri Roberto Gualtieri e Stefano Patuanelli.

Riunione poi con le associazioni rappresentative del settore agricolo e alimentare, Coldiretti, Confagricoltura, Cia, Copagri, Federdistribuzione. "In questi mesi la filiera ha continuato a garantire cibo al Paese - ha scritto su Twitter la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova -, ma le criticità sono forti e il prossimo decreto dovrà farsene carico".

Governo vede anche Rete Imprese Italia: Confesercenti, Confartigianato, Confcommercio, Cna, Casartigiani.

"Dobbiamo affrontare un periodo di grandi sofferenze", ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso dell'incontro con Rete Imprese Italia insistendo sulla necessità di "lavorare tutti insieme e affrettarsi per portare questa settimana in Cdm il decreto legge" sulle misure economiche.

Confindustria e Ance hanno detto no alla riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario. E' quanto emerge al termine del tavolo tra gli imprenditori, presente per Confindustria il direttore generale Marcella Panucci, e il governo. Il ministro Nunzia Catalfo avrebbe spiegato che l'idea è permettere con specifiche intese di rimodulare l'orario di lavoro, per il periodo dell'emergenza Coronavirus, e destinare parte dell'orario a corsi di formazione, a parità di stipendio.

Intanto Matteo Renzi avverte: è in arrivo uno tsunami occupazionale.

Va nuovamente all'attacco il leader di Iv Matteo Renzi. "Bisogna smetterla - ribadisce nella Enews - con i dpcm. Il governo può dirmi se usare o no la mascherina o se evitare gli assembramenti. Ma se vengono "consentiti" gli incontri non è un dpcm che può dire "il prozio sì, l'amico no". Perché ne va delle libertà costituzionali. Il dpcm impatta sulle libertà personali.  Molti dicono: "Mi fido di Conte". Mi fa piacere, ma - se creiamo un precedente - un domani, con questa stessa metodologia, se diventassero premier Salvini o Meloni potrebbero fare la stessa cosa. Sicuri che questa sia la strada giusta?". 

Uno "tsunami occupazionale - avverte - si abbatterà sul nostro Paese tra qualche mese". "Non di soli sussidi vive l'uomo. Vanno bene tutti gli interventi di aiuto a chi è in difficoltà ma vanno dati i soldi per far riprendere l'economia, altrimenti tra sei mesi i sussidi saranno finiti, il debito sarà al 160% del pil e le persone scenderanno in piazza, mentre i mercati internazionali balleranno. Bisogna ripartire", aggiunge. Iv è critica sulla misura annunciata nel dl maggio del reddito di emergenza.

Read 323 times

Utenti Online

Abbiamo 1077 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« September 2020 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30