ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 29 Maggio 2020 09:35

Libri - Alessandra Angelucci / Contatto – rivoluzione di una scuola virale

Written by 
Rate this item
(0 votes)

È possibile ordinare da oggi, in tutte le principali librerie italiane e nei circuiti online, il nuovo libro Contatto – rivoluzione di una scuola virale (pp.88, €12.50) della giornalista e docente Alessandra Angelucci, edito da Castelvecchi per la collana Tasti.

 

L’autrice, privilegiando il punto di vista di chi nella vita insegna, mettendo al centro il rapporto esclusivo che si crea fra insegnanti e alunni in classe, racconta la rivoluzione umana, sociale, intima e didattica cui è chiamata con l’arrivo in Italia di un’emergenza sanitaria senza precedenti. Infatti, il sopraggiungere del coronavirus costringe la protagonista Amelia, insegnante di lettere, a rivedere i suoi spazi, il vivere quotidiano scandito da tempi sconosciuti, e soprattutto la modalità d’insegnamento, caratterizzata dalla didattica a distanza. Al centro di ogni sua scelta gli studenti, cui tutti i docenti italiani hanno destinato e continuano a destinare instancabilmente energia e cuore.

Pagina dopo pagina, l’autrice svela le fragilità di chi ogni giorno ha davanti un monitor attraverso cui ricostruire il contatto con i propri alunni: un costante richiamo ad essere punto di riferimento in mezzo alle mille difficoltà del caso. Un libro diretto, ma carico di speranza, che non dimentica la voce degli adolescenti e dei bambini e che, in modo chiaro, offre molteplici spunti di riflessione sul modo di fare scuola. Un ritmo incalzante aperto sul mondo che ci circonda in emergenza Covid-19. Un interrogativo riecheggia per ricordarci qualcosa di importante: “Qualcuno dubita ancora che insegnare sia un atto d’amore?”.

SINOSSI:

Amelia è insegnante di Lettere e con coraggio procede a passi grandi in una normalità che le va un po’ stretta. Nel marzo 2020 la sua vita cambia all’improvviso: il coronavirus scavalca l’Oriente e infetta migliaia di italiani.

In uno scenario di morte e contagio, Amelia è costretta a rivedere ogni suo spazio: intimo, umano, professionale. La didattica a distanza diventa regola, mentre gli occhi dei suoi studenti si fanno sempre più lontani. Cerca il contatto, perché lei lo sa: la scuola è seduzione e non sopravvivenza.

Un’emergenza, quella dell’epidemia, cui nessuno era stato preparato. Un tempo che torna a essere infinito. Rivoluzionario

Read 128 times Last modified on Venerdì, 29 Maggio 2020 09:42

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1146 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa