ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 10 Agosto 2020 15:53

I 'furbetti' del bonus: consigliera di Milano: 'L'ho preso'. Di Maio e Zaia: 'Fuori i nomi''

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il ministro degli Esteri sulla proposta di Crimi: "Pronto a rinunciare, lo facciano tutte le forze politiche". E avverte: "Nessuno scarichi colpe sui commercialisti". Caccia ai 5 deputati: inchieste interne e panico in chat. Lollini (Lega): "Mai richiesto, pronto a vie legali". Iv: "Furbetto non ci risulta, Inps faccia nomi o smentisca". Lollobrigida (FdI): "Perché i 5S sapevano prima i partiti dei furbetti?". "Mi autodenuncio. Non vivo di politica perché non voglio e non potrei. Non potrei perché ho un mutuo, faccio la spesa, mantengo mia figlia e, addirittura, ogni tanto mi piace uscire e durante le ferie andare in vacanza". Cosi' la consigliera comunale di Milano per la lista 'Milano progressista, Anita Pirovano. Anche un altro consigliere Milano, David Gentili: 'Io ho preso la Cig, dovevo rinunciarvi?'. L'Inps non diffondenderà la lista dei nomi di chi ha beneficiato del bonus perché, spiegano, ci sono le norme sulla privacy.

Le norme sulla privacy non consentono la diffusione degli elenchi dei beneficiari delle prestazioni dell'Inps. Una regola che vale in questo, come in altri casi. E' quanto ricordano fonti vicine all'istituto di previdenza e che ne conoscono bene normative e regole interne, dopo la vicenda dei deputati e consiglieri che hanno usufruito del bonus di 600 euro riservato ai lavoratori autonomi e alle partite Iva in difficoltà per l'emergenza Covid. 

"Mi autodenuncio. Non vivo di politica perché non voglio e non potrei. Non potrei perché ho un mutuo, faccio la spesa, mantengo mia figlia e, addirittura, ogni tanto mi piace uscire e durante le ferie andare in vacanza".
Così Anita Pirovano, consigliera comunale di Milano per la lista 'Milano progressista' si autodenuncia con un post su Facebook per aver richiesto all'Inps il bonus Covid da 600 euro al mese per le partite Iva.
"Pur non cedendo alle sirene antipolitiche - scrive Pirovano su Fb - ho capito sulla mia pelle che avere un lavoro (nel mio caso più d'uno in regime di lavoro autonomo) mi consente di essere 'più libera' nell'impegno politico presente e ancora più nelle scelte sul futuro, per definizione incerto". Come tanti, prosegue, "mi indigno, perché è surreale, se un parlamentare in carica fruisce ammortizzatori sociali e penso sia paradossale che una misura di sostegno al reddito non preveda nessuna soglia di reddito".

Pirovano nel post spiega di aver saputo dai media che nella vicenda del bonus incassato da cinque deputati "sarebbero coinvolti addirittura duemila persone tra assessori regionali, consiglieri regionali e comunali, governatori e sindaci". E per questo chiarisce di aver deciso di autodenunciarsi. "Ho studiato - scrive - fino al dottorato e all'esame di stato per diventare psicologa e ricercatrice sociale, professione in cui negli ultimi tempi mi sembra spesso di essere 'più utile' alla società che in Consiglio comunale (attività a cui comunque dedico tutto il tempo non lavorato e la passione di cui sono capace)". "Tutto ciò premesso qualcuno - aggiunge ancora - magari anche più lucido e meno incazzato di me, mi spiega perché da lavoratrice (e la politica non è un lavoro per definizione) non avrei dovuto fare richiesta di una misura di sostegno ai lavoratori destinata perché faccio anche politica? Considerato ovviamente che pur lavorando tanto ed essendo componente di un'assemblea elettiva (il che non mi garantisce né un'indennità né banalmente i contributi Inps) ho un reddito annuo dignitoso e nulla di più". "Mi arrabbio - conclude la consigliera comunale - ancor più se penso che nel calderone dei 2.000 probabilmente sarà stato tirato in causa anche qualche sindaco (accomunato ai parlamentari o ai consiglieri regionali dal comune impegno politico ma non dal conto in banca) di un piccolissimo comune con una grandissima responsabilità pubblica e un'indennità di poche centinaia di euro annue". 

 "Io ho un altro lavoro part time e ringrazio Dio di averlo. Durante il Covid ho ricevuto la cassa integrazione. Dovevo rinunciarvi?". Così il consigliere comunale di Milano Progressista e presidente della Commissione Antimafia del Comune di Milano, David Gentili, si esprime in un commento al post della collega a Palazzo Marino Anita Pirovano, che si è autodenunciata su Facebook per aver richiesto all'Inps il bonus Covid da 600 euro al mese per le partite Iva. In tanti, infatti, hanno lasciato commenti al post della consigliera. In uno di questi si legge: "Perché lo stipendio da consigliere comunale è pari al mio di dipendente pubblica e anch'io pago mutuo, mantengo figlio ecc??? Eddai c... uno stipendio ce l'hai. Hanno negato i 600 euro ad un disabile che vive con pensione di invalidità che ha anche partita IVA...". E proprio a questo commento ha risposto il consigliere Gentili: "Avere un altro lavoro è fondamentale, perché se sei malato o devi essere al lavoro il gettone da consigliere non lo prendi. Ti ricordo che non siamo consiglieri a vita. L'anno prossimo i consiglieri comunali termineranno il loro mandato e quindi interromperanno di prendere i loro gettoni. Sappi - aggiunge Gentili - che in questi anni non ho mai ricevuto i contributi e quindi parlare di stipendio è inappropriato. Attenta a colpire con la falce indiscriminatamente. Cogliere le differenze è fondamentale". 

"Anche io non vivo di sola politica, pago l'affitto ogni mese e per marzo e aprile sono rimasto senza lavoro e ho chiesto come te i 600 euro visto che con i gettoni di presenza non sarei arrivato a fine mese ... ed è giusto rivendicarlo". Così il consigliere comunale di Trento Jacopo Zannini con un commento su Facebook ha voluto ringraziare Anita Pirovano, la consigliera comunale milanese che ha reso pubblico di aver richiesto il bonus Covid. "Grazie Anita Pirovano anche io sono in Consiglio Comunale a Trento e anche io non vivo di sola politica", scrive Zannini in un commento al post di Pirovano

Tuona intanto Luigi Di Maio "Dalla lettura dei giornali di questa mattina emerge un quadro sconcertante. Oltre ai 5 deputati furbetti, ci sarebbero altri 2000 politici tra amministratori locali e regionali in tutta Italia ad aver fatto richiesta del bonus partita Iva destinato ai liberi professionisti in difficoltà per l'emergenza Covid. Siamo davanti a fatti di una gravità assoluta. I nomi devono essere resi pubblici. Gli italiani hanno il diritto di sapere chi ha tradito la loro fiducia. Questa gente non deve più avere l'occasione di rivestire una carica pubblica. Deve essere allontanata dallo Stato, deve essere punita". Lo scrive il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Fb. "Hanno remato contro il Paese nel momento più difficile. Hanno offeso la nostra bandiera, hanno offeso la memoria di chi non ce l'ha fatta. Hanno macchiato il nome dell'Italia nel mondo ed è giusto che paghino. Non possono e non devono passarla liscia", ha detto Di Maio.

"Il sentiment è pesante, i cittadini dicono fuori i nomi . E penso che i cittadini debbono essere ascoltati" Così il presidente del Veneto, Luca Zaia il quale fa "appello a tutte le forze politiche: è fondamentale chiarire la vicenda, perchè viene meno la credibilità di tutta la classe dirigente. Se iniziamo a trincerarsi dietro alla privacy - ammette - non ne veniamo più fuori. E resta questo sospetto strisciante tra tutta la comunità, e mi metto nei panni dei cittadini che potrebbero avere il sospetto quando si trovano davanti un amministratore se questo è uno del bonus oppure no", col pericolo poi che ci sia "una caccia all'untore". "Non vorrei che con la scusa della privacy qualcuno scappa anche dalla 'conta'. Non esprimo giudizi perchè ognuno avrà la sua giustificazione , le sue motivazioni". Zaia fa sapere di aver "già chiesto ai consiglieri veneti di darmi un ragguaglio, e spero che in giornata abbia questo censimento, poi a cascata ci saranno gli altri amministratori. Ci mettiamo poco a fare una sorta di 'me too' al contrario. Nel mio partito il segretario è stato chiaro indicando la sospensione che apre uno scenario peggiore. La sospensione - spiega - è già un atto importante: si chiede di fare un passo a lato. E visto il fronte delle candidature, vuol dire perdere quel treno. Se fosse per me quella persona non la candiderei".

"Nessun nostro parlamentare ha ricevuto il bonus. Le notizie di queste ore che affermano il contrario sono prive di fondamento. Sarà nostra cura difenderci in tutte le sedi da chi sostiene il contrario". Lo annuncia all'Ansa il vicepresidente della Camera e presidente di Italia Viva Ettore Rosato.

Lollini (Lega): "Mai richiesto, pronto a vie legali"

"Viste le pressanti richieste telefoniche da parte dei media regionali e nazionali per rilasciare interviste in merito al bonus percepito da parlamentari, tra cui tre appartenenti al mio partito, dichiaro che non ho mai percepito né fatto mai richiesta di bonus partite Iva di 600€. A tal fine diffido qualsiasi testata giornalistica a riportare articoli che riguardano la mia persona, con subdole illazioni. Dichiaro altresì che in caso contrario sarò costretto ad adire le vie legali". Lo scrive su Facebook il deputato della Lega Mario Lollini.

Lollobrigida (FdI): "Perché i 5S sapevano prima i partiti dei furbetti?"

"Condividiamo gli appelli a rendere pubblici i nomi di chi, rappresentando il popolo ai massimi livelli, ha comportamenti gravemente inopportuni. Bene quindi, l'appello a rinunciare alla privacy che io personalmente accolgo. Allo stesso modo sarebbe oltremodo grave che i dati personali siano forniti da importanti burocrati a chi li ha nominati per essere usati contro gli avversari. Per questo sarebbe utile sapere come mai dalle prime ore della giornata di ieri - e alcuni dicono anche da più tempo - autorevoli esponenti del M5S già conoscessero le appartenenze politiche dei responsabili di questi vergognosi comportamenti. Tridico, Presidente INPS da loro nominato glieli ha fatti avere 'riservatamente'? Altrimenti spieghi come sono usciti". Lo dichiara Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d'Italia alla Camera dei deputati.

"Penso sia utile rispondere anche all'accorato appello del Presidente Fico sulla trasparenza richiesta ai partiti. Cominci però lui a dare l'esempio facendo conoscere i nomi dei deputati grillini che qualche mese fa si iscrissero al concorso per essere assunti alla Camera dei deputati sapendo che lui stesso avrebbe presieduto la commissione di esame. O anche i nomi di quegli autorevoli esponenti del M5S risultati vincitori di concorsi pubblici sostenuti mentre ricoprivano ruoli parlamentari di primo piano. Fratelli d'italia è sempre pronta a lavorare per rendere la politica più trasparente e libera dalle ipocrisie che caratterizzano alcune forze politiche prima tra le quali il M5S", conclude.

Read 237 times

Utenti Online

Abbiamo 1048 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« October 2020 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31