ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 23 Settembre 2020 21:41

Delcy Rodríguez annuncia altri nove morti per covid-19: il Venezuela supera i 68mila casi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

68.453 casi, 564 morti, 57.774 guariti, 10.115 malati. Dati al 23 settembre 2020. Il Madurism del Venezuela ha riconosciuto 1.010 nuove infezioni da COVID-19 nelle ultime 24 ore, un rimbalzo da una settimana con segnalazioni inferiori a 1.000 casi giornalieri, e il numero totale delle persone colpite aumenterebbe a 68.453, il vicepresidente del governo in controversia di Nicolás Maduro, Delcy Rodríguez, ha annunciato martedì.

"Nelle ultime 24 ore sono state rilevate 1.010 nuove infezioni: 958 casi dovuti alla trasmissione dalla comunità e 52 importati", ha detto Rodríguez sul suo account Twitter.
Sulla stessa piattaforma, il funzionario madurista ha sottolineato che il distretto della capitale è stata la regione che ha segnalato il maggior numero di casi questo martedì, con 237.
Lo stato centrale di Miranda, vicino a Caracas, e lo stato nord-orientale di Nueva Esparta, rispettivamente con 128 e 127 infezioni, sono state le altre aree oggi più colpite.
I casi importati, come il governo venezuelano chiama i migranti che rientrano nel Paese a causa della crisi che ha causato la pandemia nella regione, provenivano tutti dalla Colombia, secondo Madurismo, ed erano entrati dagli stati di Táchira, Zulia e Apure. (Ovest).
Allo stesso modo, Rodríguez ha annunciato altri nove decessi per cause legate al COVID-19 - tra cui una donna di 41 anni nello stato orientale di Sucre - che porterebbe il numero totale di morti a 564.
Il funzionario Madurista ha anche affermato che dei casi confermati solo 10.115 sono attivi, poiché il tasso di recupero sarebbe dell'84%.
Ma l'opposizione al madurismo, che non ritiene credibili i dati offerti dal Governo contestato, nei giorni scorsi ha denunciato una sotto-registrazione di almeno il 60% sul totale dei contagi e dei decessi.
Il Venezuela ha goduto di una settimana di allentamento della quarantena da lunedì, iniziato a metà marzo, quando contava solo una manciata di casi di COVID-19.
La flessibilità consente a 24 settori dell'economia, comprese palestre e centri commerciali, di aprire le loro porte, rispettando sempre le misure di biosicurezza - come l'uso di maschere, gel e il lavaggio costante delle mani - raccomandate dall'Organizzazione Mondiale per Salute (OMS).
Questa settimana di relax sarà seguita da una "quarantena radicale", in un piano chiamato 7 + 7 che il contestato governo di Nicolás Maduro stima aiuterà a controllare le infezioni.
Tuttavia, Efe ha scoperto che, in molte occasioni, i commercianti, così come i cittadini, sfidano i giorni di quarantena per evitare il fallimento dei primi e la fame i secondi.

Read 381 times

Utenti Online

Abbiamo 1153 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine