ANNO XVI Dicembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 01 Aprile 2022 19:29

Palazzo Chigi assicura: "Nessuno stato di allarme sull'energia"

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Secondo fonti anonime, "permane lo stato di preallerta che comporta il costante monitoraggio della situazione". 

Da parte del Governo italiano non è in corso alcuna valutazione sull'attivazione dello 'stato di allarmè relativo alla crisi energetica. Ogni notizia in merito riportata sugli organi di informazione è destituita di fondamento. Permane lo stato di preallerta che comporta il costante monitoraggio della situazione. Lo rendono noto fonti di palazzo Chigi.

L'Italia, in una intervista del ministro degli Esteri Luigi Di Maio al quotidiano 'Bild', conferma di essere "disponibile a contribuire agli sforzi negoziali in atto, nel ruolo di garante in possibili soluzioni di neutralità per l'Ucraina e offrendo la propria esperienza in tema di modelli di tutela delle minoranze".

Di Maio prosegue: "Adempiamo con rigore ai nostri obblighi internazionali sulle sanzioni e quindi anche sui sequestri delle proprietà in Italia delle persone listate, che non si limitano ai beni mobili. Ad oggi parliamo di un valore complessivo che si aggira intorno ai 900 milioni di euro. Siamo stati tempestivi e rigidi, e continueremo ad esserlo".

Sull'energia il titolare della Farnesina afferma: "Siamo molto attenti all'incremento del prezzo dell'energia e alla disponibilità delle materie prime. Dobbiamo muoverci con rapidità e decisione per difendere il potere d'acquisto delle famiglie e la competitività delle nostre imprese". Di Maio ricorda che, nelle ultime settimane, ha "svolto numerose missioni in Africa e nel Golfo che hanno avuto l'obiettivo di sostituire, almeno in parte, gli approvvigionamenti russi".

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, torna a chiedere un tetto al prezzo del gas: "Credo che nell'immediato sia molto importante che a livello europeo si determinino degli strumenti comuni a partire da un tetto massimo del prezzo. Credo che questo strumento sia assolutamente essenziale e credo che faccia bene Draghi a insistere in quella direzione".

La leader dell'opposizione, Giorgia Meloni, sottolinea: "L'aumento delle spese militari FdI ce l'aveva nel programma da qualche anno, in tempi non sospetti. Altri si svegliano quando stiamo nel burrone: noi che abbiamo visione, abbiamo sempre rivendicato, nonostante sapessimo che era materia impopolare, che la libertà ha un costo e se vuoi contare sui tavoli internazionali, devi essere credibile. Ed è quello che manca all'Italia, che manca l'Europa, anche all'interno dell'alleanza atlantica. Perchè noi facciamo parte dell'Occidente, siamo legati agli Stati Uniti, però non sempre gli interessi dell'Europa e degli Stati Uniti sono identici". AGI

Read 225 times

Utenti Online

Abbiamo 898 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« December 2022 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31