ANNO XVI Luglio 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 20 Maggio 2022 12:53

Mattarella chiede di non chiudere gli occhi sull'Ucraina

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il capo dello Stato mette in guardia da chi vuole far retrocedere la storia di interi secoli ma l'Europa se resta unita può resistere anche ai nazionalismi più accesi, difendendo i valori di libertà, eguaglianza e democrazia su cui si fonda.

C'è chi vuole far retrocedere la storia di interi secoli ma l'Europa se resta unita può resistere anche ai nazionalismi più accesi, difendendo i valori di libertà, eguaglianza e democrazia su cui si fonda. Sergio Mattarella inaugura l'ottocentesimo anno accademico dell'Università di Padova davanti alla presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola e torna sull'invasione russa in Ucraina, mentre a Roma Mario Draghi affronta in Senato una maggioranza sempre più in fibrillazione, invitando a "non chiudere gli occhi".

Del resto la Presidente dell'Europarlamento ha appena ribadito la sua linea: "La solidarietà europea verso l'Ucraina deve continuare ad esser priorità per il futuro", anche se questo comporterà "scelte coraggiose come vietare gas e petrolio russo", "i nostri sacrifici di oggi sono investimenti per un futuro di democrazia e di pace e sappiamo che senza libertà c'è solo l'illusione della pace".

E la presidente del Senato Elisabetta Casellati, ricordando il motto dell'ateneo "Universa Universis Patavina Libertas", nota che "libertà è la parola chiave che ha segnato la storia di questo ateneo incubatore di idee da cui è nata l'Europa moderna". Perche', nota Metsola, quel che Putin, sbagliando considera un limite, le diversità all'interno del nostro continente, sono in realtà "la nostra forza".

Un richiamo a tutta Europa, mentre tra i Paesi membri non sempre c'è unità di vedute e il sesto pacchetto di sanzioni ancora non vede la luce, e mentre nella maggioranza che sostiene il governo Draghi sono sempre più forti i distinguo sul sostegno concreto all'Ucraina. Mattarella ricorda allora "il tessuto di cultura comune e di valori comuni che, malgrado le differenze, è rimasto e si è accresciuto nel corso del tempo, resistendo anche all'epoca dei nazionalismi accesi, dei nazionalismi interpretati come contrapposizione tra gli Stati".

E questo "stride" rispetto a quello cui assistiamo: "un'aggressione nei confronti di un Paese confinante, per imporgli le proprie scelte, da parte di un Paese più grande e più forte" scandisce il Capo dello Stato. Guardando indietro, se nei primi venti anni di questo Millennio abbiamo coltivato l'idea di un mondo sempre più raccolto, in cui come si è visto durante la pandemia "era, ed è, sempre più evidente l'esistenza di nemici comuni da affrontare insieme", ora è tanto più "inatteso, sorprendente e imprevedibile" "il tentativo di far retrocedere la Storia a qualche secolo addietro".

Con la Russia che invade l'Ucraina, "un Paese più forte e più grande che pretende, con la violenza delle armi e con la forza, di imporre le proprie scelte a un Paese confinante molto meno grande e molto meno forte". "Tutto questo - ribadisce Mattarella - richiama all'esigenza di tornare ai valori dell'Europa. Questo tessuto di valori comuni che, attraverso i popoli europei, non può essere sacrificato, lacerandosi, di fronte alla prepotenza dell'uso della forza e di imporre con le armi le proprie scelte agli altri". La libertà è dunque "il patrimonio che dobbiamo difendere, quello che spinge a non chiudere gli occhi di fronte a quanto accade nel nostro Paese o altrove, in sede internazionale, particolarmente nel nostro Continente".

E non solo la propria, perché è illusorio pensare di salvarsi da soli: "la libertà non è divisibile, né socialmente, né territorialmente, ma si ottiene pienamente soltanto se ne godono anche gli altri. Perché si realizza insieme a quella degli altri. Non c'è libertà piena se gli altri ne sono privi".

"Questo spinge - ripeto - a non chiudere gli occhi, a impegnarsi perché venga ripristinato il diritto internazionale, venga riaffermata quella catena di valori in cui la libertà si articola. La libertà e' indissolubilmente connessa con altri valori: l'uguaglianza, la solidarieta'. Sono questi i valori che vanno coltivati, difesi attivamente". Mattarella conclude con un richiamo all'umiltà diretto agli studenti: "La persona umile cerca la verità. Chi coltiva la superbia è convinto di possederla. Ecco, vorrei raccomandare agli studenti di questo e di ogni altro Ateneo di non cadere mai in quella tentazione; di coltivare sempre il dubbio e lo spirito critico. Questo è quello che alimenta la libertà e che rende consapevoli del complesso dei valori che in Europa si sono sviluppati".

"L'antidoto alla superbia è la cultura. Questo sottolinea l'importanza dei luoghi in cui si distribuisce, si elabora, si approfondisce cultura. E l'antidoto alla superbia, alla prepotenza, all'arroganza, alla violenza e', appunto, la cultura". AGI

Read 533 times

Utenti Online

Abbiamo 633 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« July 2022 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31