ANNO XVI Agosto 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 22 Giugno 2022 19:25

L'Ue sta garantendo la fornitura di beni essenziali a Kaliningrad. Mosca: "Risposta a Lituania su Kaliningrad non sarà solo diplomatica". Finlandia, pronti a combattere se la Russia attacca.

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Kaliningrad Kaliningrad

L'intelligence militare britannica: "La Russia molto probabilmente si sta preparando a schierare un ingente numero di unità di riserva nel Donbass." 

"La Lituania sta attuando le misure restrittive dell'Unione europea imposte all'unanimità alla Russia dal Consiglio negli ultimi mesi, in risposta alla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina. Ovviamente non si tratta di "blocco", abbiamo sempre detto che la fornitura a Kaliningrad di beni essenziali rimane senza ostacoli". Lo precisa il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer. "Allora perché viene fuori ora? Perché una serie di sanzioni dell'Ue contro specifiche esportazioni russe (prodotti in acciaio, materiale da costruzione) sono entrate in vigore ora (dopo brevi periodi di transizione). Ciò significa che la Lituania deve applicare ulteriori controlli sul transito stradale e ferroviario attraverso il territorio dell'Ue. Naturalmente, questi controlli sono mirati, proporzionati ed efficaci. Si baseranno su una gestione intelligente del rischio, per evitare l'elusione delle sanzioni pur consentendo il libero transito. Siamo in stretto contatto con le autorità lituane e forniremo ulteriori indicazioni man mano che procediamo", aggiunge. 

Finlandia, pronti a combattere se la Russia attacca

Il capo delle forze armate finlandesi, Timo Kivinen, ha assicurato che il suo Paese è pronto ad affrontare un attacco russo e opporrà una dura resistenza se dovesse accadere. "L'Ucraina è stata un boccone difficile da masticare (per la Russia) e così sarebbe la Finlandia", ha sottolineato, ricordando che Helsinki ha "sistematicamente sviluppato la difesa militare proprio per questo tipo di guerra che viene condotta li', con un massiccio uso di potenza di fuoco, forze armate e anche aeronautiche".

Ue, la fornitura di beni essenziali a Kaliningrad resta garantita

"La Lituania sta attuando le misure restrittive dell'Unione europea imposte all'unanimità alla Russia dal Consiglio negli ultimi mesi, in risposta alla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina. Ovviamente non si tratta di "blocco", abbiamo sempre detto che la fornitura a Kaliningrad di beni essenziali rimane senza ostacoli". Lo precisa il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer.

"Allora perche' viene fuori ora? Perche' una serie di sanzioni dell'Ue contro specifiche esportazioni russe (prodotti in acciaio, materiale da costruzione) sono entrate in vigore ora (dopo brevi periodi di transizione). Ciò significa che la Lituania deve applicare ulteriori controlli sul transito stradale e ferroviario attraverso il territorio dell'Ue. Naturalmente, questi controlli sono mirati, proporzionati ed efficaci. Si baseranno su una gestione intelligente del rischio, per evitare l'elusione delle sanzioni pur consentendo il libero transito. Siamo in stretto contatto con le autorita' lituane e forniremo ulteriori indicazioni man mano che procediamo", aggiunge.

Kuleba, grato a Di Maio per essere dalla parte giusta della storia

"Sono grato a Luigi Di Maio per essere un uomo integro. L'Italia ha scelto la parte giusta della storia: sostenere l'Ucraina è l'unico modo per avvicinare la pace in Europa. Negare il sostegno all'Ucraina incoraggerebbe la Russia a continuare la guerra e ad espanderla oltre i suoi confini". Lo ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, alla luce della scelta del ministro degli Esteri di lasciare M5s anche per divergenze sulla crisi in Ucraina. 

L'Estonia ha convocato l'ambasciatore di Mosca per protestare contro la violazione del suo spazio aereo da parte di un elicottero russo lo scorso 18 giugno. Scholz: "Pronti a difendere i Paesi dell'Est della Nato". Intanto i russi avanzano su Lysychansk. Zelensky: "Al più presto settimo pacchetto di sanzioni Ue."

La crisi di Kaliningrad e il rischio di un'escalation a seguito del blocco del transito di merci da e per l'enclave russa in Lituania resta al centro delle schermaglie diplomatiche tra Russia e Occidente. "La Lituania è un membro della Nato e gli Usa sono al suo fianco. Il nostro sostegno è blindato" ha garantito il portavoce del dipartimento di Stato americano, Ned Price, che ha ricordato quanto sia "ferreo" il principio contenuto nell'articolo 5 del trattato su cui si fonda l'Alleanza Atlantica: "Un attacco a un membro costituirebbe un attacco a tutti". Da parte sua, il presidente americano Joe Biden ha detto di "non temere fratture" nell'alleanza occidentale "ma - ha aggiunto - penso che a un certo punto diventerà un gioco di attesa" tra "quello che i russi possono sostenere e quello che l'Europa sarà preparata a sostenere. E' ciò di cui parleremo in Spagna", riferimento al vertice Nato di fine mese a Madrid. Non solo Lituania: l'Estonia ha convocato l'ambasciatore di Mosca per protestare contro la violazione del suo spazio aereo da parte di un elicottero russo lo scorso 18 giugno. Nel suo videomessaggio notturno, il presidente ucraino Zelensky spiunge sul "settimo pacchetto di sanzioni Ue: è necessario il prima possibile. La Russia deve sentire un costante aumento della pressione per la guerra". L'amministrazione militare di Kharkiv ha reso noto che 15 persone sono state uccise e 16 ferite nella regione. In un post su Telegram, Oleh Syniehubov ha affermato che sei vittime sono state registrate a Chuhuiv, cinque a Kharkiv, tre a Zolovhiv e una a Derhachi, dove è morta una bambina di otto anni.

 

La Giornata

 

18:29 Regno Unito: "Sosteniamo Lituania su stop a merci da Russia"

"Il Regno Unito sostiene la Lituania che blocca i beni sanzionati in arrivo dalla Russia e in transito nel Paese. Dobbiamo rimanere forti di fronte all'aggressione russa e rispondere a queste minacce ingiustificate". Così, in un tweet, la ministra degli Esteri britannica, Liz Truss.

18:09 Finlandia, pronti a combattere se attaccati

Se venisse attaccata, la Finlandia è pronta a combattere. Lo ha assicurato il capo di Stato maggiore dell'esercito di Helsinki, Timo Kivinen, commentando i rischi di minacce militari dalla Russia. "Abbiamo sistematicamente sviluppato la nostra difesa militare esattamente per questo tipo di guerra che viene combattuta" in Ucraina, "con un uso massiccio di armi di potenza di fuoco, forze blindate e anche forze aeree", ha spiegato il generale finlandese, citato dal Guardian. "L'Ucraina è stata un boccone difficile da masticare - ha aggiunto -  e lo stesso sarebbe la Finlandia".

 18:05 Fonti, caso Kaliningrad finirà su tavolo del Consiglio Ue

Il caso Kaliningrad "sta montando" e finirà sul tavolo del Consiglio Europeo. Lo sostiene una fonte diplomatica europea a conoscenza della questione. "Ci si aspetta che la Commissione fornisca un aggiornamento delle sue linee guida alla Lituania nelle prossime 24 ore", assicura la fonte. Le sanzioni "non sono mai state disegnate" per colpire beni in transito da una parte del territorio russo a un'altra e la sensazione è che la tensione attuale sia stata causata dalla "velocità" con cui è stato approvato quel pacchetto di sanzioni. "Mosca sta sfruttando la situazione per incolpare l'Ue di un 'blocco' ma non è così".

17:52 Zelensky: "Tutti i Paesi Ue sosterranno status candidato"

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, è convinto che tutti i Paesi Ue sosterranno la proposta della Commissione Ue di garantire a Kiev lo status di candidato all'Unione, al prossimo Consiglio Ue. Lo ha detto in collegamento on-line con gli studenti della Munk School of Global Affairs & Public Policy a Toronto. "Penso che tutti i Paesi Ue sosterranno lo status di candidato: è come andare incontro alla luce uscendo dall'oscurità".

17:40 Stoltenberg: "Russia è diventata principale minaccia Nato"

"Mi aspetto che il prossimo 'Concetto Strategico' della Nato, che i leader approveranno al summit di Madrid, identifichi nella Russia come la principale minaccia alla nostra sicurezza". Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg partecipando a un evento organizzato da Politico.

17:21 Vicepremier ucraina: "100% certa, dai 27 Ue sì a candidatura Kiev"

La vicepremier dell'Ucraina per l'Integrazione europea ed euro-atlantica, Olha Stefanishyna, è certa "al 100%" che tutti i 27 Stati membri Ue acconsentiranno a dare all'Ucraina lo status di candidato all'adesione all'Unione europea. Lo ha detto in un'intervista rilasciata ad Associated Press, aggiungendo che la decisione potrebbe arrivare domani, nel primo dei due giorni di summit dei leader Ue a Bruxelles.

17:17 Missili su Nikolaev, due edifici scolastici danneggiati 

A seguito del massiccio attacco missilistico a Nikolaev di stamane, gli edifici di due scuole sono stati danneggiati. Lo fa sapere l'agenzia di stampa ucraina Unian, citando il comando operativo Sud. Il gruppo navale della flotta russa "è pronto a sparare altri 44 missili da crociera", aggiunge il comando.

17:02 Sindaco di Mariupol: "Interrogatori e torture per chi torna in città"

Le persone che tornano a Mariupol, fuggite durante l'assedio russo, vengono sottoposte a interrogatori che possono portare a torture o rapimenti da parte dei miliziani filo-russi che controllano la città portuale. Lo denuncia il sindaco di Mariuol Vadym Boychenko, dicendo che i residenti sono costretti a passare attraverso un processo di "filtrazione".

16:52 Mosca valuta interrompere l'elettricità verso la Lituania

Tagliare le forniture di elettricità alla Lituania, ancora dipendente per il suo fabbisogno da una rete che la collega alla Russia, è tra le opzioni studiate da Mosca per rispondere al blocco del passaggio di alcuni prodotti verso l'exclave russa di Kaliningrad decisa da Vilnius in applicazione delle sanzioni Ue. Lo ha detto il presidente della commissione Affari internazionali della Duma, Leonid Slutsky, citato dall'agenzia Interfax. "A parte le altre cose, come limitare il transito dei camionisti lituani, considereremo la possibilità di interrompere il circuito per le forniture elettriche".

16:15 Berlino: 12 obici arrivati in Ucraina, ora lanciarazzi Mlrs

La ministra tedesca della Difesa, Christine Lambrecht, ha confermato che Kiev ha ricevuto, come previsto, 12 obici semoventi PzH 2000, sette in arrivo dalla Germania e cinque dai Paesi Bassi. "Questo è un segnale importante, perché è esattamente ciò di cui l'Ucraina ha bisogno", ha detto Lambrecht, che ha aggiunto che "la prossima consegna in preparazione è il sistema di lanciarazzi multiplo Mlrs Mars II". La relativa formazione dei soldati ucraini inizierà ancora a giugno e poi la Germania spedirà tre sistemi Mlrs, così come il Regno Unito, mentre gli Stati Uniti ne forniranno quattro.

16:01 Scholz: "L'Ucraina ha bisogno di un Piano Marshall"

"L'Ucraina ha bisogno di un piano Marshall per la ricostruzione". Lo ha detto Olaf Scholz parlando al Bundestag

15:38 Scholz: "Germania pronta a difendere i Paesi orientali della Nato"

"Viene corroborato quello che ho già detto il 27 febbraio: difenderemo ogni metro quadrato della Nato". Lo ha detto il cancelliere Olaf Scholz al Bundestag. "I nostri partner dell'est Europa possono fidarsi della Germania oggi", ha aggiunto.

14:47 Xi Jinping: "Sanzioni arbitrarie portano disastri a mondo intero"

Il presidente cineseXi Jinping è tornato a criticare le sanzioni unilaterali, definite "arbitrarie", e le loro ricadute sui Paesi in via di sviluppo, avvertendo i "principali Paesi sviluppati" sulla necessità di adottare politiche economiche "responsabili" Parlando al Business Forum dei Brics, sigla che riunisce Brasile Russia, India, Cina e Sudafrica, Xi ha detto, nel resoconto dei media statali, che "i fatti hanno dimostrato più volte che le sanzioni sono un 'boomerang' e una 'spada a doppio taglio'". Coloro che "politicizzano, strumentalizzano e armano l'economia mondiale sfruttano il predominio del sistema finanziario e monetario internazionale per imporre sanzioni arbitrarie che alla fine danneggiano gli altri e il mondo intero".

14:34 Ue: fornitura beni essenziali Kaliningrad garantita

"La Lituania sta attuando le misure restrittive dell'Unione europea imposte all'unanimità alla Russia dal Consiglio negli ultimi mesi, in risposta alla guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina. Ovviamente non si tratta di 'blocco', abbiamo sempre detto che la fornitura a Kaliningrad di beni essenziali rimane senza ostacoli". Lo precisa il portavoce della Commissione europea, Eric Mamer.
"Allora perchè viene fuori ora? Perchè una serie di sanzioni dell'Ue contro specifiche esportazioni russe (prodotti in acciaio, materiale da costruzione) sono entrate in vigore ora (dopo brevi periodi di transizione). Ciò significa che la Lituania deve applicare ulteriori controlli sul transito stradale e ferroviario attraverso il territorio dell'Ue.
Naturalmente, questi controlli sono mirati, proporzionati ed efficaci. Si baseranno su una gestione intelligente del rischio, per evitare l'elusione delle sanzioni pur consentendo il libero transito. Siamo in stretto contatto con le autorità lituane e forniremo ulteriori indicazioni man mano che procediamo", aggiunge.

14:21 Xi Jinping mette in guardia da espansione alleanze militari

Il presidente cinese Xi Jinping ha messo in guardia contro l'"espansione" dei legami militari, alla vigilia del summit virtuale dei Brics con i leader di Russia, India, Brasile e Sudafrica. Xi, in un intervento a un Forum Business dei Brics, ha detto che "la crisi ucraina è un campanello d'allarme", sollevando i rischi di una "espansione delle alleanze militari" e di una "ricerca della propria sicurezza a spese di altri Paesi". Cina, India e Sudafrica si sono astenuti su una risoluzione dell'Onu di condanna dell'invasione russa dell'Ucraina, mentre Pechino e New Delhi hanno forti legami militari ed energetici con Mosca.

14:05 Putin: "Russia reindirizza suo commercio verso i Brics"

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha dichiarato che la Russia sta reindirizzando il suo commercio verso i Paesi del gruppo Brics, in seguito alle sanzioni occidentali varate dopo l'avvio dell"operazione militare specialè in Ucraina. I Brics comprendono Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. In un video messaggio ai partecipanti al Business Forum del vertice Brics, il leader del Cremlino ha ribadito che la Russia rimane "aperta alla partnership con i Paesi che accettino una cooperazione su base paritaria".

13:36 Raffineria russa al confine è stata colpita da due droni

La raffineria russa di Novoshakhtinsk, situata a pochi chilometri dal confine con l'Ucraina, ha confermato che l'incendio scoppiato stamane nell'impianto è stato provocato da due droni. Lo riporta l'agenzia di stampa Tass, citando una nota diffusa dalla raffineria situata nella regione di Rostov. Nell'attacco, si precisa, sono state prese di mira le cisterne per la raccolta del greggio.

13:32 Estonia accusa: "Russia simula attacchi con missili contro noi"

Il capo dello staff del ministero della Difesa estone, Kusti Salm, ha accusato la Russia, in un'intervista alla testata finlandese Iltalehti, di effettuare "attacchi missilistici simulati" contro il Paese baltico durante esercitazioni militari attualmente in corso. Salm ha inoltre affermato che di recente elicotteri militari russi hanno più volte violato lo spazio aereo delle nazioni baltiche.

13:18 Cremlino: inaccettabili sanzioni Ue che bloccano Kaliningrad

La Russia sta valutando "varie opzioni" per rispondere ai "passi ostili" della Lituania che ha limitato il transito delle merci nella regione di Kaliningrad dal resto della Russia ma è "prematuro" dire quali. Lo ha spiegato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. Lo riporta Ria Novosti. "Si stanno discutendo misure concrete perché in questo caso siamo convinti che queste sanzioni illegali che l' Ue ha adottato, siano assolutamente inapplicabili - ha detto - le misure sono in preparazione. Dopo aver pesato attentamente tutto, ne parleremo".

13:09 Turchia: positivo incontro con Mosca per sblocco export

Una delegazione del ministero della Difesa turco ha tenuto colloqui a Mosca con la controparte russa per sbloccare l'esportazione di grano ucraino via mare. Secondo il ministero della Difesa turco, l'incontro si è svolto in un "atmosfera costruttiva e molto positiva", e i suoi partecipanti hanno affermato di aver raggiunto un accordo sullo svolgimento di colloqui quadripartiti con l'Ucraina e l'Onu. Lo riporta Millyet.

13:05 Turchia: prima nave partita da porto Mariupol dopo colloqui su grano

Dopo i colloqui per tentare di sbloccare lo stallo sull'export del grano fra Russia e Turchia la prima nave di Ankara, la Azov Concord è partita dal porto di Mariupol occupato dai russi.  Lo rende noto l'agenzia Anadolu.

12:17 Kiev: lanciato attacco aereo contro Isola Serpenti

Le forze armate ucraine hanno lanciato un attacco aereo sull'Isola dei Serpenti, conquistata dai russi nelle prime fasi della guerra, e inflitto "perdite significative" al nemico. Lo riferisce su Facebook il Comando Operativo Meridionale dell'esercito di Kiev.

11:34 Colloqui Turchia-Russia a Mosca su export grano

Colloqui tra le delegazioni dei ministeri della Difesa di Russia e Turchia si sono svolti oggi a Mosca. Lo ha annunciato il ministero della Difesa russo, come riporta Ria Novosti.
I due Paesi stanno trattando le misure per sbloccare l'export di grano dai porti ucraini. Nei colloqui di oggi le delegazioni hanno discusso della navigazione sicura delle navi mercantili turche e delle esportazioni agroalimentari dal Paese in guerra. Le delegazioni, riferisce la nota di Mosca, hanno sottolineato l'importanza dell'interazione nel formato bilaterale, che ha permesso di garantire la partenza dal porto di Mariupol dell'imbarcazione turca Azov Concord, prima nave straniera a lasciare il porto della città dell'Ucraina meridionale conquistata dai russi

11:04 A Mosca è ufficiale il nuovo indirizzo dell'ambasciata americana: "Piazza della Repubblica popolare di Donetsk"

È ufficialmente "piazza della Repubblica popolare di Donetsk" l'area di fronte all'ambasciata americana a Mosca. L'agenzia Tass riferisce di un'ordinanza firmata dal sindaco della capitale russa, Sergey Sobyanin, e di quello che per i russi è un cambio di indirizzo per la rappresentanza diplomatica, ormai in "piazza della Repubblica popolare di Donetsk, 1" e non più su "via Bolshoy Devyatinsky, 8". "I moscoviti hanno scelto un nome per una piazza nel quartiere di Presnensky. Il numero maggiore di voti, il 44,96 per cento, è andato a 'piazza della Repubblica popolare di Donetsk'", aveva annunciato a inizio mese il Comune dopo un sondaggio online, a cui avevano partecipato poco più di 278mila persone su 12 milioni di moscoviti. L'area, che finora non aveva un nome, si trova all'incrocio fra le vie Konyushkovksya e Bolshoi Devyatinsky.

10:43 Zakharova: "La risposta alla Lituania su Kaliningrad non sarà solo diplomatica"

La risposta della Russia al divieto di transito delle merci nella regione di Kaliningrad attraverso la Lituania "risiederà nel campo pratico e non in quello diplomatico". Lo ha affermato il ministero degli Esteri di Mosca. Lo riporta Ria Novosti. La portavoce Maria Zakharova ha affermato che la Lituania, avendo preso una tale decisione, "sta agendo in modo aggressivo ed è andata oltre le linee ostili"

10:26 Mosca: pronti a facilitare esportazioni grano

La Russia è "pronta a fornire assistenza" alle esportazioni di grano dall'Ucraina da parte di navi straniere. Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova. Lo riporta Ria Novosti.

10:20 Kiev: 34.230 soldati russi uccisi dall'inizio della guerra

Sono circa 34.230 i soldati russi uccisi in Ucraina dall'inizio dell'invasione, secondo l'esercito di Kiev. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l'esercito ucraino indica che si registrano anche 216 caccia, 182 elicotteri e 614 droni abbattuti. Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1.496 carri armati russi, 752 pezzi di artiglieria, 3.614 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 137 missili da crociera e 14 navi.

10:01 Mosca: incendio in raffineria Rostov causato da drone Kiev

L'incendio nella raffineria di petrolio di Novoshakhtinsk nella regione di Rostov è stata causata dalla caduta di un drone ucraino. Lo ha riferito alla Tass una fonte delle autorità locali. "Prima dell'incendio, i dipendenti dell'impianto hanno notato un drone ucraino. Si è schiantato contro le strutture dell'impianto, dopo di che si sono verificati un'esplosione e un incendio", ha detto l'interlocutore dell'agenzia.

09:45 Governatore Luhansk: ancora 568 persone in stabilimento Azot a Severodonetsk

Nello stabilimento Azot di Severodonetsk sono rifugiate ancora 568 persone, di cui 38 bambini. Lo ha reso noto il governatore della regione di Luhansk, Serhiy Gaidai. Lo riporta Ukrainska Pravda. "Ora è molto pericoloso evacuarle, quindi è più sicuro per loro stare nei rifugi", ha spiegato.

08:40 Intelligence Regno Unito: forze filorusse Donetsk hanno perso il 55% dell'organico

Le forze filorusse dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk hanno perso "circa il 55% del loro organico". Lo rende noto l'intelligence britannica nel suo report giornaliero sull'andamento del conflitto. "C'è un'alta probabilità che siano equipaggiate con armi e attrezzature obsolete", spiegano gli 007 di Londra

08:15 Amministrazione Luhansk: "I russi si avvicinano a Lysychansk"

Le truppe russe si stanno avvicinando a Lysychansk e bombardano la città con gli aerei. Lo ha reso noto il capo dell'amministrazione militare regionale di Luhansk Sergei Gaidai. "I combattimenti di strada continuano a Severodonetsk - ha dichiarato su Telegram -Il nemico ha aperto di nuovo il fuoco sui villaggi di Synetsky e Pavlograd, sui ponti già distrutti e due volte sullo stabilimento Azot, danneggiando l'impianto. I russi stanno cercando di bloccare le unità delle Forze di difesa vicino a Borivsky e Voronov". In direzione Popasnyansky, secondo Gaidai, i russi si stanno già consolidando a Ustynivka, Pidlisny e Myrna Dolyna e stanno attaccando Bila Gora.

07:26 Gdf, congelati 1.7 mld beni a 14 cittadini su lista nera Ue

A partire dal 23 febbraio scorso, in conseguenza della crisi russo-ucraina e della conseguente escalation militare, la Guardia di finanza, quale membro del Comitato di sicurezza finanziaria, ha avviato mirati accertamenti economico-patrimoniali sugli individui e sulle entità inserite nella lista dei provvedimenti restrittivi emanati dall'Unione europea. Le verifiche hanno riguardato oltre 1.100 soggetti. Al 31 maggio, sono state eseguite misure di congelamento nei confronti di 14 soggetti, aventi ad oggetto fabbricati, autoveicoli, imbarcazioni, aeromobili, terreni e quote societarie per un valore complessivo di oltre 1,7 miliardi di euro. È quanto si legge del bilancio operativo delle Fiamme Gialle reso noto in occasione del 248esimo anniversario della loro fondazione.

06.40 Droni kamikaze russi su Sumy, 4 feriti

I russi continuano a sparare sulle aree di confine della regione di Sumy, nel nord dell'Ucraina, dove ieri 4 persone sono rimaste ferite a causa degli attacchi dei droni kamikaze russi il 21 giugno. Lo scrive su Facebook Dmytro Zhyvytskyy, capo dell'amministrazione militare regionale. "Sono state registrate in totale 42 esplosioni sul territorio della comunità", ha aggiunto Zhyvytskyyi. I bombardamenti hanno danneggiato case, fabbricati agricoli, una scuola e un consiglio del villaggio. In una delle località, è stato bombardato e distrutto anche un parco pubblico.


03:06 Aeronautica militare ucraina: distrutti mezzi e depositi di munizioni russi

L'Aeronautica militare ucraina ha riferito di aver distrutto due depositi di munizioni russi, due veicoli aerei senza pilota, 10 veicoli blindati e un missile il 21 giugno a Kiev e negli oblast di Donetsk. Lo rende noto Kyiv Independent.

00.09 Kiev, i russi hanno conquistato alcuni villaggi nell'est

L'esercito russo ha ottenuto dei successi nell'est dell'Ucraina. Lo ha reso noto lo stato maggiore di Kiev, secondo quanto riportano i media locali, spiegando che le truppe di invasione hanno conquistato i villaggi di Pidlisne e Myrna Dolyna nel sud-ovest della città di Severodonetsk e hanno ottenuto "successi parziali" vicino all'insediamento di Hirske nell'oblast di Luhansk. All'inizio della giornata Kiev aveva annunciato la resa del villaggio di Toshkivka, sulla linea del fronte orientale.

Read 685 times Last modified on Mercoledì, 22 Giugno 2022 20:22

Utenti Online

Abbiamo 1177 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine