ANNO XVII Gennaio 2023.  Direttore Umberto Calabrese

Giovedì, 13 Ottobre 2022 10:00

L'Onu adotta la risoluzione di condanna delle annessioni "illegali" da parte della Russia

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Si sono espressi a favore 143 Paesi, 5 sono stati i contrari mentre 35 hanno deciso di astenersi tra cui Cina e India. Coro unanime di G7 e Fmi: "Sostegno per tutto il tempo necessario". Biden: Mosca "non può cancellare uno Stato sovrano dalla mappa". 

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato a grande maggioranza una risoluzione che condanna i "referendum illegali"in quattro regioni ucraine e i tentativi della Russia di annettere questi territori. Una mossa che, secondo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha inviato un "messaggio chiaro" a Mosca.Il testo ha incassato 143 voti favorevoli e cinque contrari (Russia, Bielorussia, Corea del Nord, Nicaragua e Siria), ma 35 nazioni si sono astenute tra cui Cina, India, Sud Africa e Pakistannonostante un grande sforzo diplomatico da parte degli Usa.

La risoluzione "condanna l'organizzazione da parte della Federazione russa dei cosiddetti referendum all'interno dei confini internazionalmente riconosciuti dell'Ucraina" e "il tentativo di annessione illegale" annunciato il mese scorso dal presidente Vladimir Putin di quattro regioni. Invita tutte le Nazioni Unite e le agenzie internazionali a non riconoscere alcun cambiamento annunciato dalla Russia ai confini e chiede a Mosca di "revocare immediatamente e incondizionatamente" le sue decisioni.

Il voto ha mostrato alla Russia che "non puo' cancellare uno Stato sovrano dalle mappe", ha affermato Biden secondo quanto riferito dalla Casa Bianca. "Attaccando i principi fondamentali della Carta delle Nazioni Unite, la Russia sta strappando le basi stesse della pace e della sicurezza internazionale", afferma la dichiarazione.

"La posta in gioco di questo conflitto è chiara a tutti e il mondo ha inviato un messaggio chiaro in risposta". L'ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, Linda Thomas-Greenfield, aveva esortato tutte le nazioni a mandare un messaggio chiaro, ovvero che il mondo "non tollererà che ci si impossessi della terra di un vicino con la forza".

E ha detto: "Oggi è la Russia che invade l'Ucraina. Ma domani potrebbe essere un'altra nazione il cui territorio è violato. Potreste essere voi. Potreste essere i prossimi". Gli Stati Uniti hanno cercato di persuadere il Sudafrica e in particolare l'India, partner americano che ha una relazione storicamente stretta con la Russia, che si è astenuta anche nel Consiglio di sicurezza, dove detiene un seggio non permanente.

Il voto è stato sostanzialmente lo stesso - con due voti netti in più contro la Russia - di quando l'Assemblea generale di marzo ha condannato l'invasione dell'Ucraina. Il Bangladesh, l'Iraq e il Senegal, che si erano astenuti a marzo, stavolta hanno votato per condannare la Russia. La Russia ha definito da parte sua la risoluzione uno strumento "politicizzato e apertamente provocatorio" e ha affermato che manda un messaggio conflittuale che "potrebbe distruggere tutti gli sforzi per una soluzione diplomatica della crisi". AGI

Read 723 times

Utenti Online

Abbiamo 925 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine