ANNO XVIII Maggio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 23 Febbraio 2024 15:17

Bachelet, 'la tendenza dittatoriale in Venezuela va fermata'

Written by 
Rate this item
(0 votes)
Michelle Bachelet  ex Alto commissario dell'Onu per i Diritti umani Michelle Bachelet ex Alto commissario dell'Onu per i Diritti umani

L'appello dell'ex Alto commissario dell'Onu per i Diritti umani.

L'ex presidente del Cile ed ex Alto commissario delle Nazioni Unite per i Diritti umani, Michelle Bachelet, ha chiesto "maggiori sforzi da parte dei governi, delle forze politiche e della comunità regionale per garantire che la tendenza dittatoriale e antistorica non si consolidi" in Venezuela.

L'appello è contenuto in una dichiarazione congiunta firmata anche da 18 ex ministri degli Esteri latinoamericani, diversi ex ministri, ambasciatori e accademici che compongono un totale di 65 personalità di spicco.

Nella lettera, viene condannata anche l'espulsione da Caracas dei funzionari dell'ufficio di consulenza tecnica dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani e l'arresto dell'attivista e presidente della ong 'Control Ciudadano', Rocio San Miguel.

I due episodi "configurano una prospettiva cupa per il futuro della democrazia venezuelana", si legge nel documento.  

 

L'ex Presidente del Cile ed ex Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Michelle Bachelet, ha invitato giovedì "i maggiori sforzi da parte dei governi, delle forze politiche e della comunità regionale per garantire che la tendenza dittatoriale e antistorica non si consolidi ." "In Venezuela. Lo ha affermato la Bachelet in una dichiarazione congiunta firmata anche da 18 ex ministri degli Esteri latinoamericani, diversi ex ministri, ambasciatori e accademici per un totale di 65 personalità di spicco. «Il Tavolo di Riflessione Latinoamericano, composto da politici, diplomatici e accademici di diversi paesi della nostra regione, respinge e dichiara come un grave errore politico, con implicazioni per l’intera regione, la decisione adottata dal Venezuela di sospendere le attività dell’Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani in quel paese ed espellere coloro che vi lavorano", si legge nella lettera avanzata all'EFE. "Questo atto, insieme all'arresto di Rocío San Miguel, eminente esperto di sicurezza e difensore dei diritti umani in Venezuela, crea una prospettiva cupa per il futuro della democrazia venezuelana", si legge nel manifesto. Il documento è firmato anche dall'ex presidente della Bolivia Eduardo Rodríguez e dagli ex ministri degli Esteri Rafael Bielsa (Argentina), Jorge Castañeda (Messico), Gustavo Fernández (Bolivia), Mariano Fernández (Cile), Diego García Sayán (Perù). , José Ángel Gurría (Messico), Edgar Gutiérrez (Guatemala) e Enrique Iglesias (Uruguay). Firmano il manifesto anche gli ex ministri degli Esteri María Angela Holguín (Colombia), José Miguel Insulza (Cile), Grace Jaramillo (Ecuador), Celso Lafer (Brasile), Susana Malcorra (Argentina), María Emma Mejía (Colombia), Heraldo Muñoz ( Cile), Javier Murillo (Bolivia), Felipe Solá (Argentina) e Allan Wagner (Perù), nonché l'ex ministro delle Finanze della Colombia José Antonio Ocampo. Colpita l'intera regione

 

«Per il resto dell’America Latina, ciò che accade in Venezuela non è estraneo, soprattutto se si confronta con le Nazioni Unite e con la piena validità dei diritti umani. Siamo arrivati ​​all'anno in cui si avvicinano le elezioni presidenziali, ma la tendenza assunta dal governo del Venezuela contro gli oppositori e i critici della sua politica prevede il riconoscimento zero dei risultati di quella consultazione elettorale", si legge nel manifesto. I politici, i diplomatici e gli accademici che compongono il Tavolo di riflessione latinoamericano – un meccanismo senza struttura permanente che a volte si esprime su questioni chiave nella regione – ritengono che “il governo del presidente (Nicolás) Maduro abbia violato gli impegni concordati alle Barbados tra il partito al potere e l’opposizione”, in riferimento all’accordo senza precedenti firmato nel paese caraibico a metà ottobre dello scorso anno che in teoria consentirebbe libere elezioni nel 2024.

Read 556 times

Utenti Online

Abbiamo 889 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine