ANNO XIV Giugno 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 02 Agosto 2016 09:07

Su "Plos Pathogens" uno studio su nuovi potenziali farmaci antimalarici

Written by 
Rate this item
(0 votes)

La prestigiosa rivista Plos Pathogens pubblica il data set completo di uno studio internazionale, a cui ha partecipato anche l'Università Statale di Milano, condotto nell'ambito dell'Open Access Malaria Box, iniziativa lanciata nel 2011 da Medicine for Malaria Venture (MMV) per identificarenuove molecole antimalariche e rendere i risultati disponibili a tutti.

Per cinque anni, presso i 200 laboratori nel mondo aderenti all'iniziativa di Medicine for Malaria Venture180 ricercatori e ricercatrici hanno saggiato i 400 composti antimalarici contenuti nel Malaria Box su diverse specie e stadi di vita dei parassiti della Malaria e su altri agenti patogeni e cellule tumorali, dando il via a oltre dieci nuovi progetti di drug- discovery per diverse malattie.

In particolare per l'Università Statale, l'iniziativa ha coinvolto il laboratorio di Parassitologia e Immunologia diretto dalla professoressaDonatella Taramelli del dipartimento di Scienze farmacologiche e biomolecolari.

E proprio presso il laboratorio di via Pascal, le giovani ricercatrici Yolanda Corbett e Silvia Parapini, guidate da Sarah D'Alessandro - vincitrice della Borsa L'Oreal for Women in Science 2015 - sono riuscite a identificare composti diretti contro lo stadio sessuato di Plasmodium falciparum, il parassita 'colpevole' della trasmissione della malaria dall'uomo alla zanzara.

In collaborazione con Pietro Alano dell'Istituto Superiore di Sanità e utilizzando ceppi transgenici luminescenti di P. falciparum, ilteam di ricerca dell'Università Statale è riuscito inoltre a mettere a punto nuovi metodi di screening adattati poi a piattaforme robotizzate.

"È stato un lavoro impegnativo - ha commentato la professoressa Donatella Taramelli - non tanto nella fase di ideazione e validazione di metodologie di screening innovative, quanto nel saggio diretto di tante molecole e nell'intenso lavoro di networking con MMV, con la Fondazione Bill & Melinda Gates che ha finanziato la ricerca e con gli altri laboratori coinvolti nell'indagine. Il mio plauso e grande apprezzamento vanno specialmente a tutte le ricercatrici del mio team, e a Nicoletta Basilico che negli anni le ha seguite e formate, per l'impegno, la dedizione e la professionalità dimostrate nel lavoro".

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1020 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1173 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa