ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 31 Agosto 2016 12:35

Terni - Il 2 e 3 settembre la Rassegna internazionale del folklore

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Torna l’appuntamento con il Festival Internazionale del Folklore Folking Carsulae, organizzato dall’ associazione culturale Diversa-Mente, con un  programma articolato in una serie di incontri, laboratori e seminari sulla musica popolare.

La manifestazione si aprirà venerdì 2 settembre alle 15.30 a Carsulae, per proseguire la sera con lo spettacolo a Collesecco di Montecastrilli e approdare sabato 3 intorno alle 16.00 nel centro di Terni, con l’esibizione di tutti i gruppi folkloristici in costume tradizionale. Appuntamento conclusivo sabato sera, alle 21.30, a Torreorsina. Un momento di festa, ma soprattutto un’occasione di scambio tra diverse culture e esperienze che troveranno, nella musica, nel canto e nella danza  punti d’incontro sottolineando, nello stesso tempo, peculiari differenze. Oltre al Gruppo Folkloristico “Diversa-Mente” di Terni, parteciperanno formazioni provenienti dal Lazio, dalle Marche con Macerata, dal Trentino e due ospiti internazionali: il gruppo Dawnswyr  Tanat dal Galles e il gruppo Kud Rudar Ugljevic  dalla  Bosnia Erzegovina. Il fatto che dalle regioni coinvolte nel terremoto di questi giorni, Umbria, Lazio e Marche, non siano arrivate disdette è la testimonianza di un’unità di intenti e di una volontà forte di opporsi agli eventi drammatici anche trascorrendo del tempo insieme per trasmettere un patrimonio di tradizioni “ballato e cantato”. L’evento è patrocinato e sostenuto dalla Regione, dal Comune e dalla Provincia di Terni, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, dal FUIS, dalla Camera di commercio e dalla Pro Loco di Collesecco, da Carsulae Museo archeologico. 


“Sono qui a confermare il nostro sostegno all’iniziativa, un appuntamento che si consolida perché premiato dall’apprezzamento del pubblico e il cui merito è da attribuire all’associazione Diversa-Mente, che ha investito tempo, risorse e passione nel realizzarla” dichiara l’assessore alla cultura Giorgio Armillei. “Voglio invitare - prosegue l'assessore - a una riflessione sull’uso dello spazio di Carsulae, del sito archeologico, dell’intero complesso e del teatro romano restaurato. La possibilità di un suo migliore utilizzo, anche attraverso lo svolgimento in quel contesto degli spettacoli dal vivo, rappresenta uno strumento efficace per ampliare la capacità di suscitare meraviglia propria di quei luoghi, legandola non più soltanto alla bellezza intrinseca del sito archeologico in sé e per sé.

Mi auguro che la Soprintendenza metta a punto delle strategie per facilitare il rapporto tra i soggetti che fanno richiesta per utilizzare quello spazio e l’esigenza di tutelarne la storia e la bellezza. Tutelare vuol dire, infatti, anche valorizzazione e favorire la fruizione. Il Festival – conclude Armillei- rappresenta l’esempio di un modo virtuoso in cui ci si prende cura dell’identità interpretandola come un elemento dinamico di dialogo, una chiave di lettura da tenere presente anche per altri momenti durante il corso dell’anno e più in generale ogni qualvolta la città riflette su come rappresentare se stessa”.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 775 times

Utenti Online

Abbiamo 1242 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine