ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 10 Ottobre 2016 07:52

Ferrara – Mostri urbani: le 10 cose da sapere sul Palaspecchi

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Preso dal sito del Comune di Ferrara, nella rubrica Punti di vista il parere del Sindaco e della Giunta comunale che sintetizzano le 10 cose da sapere sul Palaspecchi:

1. Il palazzo è privato e non del Comune.

2. Le norme attuali impediscono ai Comuni di comprare palazzi, anche con compensazione di crediti, per poi abbatterli; sarebbe uno spreco di denaro pubblico.

3. L'unico progetto presentato in 30 anni è quello del gruppo Parsitalia di Luca Parnasi e CDPInvestimenti SGR che investe decine di milioni per la ristrutturazione.

4. I soldi della CDPInvestimenti SGR fanno gola a molti che fanno il tifo per la lega la quale, con lo slogan abbattiamolo, fa il loro gioco.

5. La Soc. Proprietaria, Ferrara 2007 s.r.l., non ha altri beni né liquidità; ogni iniziativa di escussione rischia di tradursi in una dichiarazione di fallimento che bloccherebbe ogni intervento per anni.

6. Il continuo clamore mediatico, le denunce per la presenza di inquinanti pericolosi e di oltre cento immigrati sta allarmando gli investitori; questo comporta un danno per i ferraresi cui rimane un mostro in casa mentre i soldi prendono altri lidi.

7. Senza l'ipotesi di ristrutturazione Ferrara 2007s.r.l. non ha alcun interesse neppure a bonificare; per cui pagherebbero i cittadini ferraresi senza speranze di recupero da una società priva di liquidità.

8. L'Amministrazione comunale le ha provate tutte per evitare di far pagare ai cittadini la bonifica; è ora che i ferraresi aprano gli occhi su chi (non eletto da nessuno) sta facendo, sulla loro pelle, un gioco sporco di apparente speculazione politica, ma di fatto spalleggia i tanti che pensano ai soldi della CDPInvestimenti SGR (30 milioni).

9. Non ci sono mai stati nel palazzo 150 immigrati come affermato fino a ieri dalla Lega, ma circa una trentina di persone, oltre a 78 tritoni.

10. I tritoni stanno tutti bene, sono stati liberati in un'oasi della LIPU in provincia di Bologna e la loro presenza testimonia di per sé che l'acqua presente era pulita.

(Nota diffusa dalla Portavoce del Sindaco)

Read 1203 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1033 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa