ANNO XIII Dicembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 19 Ottobre 2016 00:00

Avere e i suoi composti

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Questi miei articoli divulgativi di semantica storica, scritti allo scopo di rendere trasparente a quante più persone possibili la lingua italiana, qualcuno li ha chiamati lezioni; a me però è capitato in qualche occasione di chiamarli esercitazioni.

Ma al di là della portata della differenza delle due definizioni, a me piace considerarli dei modelli, degli esempi, oppure schemi; per altrettante riflessioni di approfondimento su altri vocaboli, o su gruppi di parole morfologicamente apparentate, per cercare di capire come si allargano, o si restringono, o si spostano, o si ribaltano, cioè: si modificano, i significati originari di una parola radicale, la quale nella pratica comunicativa è stata capace di generare una famiglia di parole.

Con questa premessa intendo dire che chiunque, dopo la lettura di due o tre, o più, di questi articoli – a seconda dell’attenzione e degli strumenti interpretativi di cui dispone – potrebbe, da solo e con l’aiuto di buon vocabolario della lingua italiana, continuare a “divertirsi” in questa ricerca della trasparenza linguistica.  Già altre volte mi è capitato di precisare che tutto quello che espongo, trova la fonte sorgente nel dizionario.

Oggi intendo parlarvi del verbo latino “habeo, habui, habitum, habere” che significa “avere”. Ho indicato le quattro voci del paradigma, così come sono rappresentati i verbi in un normale dizionario scolastico: prima persona del Presente e del Perfetto Indicativo + Supino ed Infinito Presente, che sono due indeclinabili.  Per spiegare ai giovani studenti di latino che cos’è e perché si mostra il paradigma, si dice che le quattro forme esposte nel paradigma sono la base per la formazione di tutte le altre forme della coniugazione completa del verbo.

Dal verbo “habeo/habere” mediante l’applicazione di un suffisso si ha il verbo “habito, habitavi, habitatum, habitare”, che chiamiamo iterativo o intensivo, per indicare che l’azione del verbo si ripete. Il verbo “habito/habitare” significa, appunto, “avere abitualmente”. Perciò tutta una serie di altri significati tra cui “abitare”. Vorrei far notare che anche i sostantivi “abitazione”, “abito” e “abitudine”, l’aggettivo “abile”, e lo stesso avverbio usato poco fa, “abitualmente”, sono tutte parole che derivano da “habeo/habere”. Per le numerose accezioni delle parole italiane chiuse nelle virgolette, consiglierei di consultare un vocabolario.

Sempre da “habeo/habere”, mediante l’applicazione di prefissi (avverbi o preposizioni: cum = insieme; de = separazione, privazione; ex = provenienza dall’interno; in = movimento verso l’interno; prae = davanti;  pro = sostituzione, al posto di … ) si formano alcuni verbi, che andiamo a vedere.

 “Habeo”        = avere, abbiente

“Cohibeo”      = (tenere insieme, contenere, racchiudere) coibente.

“Debeo”         = devo, dovere, debito.

“Exhibeo”      = esibire, esibizione.

“Inhibeo”       = inibire, inibizione.

“Praebeo”      = (offrire), prebende.

“Prohibeo”     = proibire.

E tante altre parole da queste derivate. Inoltre, dal verbo avere (italiano) deriva la parola abbiente = che possiede, che sta bene economicamente (tipo di participio costruito sul congiuntivo abbia).

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 872 times

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1341 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa