ANNO XVI Ottobre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Items filtered by date: Martedì, 02 Agosto 2022

Tre civili sono morti e altri tre sono rimasti feriti ieri in seguito ad un attacco delle forze russe nella regione di Donetsk, nell'Ucraina orientale: lo ha reso noto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale, Pavlo Kyrylenko. Governatore, altre persone sono state ferite. 

 

Tre civili sono morti e altri tre sono rimasti feriti ieri in seguito ad un attacco delle forze russe nella regione di Donetsk, nell'Ucraina orientale: lo ha reso noto su Telegram il capo dell'amministrazione militare regionale, Pavlo Kyrylenko.

"Il primo agosto i russi hanno ucciso tre civili nella regione di Donetsk: due a Maryinka e uno a Soledar.

Altre tre persone sono rimaste ferite", si legge nel messaggio.

Nuovi bombardamenti su Mykolaiv. Onu, almeno 5.327 civili morti nel conflitto


Sarebbero 22mila i soldati russi pronti ad attaccare Mykolaiv. Nella regione di Kherson intanto 50 città sarebbero state tolte al controllo russo.

Nessun cenno di tregua, il sindaco di Mykolaiv Oleksandr Sienkevych ha raccontato che durante la notte sono state udite nuove esplosioni in vari distretti della città. Una persona sarebbe rimasta ferita. Lo riporta il Kyiv Independent. 

 

La Giornata 

 

16:36 Libano, dissequestrata nave "con grano rubato" ma Tripoli la blocca

La procura di Beirut "non ha riscontrato alcun reato" in merito alla nave Laodicea, battente bandiera siriana, accusata dalle autorità di Kiev di trasportare orzo e farina rubati dall'Ucraina. La nave è stata quindi dissequestrata, ma non potrà ancora salpare perché ieri un giudice di Tripoli, nel nord del Libano dove è ormeggiata, ha emesso un altro ordine di sequestro di 72 ore. Per ora dall'ambasciata di Kiev a Beirut solo un 'no comment', mentre per domani è prevista una conferenza stampa. L'ambasciata russa ha detto di non avere informazioni in merito. Secondo l'Ucraina la nave battente bandiera siriana trasportava circa 10.000 tonnellate di farina e orzo saccheggiate dalla Russia dai negozi ucraini. Mosca ha negato di aver rubato grano.

16:01 Mosca, se Russia riconosciuta sponsor terrorismo sarà rottura con Usa

Mosca è pronta a interrompere le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti nel caso in cui dovesse essere accolto l'appello del Senato Usa sul dichiarare la Russia uno stato sponsor del terrorismo. Lo ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in un briefing, come riporta Tass. "Dopo aver esaminato tutti gli strumenti sanzionatori disponibili, che nel complesso si sono rivelati inefficaci, hanno pensato che possa essere un'arma potente dichiarare Mosca sponsor del terrorismo. Devono sapere: siamo pronti a qualsiasi sviluppo della situazione, e se Washington decide di interrompere completamente l'interazione con Mosca, sopravviveremo", ha detto Zakharova. "Dopo di che Washington corre il rischio di attraversare finalmente il punto di non ritorno con tutte le conseguenze che ne derivano", ha aggiunto la portavoce del ministero degli Esteri russo.

15:35 Kiev, sale a 27 bilancio vittime attacco su Vinnytsia

Il bilancio delle vittime dell'attacco missilistico russo su Vinnytsia sale a 27. Lo riferisce l'amministrazione militare della regione di Vinnytsia, come riporta il Kiev Independent. Un uomo è morto dopo 20 giorni di ricovero in ospedale in seguito alle ferite e alle gravi ustioni riportate. Novanta persone sono state ricoverate in ospedale dopo che un attacco missilistico russo ha colpito il centro di Vinnytsia il 14 luglio.

14:45 Russia avverte, rispettare anche la seconda parte dell'accordo sul grano

L'accordo sul grano va rispettato integralmente, anche "la seconda parte", quella riguardante le esportazioni russe. E' l'avvertimento rilanciato dalla portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova. "Ci aspettiamo che Kiev adempia ai suoi obblighi di garantire la sicurezza delle navi nei porti del Mar Nero e nelle acque territoriali dell'Ucraina", ha esordito Zakharova, ricordando poi che per "risolvere completamente il problema alimentare" è essenziale che i Paesi occidentali forniscano le condizioni per l'accesso dei fertilizzanti e dei prodotti alimentari russi ai mercati mondiali.

14:36 Terroristi? Azov, Mosca cerca giustificazioni crimini

"La Russia sta cercando nuove giustificazioni ai suoi crimini di guerra". Così il battaglione ucraino Azov ha commentato la decisione della Corte Suprema russa di dichiararlo "organizzazione terroristica" bandendone le attività sul territorio della Federazione.

14:02 Kiev: russi annunciano concerto rock all'Azovstal di Mariupol

"Gli occupanti russi hanno in programma di tenere un concerto rock nell'acciaieria Azovstal dove sono morti centinaia di combattenti ucraini per difendere la città di Mariupol". Lo scrive in un messaggio sul canale Telegram il Comune in esilio della città occupata, riportato da Unian.
"I russi continuano a stabilire record del loro cinismo. Ora stanno annunciando un concerto rock nella fabbrica dove sono morti i nostri eroi. Ancora una volta, stanno cercando di distrarre i residenti da problemi reali con eventi e diversivi", ha sottolineato il consiglio comunale, "non forniscono acqua e riscaldamento normali, ma tengono concerti in una città dove centinaia di cadaveri sono ancora sotto le macerie".

13:36 Kiev, quindici navi con grano ucraino pronte a partire

Quindici navi cariche di grano sono tecnicamente pronte a partire dai porti ucraini e altre due sono in fase di completamento. Lo ha dichiarato in tv il viceministro della Politica agraria in Ucraina Taras Vysotskyi, citato da Ukrinform. "Oggi è stato confermato che circa 15 navi sono tecnicamente pronte e altre due sono in fase di completamento. A quel punto, il traffico sarà bidirezionale, compreso l'avvicinamento delle navi per il carico", ha osservato il ministero. Queste navi sono destinate principalmente al trasporto di colture di cereali (mais, grano, orzo), e successivamente di semi oleosi e prodotti trasformati. Ogni nave può trasportare da 10.000 a 60.000 tonnellate. Secondo Vysotskyi, le navi da carico dovrebbero navigare solo durante le ore diurne. Per ragioni di sicurezza, sono accompagnate da una nave per proteggerle dalle mine. Non ci sono restrizioni sul numero di navi autorizzate a navigare. Ma ci sono richieste presentate e un programma coordinato che deve essere seguito.

13:28 Ucraina, iniziata evacuazione regione di Donetsk

"È iniziata l'evacuazione obbligatoria dalla regione di Donetsk. Il primo treno è arrivato questa mattina a Kropyvnytsky". Così il vice primo ministro ucraino e ministro per la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati, Iryna Vereshchuk, sul suo canale Telegram. "Abbiamo evacuato donne, bambini e anziani, c'erano molte persone a mobilità ridotta. Tutti sono stati accolti, tutti sono stati aiutati", ha spiegato la vice primo ministro. Secondo l'agenzia Ukrainian News Agency, tra i 200.000 e i 220.000 residenti dovranno essere evacuati nei prossimi giorni".

13:09 Russia conferma incontro Putin-Erdogan il 5 agosto

Il presidente russo, Vladimir Putin, incontrerà venerdì prossimo a Sochi il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan. Lo ha confermato ai giornalisti il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, secondo quanto riporta l'agenzia Tass. "Il presidente turco Erdogan si recherà in visita di lavoro venerdì. I colloqui tra i due presidenti si svolgeranno a Sochi", ha affermato Peskov precisando che l'incontro toccherà anche questioni bilaterali e regionali, tra cui la situazione in Ucraina. Il faccia a faccia "sarà una buona opportunità per confrontare l'efficacia del meccanismo per l'esportazione di grano dai porti ucraini", ha aggiunto Peskov.

12:57 Turchia, rinviato a causa maltempo arrivo prima nave carica di grano

Arriverà a Istanbul stasera o domani mattina, in ritardo rispetto alla tabella di marcia prevista che prevedeva l'attracco in mattinata, la Mv Razoni, la prima nave carica di mais salpata ieri dal porto di Odessa. Lo ha reso noto il Centro di coordinamento della città turca, secondo cui il ritardo è dovuto alle cattive condizioni del mare. Lo stesso Centro ha precisato che per il momento non sono previste nuove partenze dall'Ucraina.

12:43 Russia, battaglione Azov "organizzazione terroristica"

La Corte Suprema russa ha dichiarato il battaglione ucraino Azov un'organizzazione terroristica e ha bandito le sue attività nel territorio della Federazione. La richiesta era stata avanzata dall'ufficio del procuratore generale di Mosca.

12:17 Ucraina, liberati 1.054 insediamenti

Le forze ucraine hanno liberato finora un totale di 1.054 insediamenti che erano stati occupati dai russi: lo ha reso noto il vice capo dell'Ufficio del presidente ucraino, Kyrylo Tymoshenko, secondo quanto riporta Ukrinform. "Attualmente, un totale di 1.054 insediamenti è già stato liberato. In tutte le aree liberate dall'occupazione russa sono in corso lavori di recupero immediato", ha detto Tymoshenko. In particolare, ha sottolineato, nella regione di Zhytomyr si continua a ricostruire le infrastrutture e le abitazioni danneggiate dagli attacchi russi. "Lo Stato si è impegnato a rimborsare le spese", ha proseguito.

11:45 Onu, almeno 5.327 civili morti nel conflitto

Almeno 5.327 civili sono morti e 7.257 sono rimasti feriti in Ucraina dall'inizio dell'invasione delle truppe russe: lo ha reso noto l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, sottolineando che la "maggior parte" dei decessi sono stati causati "dall'uso di armi esplosive".
L'Ufficio dell'Alto Commissario Onu ritiene che i dati effettivi siano considerevolmente più elevati "per il fatto che la ricezione di informazioni da alcune località in cui sono in corso intense ostilità è stata ritardata e molti rapporti sono ancora in attesa di conferma".

11:28 Russia: "Washington sta destabilizzando il mondo"

"Washington sta portando la destabilizzazione nel mondo. Non un solo conflitto risolto negli ultimi decenni, ma molti ne hanno provocati". Lo ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, sul suo canale Telegram, in merito alla possibile visita della speaker della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, a Taiwan. "La Cina ha sospeso le importazioni di una serie di prodotti alimentari da Taiwan. Secondo la Central News Agency dell'isola, la mossa viene interpretata come una ritorsione per una probabile visita a Taipei di Nancy Pelosi. Si segnala che la lista nera include aziende impegnate nella produzione di tè, frutta secca, miele, fave di cacao e ortaggi. Il divieto include anche i prodotti di circa 700 pescherecci", ha aggiunto Zakharova.

11:07 Nave con cereali da Odessa questa notte a Istanbul

La nave 'Razoni', partita ieri da Odessa con un carico di cereali ucraini, arriverà a Istanbul attorno a mezzanotte (le 23 in Italia). Lo rende noto il ministero della Difesa turco con un comunicato secondo cui l'imbarcazione sarà successivamente ispezionata da delegati di Turchia, Ucraina, Russia e Nazioni Unite. In seguito all'ispezione, se non saranno riscontrati problemi, la nave continuerà il suo viaggio, la cui destinazione finale è Tripoli in Libano.

10:36 Ucraina, aperti 1.451 procedimenti penali su crimini contro i bambini

L'Ucraina ha aperto 1.451 procedimenti penali per indagini sui crimini contro i bambini. Il vice procuratore generale Ihor Mustetsa ha affermato che ci sono almeno 668 procedimenti aperti che riguardano violenze contro bambini, tra cui lesioni, omicidi e violenze sessuali, e 777 casi riguardanti attacchi a strutture che coinvolgono bambini, mentre altri casi includono il movimento forzato di giovani ucraini. Lo riporta il Kyiv Independent.

10:12 Ucraina: russi colpiscono minibus con civili evacuati, 3 morti

L'esercito russo ha colpito un minibus per evacuare i civili vicino al villaggio di Dovhove, nella regione di Kherson occupata dai russi. "Nella zona di Dolgovo, i cecchini hanno sparato a un minibus civile con un complesso missilistico anticarro. Tre civili sono stati uccisi e cinque civili sono rimasti feriti. I feriti sono stati portati in ospedale, hanno ricevuto assistenza", ha riferito il portavoce del comando operativo Sud dell'esercito ucraino Vladyslav Nazarov, citato da Unian.

09:28 Ucraina: "41.170 soldati russi uccisi dall'inizio della guerra"

Circa 41.170 soldati russi sono stati uccisi in Ucraina dall'inizio dell'invasione, secondo l'esercito di Kiev. Nel suo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l'esercito ucraino indica che si registrano anche 223 caccia, 191 elicotteri e 793 droni abbattuti. Lo riporta Ukrinform. Inoltre le forze di Kiev affermano di aver distrutto 1,768 carri armati russi, 936 sistemi di artiglieria, 4.014 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, 15 navi e 174 missili da crociera.

08:34 Zelensky: "Partenza della nave da Odessa primo segnale positivo, ma no a illusioni"

La partenza di una nave carica di mais ieri da Odessa, per la prima volta dall'inizio della guerra, "è un primo segnale positivo, ma non bisogna farsi illusioni". E' il senso del messaggio trasmesso nella notte dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky, secondo il quale se la partenza della nave è "il primo segnale positivo che indica che c'è una possibilità per fermare lo sviluppo di una crisi alimentare mondiale", tuttavia "è troppo presto per trarre ogni conclusione".

"L'attuazione dell'iniziativa sull'esportazione di grano ucraino e altri prodotti agricoli dai nostri porti nel Mar Nero è iniziata. La prima nave che trasporta 26.000 tonnellate di mais ha lasciato il porto di Odessa - ha detto Zelensky - Al momento è troppo presto per trarre conclusioni e prevedere ulteriori eventi. Ma il porto ha iniziato a funzionare, il traffico di esportazione è iniziato, e questo può essere definito il primo segnale positivo della possibilità di fermare la diffusione della crisi alimentare nel mondo".

"Attualmente, tutto dipende dall'attuazione dei parametri di sicurezza dell'iniziativa, che è responsabilità dei partner, in primo luogo le Nazioni Unite e la Turchia - ha concluso il presidente ucraino - Non possiamo illuderci che la Russia si astenga semplicemente dal cercare di ostacolare le esportazioni ucraine".

07:49 Kiev: si indaga su 752 casi di tradimento

I servizi di sicurezza ucraini indagano su 752 casi di tradimento e collaborazione con il nemico. Lo ha reso noto la stessa intelligence, secondo cui il maggior numero di casi documentati sono stati registrati nelle regioni di Luhansk, Donetsk, Zaporizhzhia e Kherson. "Il lavoro di individuare i traditori durante la guerra è una questione di sicurezza del nostro stato", si legge in una nota dell'ufficio del procuratore generale ucraino.

07:03 Scholz: a Kiev armi che non possiede neppure Bundeswehr

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha assicurato che non è vero che sta scemando il sostegno militare all'Ucraina. Lo ha detto in un'intervista al Globe and Mail. "Sin dai primi giorni dopo l'attacco della Russia all'Ucraina", la Germania ha fornito armi e munizioni di ogni tipo alle forze armate ucraine. "Abbiamo consegnato tutto ciò che avevamo: sistemi anticarro e antiaerei, mine, cannoni, tonnellate di munizioni e assistenza non letale. Da allora siamo passati a sistemi più complessi e costosi: obici semoventi, sistemi di lanciarazzo multiplo, sistemi antiaerei, radar. Alcuni di questi sistemi sono così nuovi che ne sono stati prodotti pochissimi e alcuni di essi -ha aggiunto- non sono nemmeno stati introdotti nella Bundeswehr", l'esercito tedesco.

06:06 Bombe russe su minibus evacuati, tre morti
 

Tre persone sono morte nel bombardamento russo di un minibus che trasportava persone in fuga da un villaggio occupato. Lo riferisce il comando operativo ucraino 'Sud', precisando che l'attacco si è verificato vicino a Dovhove, nell'oblast di Kherson. Secondo quanto riferito, il minibus trasportava sette persone in fuga dal villaggio temporaneamente occupato di Starosillia. I sopravvissuti sono stati ricoverati in ospedale a Kryvyi Rih.

05:51 Sobolevsky: nella regione di Kershon 50 città tolte al controllo russo

Nella regione di Kherson, le truppe ucraine hanno liberato circa 50 città, ad affermarlo è  Yuri Sobolevsky, vice capo del deposto consiglio regionale di Kherson.

04:04 Ventiduemila soldati russi pronti ad attaccare Mykolaiv

Il consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Arestovych ha detto che circa 22.000 soldati russi si stanno preparando ad avanzare verso le città di Kriviy Rih e Mykolaiv

03:01 Mosca, pronti a provare a Aiea bombe Kiev su Zaporizhzhia

L'amministrazione filorussa dei territori occupati della regione di Zaporizhzhia è pronta a fornire all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) prove a sostegno della tesi che vi siano stati bombardamenti ucraini contro la locale centrale nucleare: lo ha detto alla TASS Vladimir Rogov, un funzionario dell'amministrazione locale.


"Siamo molto lieti che, nonostante le pressioni e l'isteria del regime di Zelensky, [il direttore generale dell'AIEA Rafael] Grossi abbia confermato la disponibilità dell'AIEA a inviare una delegazione alla centrale nucleare di Zaporozhye".

Published in Attualità

Visione, programma elettorale, candidature: cosa prevede il patto siglato da Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova. 

Published in Economia & Finanza

Undici anni dopo Osama bin Laden, gli Stati Uniti hanno eliminato il suo erede alla guida di al-Qaeda, l'uomo considerato il 'numero uno' del terrorismo internazionale. 

Published in Cronaca

Alla presentazione del nuovo soggetto politico l'ex ministro Vincenzo Spadafora e il leader di Centro Democratico Bruno Tabacci, che parla del capo della Farnesina come del "più giovane dei miei figli". L'agenda Draghi sarà il programma da realizzare con le forze riformiste. 

Published in Economia & Finanza

L'aereo della presidente della Camera Usa dovrebbe arrivare a Taipei alle 22:20 ora locale (le 16:20 in Italia). Pechino: "La Cina farà tutto ciò che è in suo potere per proteggere la sua sovranità e integrità territoriale". 

Published in Attualità

I partiti della coalizione di centrodestra hanno messo nero su bianco la "totale condivisione" su tre punti: l'impegno dell'Italia a sostegno dell'Ucraina, la riforma costituzionale per trasformare l'Italia in una Repubblica presidenziale e l'approvazione dell'autonomia differenziata delle Regioni. 

 

Published in Nazionale

Utenti Online

Abbiamo 1223 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine