ANNO XIV Aprile 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Caracas (Venezuela) - Italia está celebrando dos acontecimientos de gran importancia. Dedica el año 2015 a su presencia cultural en la América Latina y la ciudad de Milán alberga la Exposición Internacional, conocida como EXPO Milán 2015, con la que se convierte en la capital de Italia y quiere ser con ella capital de mundo hasta el mes de Octubre.

 

Published in Cultura Esp
Venerdì, 11 Settembre 2015 12:54

Laureano Márquez en Roma el 27 de septiembre

Roma - Domingo, 27 de septiembre del # TeatroItalia anfitrión, a las 18.00 horas, la única presentación italiana humorista venezolano Laureano Márquez. Será la primera vez en Roma # del politólogo conocido, en el escenario con su obra "¿Por qué estamos como estamos?", Un monólogo de la sátira política que nos dirá el # Venezuela (en español).

Published in Teatro esp
Venerdì, 11 Settembre 2015 12:47

Laureano Márquez en Roma el 27 de septiembre

Roma - Domenica 27 settembre il ‪#‎TeatroItalia‬ ospiterà, alle 18.00 ore, l’unica presentazione italiana dell’umorista venezuelano Laureano Marquez. Sarà la prima volta a ‪#‎Roma‬ del noto politologo, in scena con la sua opera “Perché siamo come siamo?”, un monologo di satira politica che ci racconterà il ‪#‎Venezuela‬ (in spagnolo).

Published in Spettacolo

Caracas (Venezuela) - Las   actividades del Instituto Italiano de Cultura para este mes de septiembre verterán sobre dos grandes realidades: la música y el arte que tendrán como protagonista a la Región de Emilia Romaña.

El 3 de septiembre el grupo Italiano de jazz Antonio Flinta Trío, participará en el X Festival   Internacional de Jazz de Barquisimeto y la noche del 5 con un espectáculo en el Teatro Juárez. Los días 4 y 5 de agosto llevarán a cabo una Master Class   para jóvenes jazzistas locales.

El 6, viajarán a Caracas para presentarse en el Anfiteatro del Centro Cultural de El Hatillo en un espectáculo   que se desarrollará en el marco del XII Festival Internacional de Jazz de El Hatillo, y de allì continuaran su gira a Maracay, presentándose en la Casa de Italia y en Maracaibo, donde tocaràn el día 10 en un concierto organizado en colaboración con el Instituto Italiano de Cultura, el COMITES local y la Casa de Italia del lugar.

Il trio di Jazz es integrato por   Antonio Flinta, pianista y compositor, Roberto Bucci, contrabajista y Claudio Gioannini, baterista.

A través de composiciones propias y con una gran integración musical entre los componentes, el Trío explora distintos aspectos de la música como la textura y el color, el espacio, la forma y el ritmo, la improvisación total y la forma "standard song", siempre teniendo presente que la música--lenguaje universal--tiene que comunicar.

Continuando con las actividades musicales, el día   23 de septiembre el joven y talentoso arpista del Lago de Como, Raoul Moretti, se presentarà en San Cristobal (Táchira) representando a Italia en el Festival Internacional de Arpa. El 24,   realizarà otro concierto en el Teatro del Trasnocho Cultural departiendo la noche con la artista venezolana Biella da Costa, que cantarà las canciones más representativas de Mina. Conferencia: de Umberto Calabrese, director de periodico Piazza Italia, tema: la moda, arquitectura y el diseño, en Milán.

Con este evento, organizado   por el IIC conjuntamente con Italicum y el Trasnocho Cultural , se quiere realizar un homenaje a Milán y a la Expo Universal 2015. A parte del concierto, se inaugurará la muestra fotográfica “Nocturno exclusivo” del fotógrafo Mino de Vita , promovida por la Fondazione   Malerba de Milán: 30 fotografías espectaculares de una Milán nocturna, que una vez abandonado su ajetreo diario, se rodea de un ambiente surrealista que la envuelve por completo.

El día 25 concluirá la gira del Maestro Raoul Moretti en Venezuela , con un concierto  en el Instituto Italiano de Cultura. Esta iniciativa, que tendrá el nombre de “El Instituto a puertas abiertas”,   se enmarca en   las actividades promovidas por el Ministerio de Relaciones Exteriores de Italia para celebrar contemporáneamente   en los 80 Institutos Italianos de Cultura del mundo, el Año de Italia en America Latina.

En el campo expositivo se realizarà, en colaboración con la Consulta de la Regiòn Emilia Romaña y las asociaciones de emiliano- romañolos operantes en Venezuela , la exposición “La Emilia-Romaña se cuenta a sí misma. Imágenes y palabras de nuestra región”, que se inaugurara en la Sala Mac del Instituto Italiano de Cultura, el día 17 de septiembre a las 19:00 horas. Esta exposición, gracias al apoyo de las Asociaciones de Emiliano-romañoles de Venezuela, circularà por el país, presentándose en las Casas de Italia de Maracay, Barquisimeto, Puerto Ordaz, Maracaibo, San Cristóbal y Carupano. La exposición terminará el mes de abril de 2016, en Valencia.

Esta exposición tiene su origen en un proyecto preparado por la Consulta de los emiliano-romañolos en el mundo, para realizar un proyecto de conocimiento de la historia de la Región, de sus más sobresalientes protagonistas, de aquellos que han llevado por el mundo entero el talento y la creatividad de esta tierra, ilustrado en los espléndidos paneles realizados por el maestro Sergio Tisselli.

En el marco de esta exposición se presentara la reseña “La Emilia-Romaña se Cuenta en el Cine” en la cual se proyectaran cuatro películas de grandes directores representativos de la cinematografia de la región : El Decameron de Pier Paolo Pasolini, Amarcord de Federico Fellini, Los Amigos del Bar Margarita de Pupi Avati y Vincere de Marco Bellocchio y E Jardín de los Finzi Contini de Vittorio De Sica, del homónima novela del gran escritor ferrarese Giorgio Bassani.

Published in Cultura Esp

Caracas (Venezuea) - Il 24 settembre pv, l'Istituto Italiano di Cultura di Caracas IIC diretto da Erica Berra con Italicum e culturale Trasnocho, nel Centro culturale Trasnocho presso il Centro Commerciale del Paseo nel bel quartiere La Mercedes del municipio Baruta organizzano una serie di eventi, spiega la direttrice IIC dott.ssa Erica Berra: "si vuole fare un omaggio a Milano e il World Expo 2015. Con da una parte il  concerto della artista venezuelana Biella da Costa, che canterà le canzoni più rappresentarive di  Mina., una conferenza sulla moda, architettura e design a cura di Umberto Calabrese designer e direttore di Piazza Italia e Agoràmagazine, e dall'altra parte  la mostra fotografica "Notte esclusivo" Mino Vita fotografo, aprirà promosso Malerba dalla Fondazione Milano: 30 fotografie spettacolari di una notte di Milano, che una volta ha abbandonato la sua vita frenetica, è circondato da un'atmosfera surreale che circonda completamente".

CONCEPT

Si tratta di una raccolta di fotografie degli straordinari panorami che dagli ultimi piani degli hotel cinque stelle di Milano solo i turisti e pochi altri fortunati hanno avuto la possibilità di ammirare. Scatti notturni che propongono una città diversa dall'immaginario ufficiale, una Milano che si allontana dalla sua quotidiana velocità per emergere in un'atmosfera quasi surreale che l'avvolge interamente lungo i quattro punti cardinali. Panorami affascinanti che contribuiranno a far conoscere e a ricordare ulteriormente la città in tutto il mondo.

INTRODUZIONE

Milano, da sempre capitale economica d'Italia, non poteva certo rimanere indifferente all'idea di entrare a far parte della ristretta cerchia delle metropoli europee e mondiali.
Per assecondare questa vocazione, negli ultimi anni sono state realizzate opere sorprendenti firmate da architetti di fama internazionale, che da sempre sono al centro dell'acceso dibattito che oppone favorevoli e contrari allo sviluppo di un'architettura verticale, in contrapposizione ad una storia di città orizzontale. In verità già dagli anni '50 si assisteva a tentativi di mostrare al resto dell'Europa che anche Milano poteva vantare le sue torri, con progetti come la torre Velasca, la torre Galfa e il grattacielo Pirelli che insieme ad altri famosi edifici nel tempo avrebbero fatto storia. Opere straordinarie che si mescolano sapientemente con palazzi, cupole e campanili, formando insieme una rete di punti di riferimento che orientano lo sguardo quando si ammira il panorama della città dall'alto.
A tutto ciò da qualche anno si è aggiunto quanto di meglio l'iperarchitettura può offrire attuando con successo il processo di spettacolarizzazione dell'immagine della città, per offrire al pubblico un nuovo skyline sicuramente più adatto al ruolo di metropoli mondiale.
E' proprio questo momento di transizione epocale il soggetto di questa mostra. Un convinto tentativo di testimoniare la memoria di un consueto paesaggio urbano, nel momento in cui si trasforma freneticamente in una quotidiana dimensione spettacolare, nel nome di un neorinascimento urbanistico.
Per farlo si è scelto un punto di vista esclusivo: quello offerto dagli ultimi piani degli hotel cinque stelle all'uomo d'affari e al turista fortunato. Una Milano notturna che, abbandonata la sua quotidiana frenesia, si circonda di una atmosfera surreale che l'avvolge interamente.

MOSTRA

La mostra è composta da 36 fotografie orizzontali stampate su carta fotografica e montate su un supporto denominato "piuma" che garantisce, oltre alla rigidità, anche una notevole leggerezza. Quest'ultima caratteristica consente di abbattere i costi di spedizione ed eventualmente di trasportare le fotografie al seguito di un passeggero nella stiva dell'aereo. Inoltre il supporto ha uno spessore di 10 mm, quindi non necessita di ulteriore cornice e assicura all'esposizione una pregevole estetica.
Le dimensioni delle foto possono variare in base alle caratteristiche delle sedi espositive e possono essere scelte fra due formati: 50x75cm e 70x105cm. Per le stesse ragioni anche il numero di immagini che compone la mostra può subire variazioni e può essere ridotto fino a 10 soggetti, oltre i quali si sconsiglia di procedere per non diminuire l'effetto spettacolare della raccolta.
Per quanto riguarda l'allestimento si consiglia di appendere le fotografie cercando di rispettare, tra una e l'altra, una distanza di almeno 50cm per il formato piccolo e almeno 70cm per il formato grande. In linea di massima per la soluzione minima con foto 50x75cm occorre uno sviluppo lineare di circa 15m e una superfice di 20mq (5x4m). In ogni caso gli organizzatori sono a disposizione per le verifiche su pianta dello spazio da utilizzare ed eventuali variazioni all'allestimento di base.
Completa l'esposizione un pannello colophon 70x100cm verticale, da sistemare all'inizio o all'ingresso della mostra, contenente crediti, patrocini, eventuali sponsor e descrizione del progetto con testo inglese o a richiesta con testo della nazione ospitante.
L'illuminazione da riservare all'esposizione non presenta particolari esigenze, purché venga garantita la corretta percezione delle immagini trattandosi di soggetti notturni. Senza ombra di dubbio una luce concentrata su una o su gruppi di foto, valorizzare maggiormente la mostra.

Per ammortizzare i costi di spedizione si richiede la disponibilità per una durata minima di 2 settimane di
esposizione.

TOUR INTERNAZIONALE

L'intenzione degli organizzatori è quella di realizzare una serie di esposizioni all'estero, coinvolgendo, ma
non solo, le città gemellate con Milano:
• San Paolo,
• Toronto,
• Chicago,
• Melbourne,
• Tel Aviv,
• Cracovia,
• San Pietroburgo,
• Osaka,
• Shangai,
• Lione,
• Zurigo.

PATROCINIO

L'evento è patrocinato da:
• Comune Milano,
• Città Metropolitana di Milano,
• Regione Lombardia.


LIBRO


Le fotografie sono state raccolte in un libro che dallo scorso maggio si trova in tutte le librerie italiane, proprio in occasione dell'apertura di EXPO. Il libro sarà disponibile anche per la vendita all'estero.

Titolo: Notturno esclusivo
Autore: Mino Di Vita
Editore: Fondo Malerba per la Fotografia
Formato: 30x24 cm (aperto 60x24)
Rilegatura: brossura filo refe
Pagine: 80 stampa a colori su carta Gardapat Kiara gr.200.
Copertina: cartonata
testo: ita/eng
ISBN: 9788899170011
Link per visione l'anteprima del libro:
http://issuu.com/fondomalerbaperlafotografia/docs/notturno_esclusivo?utm_source=conversion_success
&utm_campaign=Transactional&utm_medium=email

AUTORE

Mino Di Vita ha studiato scenografia all'Accademia di Belle Arti di Brera e successivamente si è laureato in lettere e filosofia all'università degli studi di Bologna.
Dalla metà degli anni Ottanta ha fotografato la società nei suoi diversi aspetti fino a concentrare il suo interesse sulle connessioni tra l'uomo e i luoghi a cui è legato, indagando le atmosfere che ne derivano in conseguenza al trascorrere del tempo.
Ha realizzato progetti di ricerca su Venezia, Milano, Londra, Tokyo e altre metropoli nel mondo.
Ha esposto all'interno di gallerie, istituzioni e fiere d'arte internazionali, sue opere fanno parte della collezione Malerba a Milano e della collezione Seto a Tokyo.
E’ autore di libri fotografici e importanti agenzie in Cina, Corea e Giappone promuovono il suo lavoro nel mondo. Mino Di Vita è nato a Trapani nel 1963, vive a Milano e lavora tra Milano e Tokyo (minodivita.com).

mostre:

2014 | DALLA MIA FINESTRA GUARDO E VEDO, Spazio Urban Center, Milano
a cura di Roberto Mutti [SOLO]

2014 | MIA Milan Image Artfair, Milano

2013 | THE SPIRIT OF A PLACE, Galleria PlaceM, Tokyo - Giappone
a cura di Masato Seto [PERSONALE]

2013 | THE SPIRIT OF A PLACE, Galleria DAMarte, Magenta (MI) [PERSONALE]

2013 | THE SPIRIT OF A PLACE, Roonee Gallery, Tokyo - Giappone
a cura di Toshi Shinoara [PERSONALE]

2012 | CONTROFORMA, Art Space Purl, Daegu - Corea del sud
a cura di Okreal Kim [COLLETTIVA]

2012 | DAEGU ART FAIR, EXCO, Daegu - Corea del sud [COLLETTIVA]

2012 | KUNSTART BIENNALE ARTE, centro esposizioni, Bolzano [COLLETTIVA]

2011 | ALTE VISUALI, Palazzo del Broletto, Como
a cura di Luisella Longobardi [PERSONALE]

2011 | STRADE E CITTA', Galleria Lorenzelli Arte, Milano
a cura di Alessandro Malerba [COLLETTIVA]

2011 | ALTE VISUALI, Villa Serbelloni, Bellagio
a cura di Luisella Longobardi [PERSONALE]

2011 | JUST UNUSUAL VISIONS, eventi collaterali 54a Biennale Arte, Oi Va Voi Gallery, Venezia
a cura di Roman Tcherpak [PERSONALE]

2008 | VITE DA STORIA, Magazzini Pane Quotidiano, Milano [PERSONALE]

Bibliografia:

2015 | NOTTURNO ESCLUSIVO, edizioni Fondo Malerba per la Fotografia, Milano

2014 | DALLA MIA FINESTRA GUARDO E VEDO, catalogo, edizioni Fondo Malerba per la Fotografia, Milano

2012 | DAEGU ART FAIR, catalogo, Galleries' Association, Daegu South Korea

2012 | KUNSTART BIENNALE ARTE, catalogo, Lars, Bolzano

2011 | ALTE VISUALI, edizioni Lab63, Milano

2011 | MY BEST FRIEND, edizioni Lab63, Milano

2008 | VITE DA STORIA, edizioni PQ, Milano

ORGANIZZAZIONE

L'organizzazione è affidata al Fondo Malerba per la Fotografia, una struttura ideata per promuovere in Italia e all'estero la fotografia artistica in ogni suo ambito. Il Fondo ha al suo attivo l'organizzazione di numerosi tra mostre, attività didattiche ed eventi collaterali realizzati in collaborazione con artisti, curatori, critici e docenti universitari provenienti dalle più importanti istituzioni italiane e straniere. Inoltre l'associazione gestisce la conservazione della collezione Malerba, una delle più apprezzate collezioni di fotografia storica e contemporanea a livello nazionale che raccoglie le opere di celebri autori di fama mondiale e dei nuovi protagonisti della fotografia italiana.

HOTEL COINVOLTI NEL PROGETTO

• THE WESTIN PALACE, MILAN

• CHATEAU MONFORT

• TOWNHOUSE GALLERIA

• BOSCOLO MILANO

• PARK HYATT, MILAN

• CARLTON HOTEL BAGLIONI

• HOTEL PRINCIPE DI SAVOIA

• GRAND HOTEL ET DE MILAN

• FOUR SEASONS HOTEL MILANO

• THE GRAY

• HOTEL MAGNA PARS SUITES MILANO

• MELIA' MILANO

• BULGARI HOTEL MILANO

• PALAZZO PARIGI HOTEL & GRAND SPA MILANO

• EXCELSIOR HOTEL GALLIA

• HOTEL PIERRE MILANO

Published in Venezuela

Maracay (Venezuela) - Lo scorso 15 agosto, Giornata dell'amicizia italo-venezuelana in ricordo del giuramento del Libertador Simon Bolivar a Roma, presso la Casa d'Italia di Maracay sono state organizzate due iniziative di pregevole livello, uniche nel vasto panorama della collettività italiana presente in Venezuela.

A darne notizia è la Consulta degli emiliano romagnoli nel mondo. Casa d'Italia, in collaborazione con la Associazione Emilia-Romagna Aragua, ha celebrato l'anniversario della morte di Enzo Ferrari con una esposizione di modellismo automobilistico che si è protratta per tutto il fine settimana.

La serata è poi continuata con una interessante conferenza di Anna Maria Michelangelo, ex vicepresidente del CRAM (Consiglio Regionale degli Abruzzesi nel Mondo), sul tema della ricorrenza del giorno dell'amicizia tra Italia e Venezuela, istituito con decreto presidenziale del defunto Hugo Chavez nel 2005. "Sono stati veramente due giorni di gradevoli incontri dell'associazionismo italiano in Venezuela a Maracay - afferma Mariano Palazzo - in cui si è fatto promozione di una delle eccellenze dell'Emilia-Romagna, ed è stata questa un'importante occasione per promuovere la nostra regione presso la comunità italo-venezuelana". (aise)

Published in Venezuela

Caracas (Venezuela) - El Instituto Italiano de Cultura de Caracas invita cordialmente a la Conferencia "Dante y su pensamiento político" con el periodista Mauro Bafile, en ocasión del 750 Aniversario de Dante Alighieri, el jueves 27 de agosto de 2015, a las 6:30 p.m., en el Area MAC del Instituto Italiano de Cultura de Caracas, en Altamira. La Directora de Instituto Italiano de Cultura Erica Berra presenta el tema.

Published in Cultura Esp
Martedì, 18 Agosto 2015 00:41

Festa dell’amicizia fra Italia e Venezuela

Porlamar (Venezuela) - Il 30 Luglio del presente anno il Viceconsolato d’Italia in Porlamar, con la collaborazione della fondazione “Impacto Cultural” (Impatto Culturale), ha celebrato il Giorno dell’ amicizia fra Italia e Venezuela, commemorando il trattato firmato il 22 Giugno 2005 fra il Governo Venezuelano e alcuni rappresentanti dalla comunita italiana nel Palazzo Presidenziale, chiamata “La dichiarazione di Miraflores”, la quale il Presidente Hugo Chavez ha deciso celebrare ogni 15 d’Agosto come ricordo al giuramento del padre della Patria Simon Bolivar , pronunciato a Roma nel 1805.

Published in Venezuela

Caracas (Venezuela) - Un estudio de opinión pública efectuado por Consultores 21 reveló que 1 de cada 4 venezolanos preferiría irse a vivir a otro país que quedarse en Venezuela; es decir, 24,5% de los 2.000 consultados preferiría migrar, frente a 73,2% que permanecería en el país.

Published in Sociedad esp

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1167 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa