ANNO XIV Ottobre 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Il giornalista sotto scorta per le minacce della mafia si dice amareggiato: "Da molti non ho ricevuto neanche un messaggino telefonico di facciata". Poi annuncia: "E' l'ultimo anno di contratto con La7. Poi non escludo di entrare in politica".

Published in Spettacolo

"Confermo tutto, sono sotto scorta da due settimane ma non ho altro da aggiungere''. Così Massimo Giletti all'Adnkronos ammettendo quanto riportato dal sito Antimafia Duemila. "Il pezzo di Saverio Lodato spiega bene quanto è accaduto'', aggiunge il conduttore di 'Non è l'Arena'. Alla base del provvedimento ci sono le minacce indirizzate a Giletti dal boss Filippo Graviano, intercettato in carcere, in merito all'uscita dal carcere di 300 mafiosi a causa dell'emergenza coronavirus. I nomi dei detenuti usciti di prigione sono stati letti dal conduttore durante la puntata di 'Non è L'Arena' il 10 maggio scorso.

Published in Cronaca

Utenti Online

Abbiamo 1142 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine