ANNO XIII Ottobre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Riceviamo dalle organizzazioni sociali che si occupano dei migranti un comunicato stampa che parla di una manifestazione in soliderità di questo sindaco al terzo mandato che è diventato un po' l'idolo dei migranti per la sua azione quotidiana. Le dimissioni parrebbero riferirsi a veleni della rete per dialoghi rubati. Ma lasciamo spazio alle associazioni

Published in Reggio Calabria

Riceviamo e pubblichiamo integralmente comunicato stampa pervenuto da Giampaolo Vietri – Consigliere Comunale di Taranto – Forza Italia

Published in Taranto

Dopo il voto della Regione si lavori unitariamente per aggiornare gli strumenti per combattere le ludopatie”

Published in Reggio Emilia

Costituire un gemellaggio tra la Città di Caserta e la Città di Niagara Falls, è l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato questa mattina dal sindaco Carlo Marino e Jim Diodati, primo cittadino del centro canadese famoso in tutto il mondo per le sue cascate.

Published in Caserta

Riceviamo e pubblichiamo integralmente nota pervenuta dal Meetup Rocca a 5 Stelle e sottoscritta inviata come lettera all’Autorità Nazionale Anticorruzione e alla PREFETTURA di Taranto dopo l’arresto del primo cittadini, le dimissioni e lo scioglimento del consiglio comunale

Published in Taranto

Le principali delibere di Giunta - Ieri mattina la Giunta Comunale si è riunita e ha preso le seguenti decisioni, illustrate dal sindaco Renzo Caramaschi oggi pomeriggio nella consueta conferenza stampa post Giunta.

Published in Bolzano
La medaglia olimpica il sigillo di una carriera unica e straordinaria
Published in Bolzano

 Il sindaco Di Girolamo: "La bomba di Bologna si è portata via 85 persone tra cui il nostro Sergio"

Published in Terni

Si è svolto nel pomeriggio di oggi il primo Consiglio Comunale della nuova Amministrazione guidata dal sindaco Carlo Marino, che nell’occasione ha anche presentato la nuova Giunta.

Published in Caserta
 CAMBIARE, NEL CASO SI RISCONTRA UN REALE DISSERVIZIO, E' SINONIMO DI MATURITA'.

A volte, bisogna acquisire le lamentele/critiche del cittadino, specialmente se costui è costruttivo e propositivo. Il cittadino in questione, mi onora della sua amicizia, oltre il rispetto che ha verso di me, in considerazione, delle tante battaglie che affronto/IAMO, ovviamente nel mio piccolo ruolo di pseudo politico e rappresentante di un movimento. Tale lettera è già stata inviata dallo stesso agli organi istituzionali del comune di Taranto.

Ritengo che, a prescindere dalle reali condizioni già più volte discusse in questi giorni e riportate puntualmente sui quotidiani e le televisioni locali, per alcune criticità create dal nuovo assetto stradale su via Cerare Battisti e viale Magna Grecia, sia indispensabile, intervenire e modificare il diametro della rotonda di viale Magna Grecia che incrocia viale Trentino, come bisogna agire su via Cesare Battisti. Oggi, ho voluto fare il tratto di via Cesare Battisti alle ore 11.45, partendo da piazza Ramellini fino allo svincolo per immettermi su viale Magna Grecia. Bene, anzi male, sono arrivato allo svincolo alle 12.20. Come si può capire, non è possibile, stare accodato per circa 35 minuti, su un tratto di un chilometro e trecento metri. Consentitemelo, chi abita su via Cesare Battisti, dove respira tutto ciò che è prodotto dallo scarico delle auto, è una cosa micidiale. Tantoché, ho dovuto mettere l’aria condizionata, utilizzandola a circuito chiuso della mia macchina. Ovviamente, chiederò all’ente competente, di misurare il grado d’inquinamento negli orari di massimo flusso di automezzi che transitano, specialmente nei tratti critici di via Cesare Battisti.

Questa è la lettera, inviata alle parti competenti del comune di Taranto, da parte dell’amico- cittadino, Gaetano Scudiero.

    

Evviva!! Sig. Sindaco,

avevamo il bisogno, anzi per meglio dire avvertivamo l'impellente, indispensabile, reale bisogno di ordine in città. Ed ecco finalmente un vivo segnale di presenza istituzionale, un segno tangibile della Sua operosità, della voglia politica di migliorare questa città, operosità ancora più apprezzabile se si tiene conto che le opere a cui mi riferisco sono state ultimate e rese fruibili alla cittadinanza nei caldi giorni di Giugno e nelle afose giornate di Luglio durante i quali vedere operai  all'opera nella strade della città trasmetteva un senso di abnegazione e volontà operosa, quasi un esempio per tutti.

A cosa mi riferisco? In primis alle rotonde costruite a Viale Magna Grecia, ed in particolare a quella  all'incrocio con Viale Trentino. Bella, elegante, ma grande, dal diametro troppo largo, tanto da strozzare il traffico di Viale M. Grecia da due  in una sola corsia, resa ancora più stretta dall'avanzare degli automobilisti provenienti da Viale Trentino che, non avendo DNA svizzero ma tarantino, ben si guardano di aspettare di ingaggiare la rotonda aspettando sulla riga prevista, stringendo, di fatto, ancor di più la carreggiata di percorrenza della rotonda stessa creando situazioni di pericolosa vicinanza tra autovetture e rallentando di fatto il traffico invece di fluidificarlo. Che dirle Sig. Sindaco, il suo Assessore avrà avuto un attimo di mania di grandezza, ma come si dice :” melius abundare quam deficere”, peccato che Viale M. Grecia era a tre corsie.

Ma il plauso più grande, anzi propenderei addirittura per una standing ovation, lo merita chi ha avuto l'idea di far applicare in via C. Battisti i cordoli di separazione della corsia del bus. Altra botta di genio da metà Luglio tarantino, quando, secondo il mio modestissimo parere, Caro Sindaco farebbe meglio a mandare i suoi collaboratori dal DNA svizzero in vacanza al mare, farebbero meno danni!!. Mi spiego meglio. Il cordolo di delimitazione di carreggiata, ha di fatto creato un vero imbuto al traffico di una delle più lunghe e percorse strade della città. Chi si immette dalle strade limitrofe trova il traffico fermo in fila e per immettersi al di là del cordolo di fatto blocca comunque la corsia del bus. Questa corsia è meta di scorribande di motociclisti ed automobilisti, i “soliti furbi” qualcuno li chiama, quelli che sicuramente non temono multe che se ne fregano di tutto e di tutti e principalmente dei suoi Vigili Urbani. A proposito dove sono i Vigili urbani perchè, nonostante il cordolo, la doppia fila inizia a Piazza Ramellini e finisce allo stadio Mazzola. A contribuire a questa doppia fila non solo automobilisti indisciplinati ma anche automezzi e camioncini per carico e scarico merci delle attività commerciali che insistono sulla strada.

I parcheggi a spina di pesce riducono ancor di più la carreggiata fruibile alle autovetture e se chi ha parcheggiato, tra l'altro a pagamento, vuole uscire dal parcheggio o combatte con quelli in doppia fila o con la difficile immissione nel traffico. Inoltre tutte le arterie che da Via G. Messina, si immettono su Via C. Battisti sono bloccate rallentando di fatto anche la viabilità di via G.Messina che aiutava a smaltire il traffico di via Battisti. Non parliamo di cosa ha dovuto fare un'autoambulanza per passare ieri, con un autobus davanti che ha potuto dargli strada solo quando all'altezza del distributore dell'Agip ha potuto mettere due ruote sul marciapiede. Ormai ci sono e non posso essere indifferente neanche al fatto che, a causa di tutto ciò, è notevolmente aumentato l'inquinamento sia da idrocarburi che da rumore e suono di clacson e trombe nel traffico; e sto parlando di metà Luglio  in una città di mare, figuriamoci ora che riaprono le scuole.  Grande pensata e Sig. Sindaco e certo non era bello vedere i tarantini, organizzati nell'illegalità, ma ognuno con la sua etica, utilizzare la vecchia corsia del bus. Forse sarò paradossale ma a Via Cesare Battisti sarebbe stato meglio eliminare del tutto la corsia del bus del resto in Viale M.Grecia, nonostante le rotonde e l'elegante marciapiede centrale la corsia del bus non c'è mai stata.

Published in Taranto

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 968 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa