ANNO XIII Novembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

La medaglia olimpica il sigillo di una carriera unica e straordinaria
Published in Bolzano

 Il sindaco Di Girolamo: "La bomba di Bologna si è portata via 85 persone tra cui il nostro Sergio"

Published in Terni

Si è svolto nel pomeriggio di oggi il primo Consiglio Comunale della nuova Amministrazione guidata dal sindaco Carlo Marino, che nell’occasione ha anche presentato la nuova Giunta.

Published in Caserta
 CAMBIARE, NEL CASO SI RISCONTRA UN REALE DISSERVIZIO, E' SINONIMO DI MATURITA'.

A volte, bisogna acquisire le lamentele/critiche del cittadino, specialmente se costui è costruttivo e propositivo. Il cittadino in questione, mi onora della sua amicizia, oltre il rispetto che ha verso di me, in considerazione, delle tante battaglie che affronto/IAMO, ovviamente nel mio piccolo ruolo di pseudo politico e rappresentante di un movimento. Tale lettera è già stata inviata dallo stesso agli organi istituzionali del comune di Taranto.

Ritengo che, a prescindere dalle reali condizioni già più volte discusse in questi giorni e riportate puntualmente sui quotidiani e le televisioni locali, per alcune criticità create dal nuovo assetto stradale su via Cerare Battisti e viale Magna Grecia, sia indispensabile, intervenire e modificare il diametro della rotonda di viale Magna Grecia che incrocia viale Trentino, come bisogna agire su via Cesare Battisti. Oggi, ho voluto fare il tratto di via Cesare Battisti alle ore 11.45, partendo da piazza Ramellini fino allo svincolo per immettermi su viale Magna Grecia. Bene, anzi male, sono arrivato allo svincolo alle 12.20. Come si può capire, non è possibile, stare accodato per circa 35 minuti, su un tratto di un chilometro e trecento metri. Consentitemelo, chi abita su via Cesare Battisti, dove respira tutto ciò che è prodotto dallo scarico delle auto, è una cosa micidiale. Tantoché, ho dovuto mettere l’aria condizionata, utilizzandola a circuito chiuso della mia macchina. Ovviamente, chiederò all’ente competente, di misurare il grado d’inquinamento negli orari di massimo flusso di automezzi che transitano, specialmente nei tratti critici di via Cesare Battisti.

Questa è la lettera, inviata alle parti competenti del comune di Taranto, da parte dell’amico- cittadino, Gaetano Scudiero.

    

Evviva!! Sig. Sindaco,

avevamo il bisogno, anzi per meglio dire avvertivamo l'impellente, indispensabile, reale bisogno di ordine in città. Ed ecco finalmente un vivo segnale di presenza istituzionale, un segno tangibile della Sua operosità, della voglia politica di migliorare questa città, operosità ancora più apprezzabile se si tiene conto che le opere a cui mi riferisco sono state ultimate e rese fruibili alla cittadinanza nei caldi giorni di Giugno e nelle afose giornate di Luglio durante i quali vedere operai  all'opera nella strade della città trasmetteva un senso di abnegazione e volontà operosa, quasi un esempio per tutti.

A cosa mi riferisco? In primis alle rotonde costruite a Viale Magna Grecia, ed in particolare a quella  all'incrocio con Viale Trentino. Bella, elegante, ma grande, dal diametro troppo largo, tanto da strozzare il traffico di Viale M. Grecia da due  in una sola corsia, resa ancora più stretta dall'avanzare degli automobilisti provenienti da Viale Trentino che, non avendo DNA svizzero ma tarantino, ben si guardano di aspettare di ingaggiare la rotonda aspettando sulla riga prevista, stringendo, di fatto, ancor di più la carreggiata di percorrenza della rotonda stessa creando situazioni di pericolosa vicinanza tra autovetture e rallentando di fatto il traffico invece di fluidificarlo. Che dirle Sig. Sindaco, il suo Assessore avrà avuto un attimo di mania di grandezza, ma come si dice :” melius abundare quam deficere”, peccato che Viale M. Grecia era a tre corsie.

Ma il plauso più grande, anzi propenderei addirittura per una standing ovation, lo merita chi ha avuto l'idea di far applicare in via C. Battisti i cordoli di separazione della corsia del bus. Altra botta di genio da metà Luglio tarantino, quando, secondo il mio modestissimo parere, Caro Sindaco farebbe meglio a mandare i suoi collaboratori dal DNA svizzero in vacanza al mare, farebbero meno danni!!. Mi spiego meglio. Il cordolo di delimitazione di carreggiata, ha di fatto creato un vero imbuto al traffico di una delle più lunghe e percorse strade della città. Chi si immette dalle strade limitrofe trova il traffico fermo in fila e per immettersi al di là del cordolo di fatto blocca comunque la corsia del bus. Questa corsia è meta di scorribande di motociclisti ed automobilisti, i “soliti furbi” qualcuno li chiama, quelli che sicuramente non temono multe che se ne fregano di tutto e di tutti e principalmente dei suoi Vigili Urbani. A proposito dove sono i Vigili urbani perchè, nonostante il cordolo, la doppia fila inizia a Piazza Ramellini e finisce allo stadio Mazzola. A contribuire a questa doppia fila non solo automobilisti indisciplinati ma anche automezzi e camioncini per carico e scarico merci delle attività commerciali che insistono sulla strada.

I parcheggi a spina di pesce riducono ancor di più la carreggiata fruibile alle autovetture e se chi ha parcheggiato, tra l'altro a pagamento, vuole uscire dal parcheggio o combatte con quelli in doppia fila o con la difficile immissione nel traffico. Inoltre tutte le arterie che da Via G. Messina, si immettono su Via C. Battisti sono bloccate rallentando di fatto anche la viabilità di via G.Messina che aiutava a smaltire il traffico di via Battisti. Non parliamo di cosa ha dovuto fare un'autoambulanza per passare ieri, con un autobus davanti che ha potuto dargli strada solo quando all'altezza del distributore dell'Agip ha potuto mettere due ruote sul marciapiede. Ormai ci sono e non posso essere indifferente neanche al fatto che, a causa di tutto ciò, è notevolmente aumentato l'inquinamento sia da idrocarburi che da rumore e suono di clacson e trombe nel traffico; e sto parlando di metà Luglio  in una città di mare, figuriamoci ora che riaprono le scuole.  Grande pensata e Sig. Sindaco e certo non era bello vedere i tarantini, organizzati nell'illegalità, ma ognuno con la sua etica, utilizzare la vecchia corsia del bus. Forse sarò paradossale ma a Via Cesare Battisti sarebbe stato meglio eliminare del tutto la corsia del bus del resto in Viale M.Grecia, nonostante le rotonde e l'elegante marciapiede centrale la corsia del bus non c'è mai stata.

Published in Taranto

Quest’espressione iperbolica è quello che uno strizzacervelli dice all’autore del libro: “dottore mi si è precarizzata la vita” che riceve l’ovvia risposta del cliente: “mica sono un killer!”. Appunto, per questo è dal psicologo del lavoro. Un personal trainer della mente che fa raccontare tutti i fatti che riguardano l’esperienza del protagonista tra Bari e Taranto, mettendo a nudo personaggi attuali della politica e le loro meschinità.

Published in Cultura

Ankara (Turchia) - Morto il vice sindaco di Istanbul Cemil Candas. L'uomo era stato ferito con una pistola alla testa da un uomo entrato nel suo ufficio nel distretto di Sisli. Le sue condizioni erano apparse da subito gravissime.

Published in Politica

La nomina di Gigia Bucci a segretario generale della CGIL di Bari è una bella notizia che conferma la volontà del sindacato di riconoscere ruoli e responsabilità in base ai meriti effettivi dei suoi iscritti.

Nonostante la giovane età QUEEN per Agorà ha infatti l'esperienza e la competenza necessarie a guidare la CGIL cittadina in questa fase di trasformazione e di rilancio: ha guidato brillantemente la SLC CGIL, conosce da vicino il mondo del lavoro, i problemi del precariato e il valore delle politiche di conciliazione vita-lavoro.

Per questo sono certo che riuscirà a raggiungere l'obiettivo condiviso di trasformare l'area metropolitana di Bari in un'opportunità di crescita per le comunità che vi risiedono e le assicuro la massima collaborazione delle istituzioni che rappresento per dar vita ad un dialogo costante e proficuo nell'interesse di tutti i cittadini.

A Gigia Bucci i più sentiti auguri di buon lavoro per l'inizio di questa nuova avventura.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Bari

Torino - Ieri mattina la Sindaca Appendino è intervenuta alla festa conclusiva del Ramadan pronunciando il seguente discorso: 

“Buongiorno a tutti,
per me è un grande onore rappresentare la Città di Torino in un momento così alto ed importante per i fedeli mussulmani come la fine del tempo del Ramadan, il mese del digiuno.
Per ciascuno di voi questo periodo ha costituito un’occasione di rinuncia non solo al cibo ma anche a ciò che c’è di malvagio nella nostra vita: i cattivi pensieri, le cattive azioni e la rabbia. Si tratta di uno dei pilastri della vostra fede e io sono profondamente convinta che la fede vissuta nel cuore e nella vita di ciascuno di noi, qualunque essa sia, costituisca un’occasione di ricchezza per l’intera società.
Nel mio discorso di insediamento ho affermato che non dobbiamo avere paura di uscire da noi stessi, da quella zona di conforto nella quale sovente cerchiamo di rifugiarci, per incontrare l’Altro, perché solo da un vero e profondo incontro ci si arricchisce reciprocamente.

Credo fermamente che non sia il compito di una Istituzione laica, come la Città, entrare nell’anima delle donne e degli uomini, ma sia nostro dovere preparare tutti quei fattori che garantiscano a ciascuno la massima libertà possibile e, nel contempo, l’adesione al patto sociale. Solo in questo modo possiamo costruire una società equilibrata, nella quale ciascuno possa aspirare a realizzare se stesso, nei propri valori, sogni, ambizioni e progetti.
Lo Stato laico è per sua stessa natura pluralista e dialogante, è il modo col quale anche le fedi possono prosperare e diventare, a loro volta, linfa della vita culturale e sociale.

Tutti noi siamo rimasti profondamente toccati dagli eventi di Dacca e in particolare, da torinesi, siamo vicini alla famiglia di Claudia D’Antona. Qualche giorno fa abbiamo ricordato le vittime di un altro attentato, quello di Istanbul, e ancora prima altre di Orlando. Noi, tutti noi, in una nebbia sempre più fitta, siamo ora chiamati a seguire però la luce del nostro cuore che ci indichi una via. A noi, istituzioni pubbliche, è dato un importante compito: quello di affermare chiaramente che i violenti e gli assassini non hanno etichette religiose, che non esistono religioni buone o religioni cattive ma solamente uomini e donne che nella loro vita cercano, per quanto è loro possibile, di compiere il bene e altri che invece provocano dolore e morte. 
A voi spetta la responsabilità di aiutarci a spiegare questo, di supportarci in una azione costante di verità affinché nessuno possa confonderci e farci vedere nel nostro Prossimo non il nostro fratello o la nostra sorella ma un nemico.

Abbiamo con noi delle armi infallibili, una di queste voi l’avete praticata per un mese e la mettete a disposizione di tutta la società. Non è infatti con la violenza che si combatte il male, ma è solo con il bene, perseguendolo tenacemente in ogni nostro pensiero, parola e azione.GUSTAV GLI AMICI DI SPINO Gustav
Grazie per avermi dato l’occasione di incontrarvi e di conoscerci un po’ meglio, anche se purtroppo non potrò presentarmi a ciascuno; sono certa però che questo sarà solo il primo passo della strada che percorreremo assieme. (foto da Repubblica Torino)

 

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Torino

I criteri generali in materia di ordinamento degli uffici e dei servizi, la costituzione di parte civile nel processo di Milano per l’omicidio del procuratore Bruno Caccia, l’impegno a definire la partecipazione al programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie, la proroga degli incarichi al Comandante della Polizia Municipale, Alberto Gregnanini, e al dirigente del Settore Rigenerazione Urbana, Valter Cavallaro, sono le principali decisioni assunte questa mattina dalla Giunta Comunale.

I criteri generali per l’organizzazione della macchina comunale

Efficientamento della macchina comunale e contenimento dei costi (nel rispetto dei vincoli normativi) per assicurare trasparenza, riconoscimento del merito, economicità all’azione amministrativa e partecipazione della cittadinanza alle scelte dell’Amministrazione comunale. 
Questi, in estrema sintesi, gli obiettivi che orienteranno i criteri generali in materia di ordinamento degli uffici e dei servizi della nuova Giunta guidata dalla sindaca Chiara Appendino. La delibera di indirizzo in tema di organizzazione del personale, che è stata approvata questa mattina dall’esecutivo di Palazzo Civico, passerà nelle prossime settimane al vaglio della Sala Rossa per il sì definitivo. 
Il provvedimento prevede un’organizzazione con una struttura di vertice più snella, composta di 12 unità per consentire il pieno raccordo tra indirizzo politico e azione amministrativa, e la funzione di coordinamento della macchina comunale ancora affidata al Comitato di Direzione ma, a differenza della precedente consiliatura, presieduto dal Segretario Generale al posto del Direttore Generale, figura quest’ultima di cui la nuova Giunta non intende avvalersi per semplificare ulteriormente la struttura organizzativa e conseguire un ulteriore risparmio nella spesa per il personale..
Tra le altre indicazioni del provvedimento, un risparmio del 30% (circa 5 milioni di euro) delle spese per gli staff e gli incarichi dirigenziali a termine e la conferma dei concorsi per la copertura, nel 2017, di posti di assistente sociale, educatore professionali, assistenti domiciliari (Oss/Adest), giardinieri e tecnici impianti sportivi. 

La Città parte civile nel processo per l’omicidio di Bruno Caccia

La Città si costituirà parte civile nel processo per l'omicidio del procuratore Caccia, la cui prima udienza relativa al giudizio immediato nei confronti di Rocco Schirripa disposto dal Giudice per le indagini preliminari si svolge domani. Nell’annunciare personalmente alla famiglia del magistrato la decisione di Palazzo di Città, la prima cittadina ha inteso sottolineare come la costituzione di parte civile è un segnale inequivocabile della lotta del Comune di Torino contro le mafie.

La proroga degli incarichi e la preparazione del dossier per ottenere i fondi governativi per interventi nelle periferie

Alberto Gregnanini rimarrà al comando del Corpo dei Vigili urbani fino al 30 aprile dell’anno prossimo, incarico che scadrà con la nomina del nuovo responsabile. 
All’architetto Cavallaro - nel prorogare l’incarico direttivo fino alla prossima primavera - la Giunta ha affidato il QUEEN per Agoràcompito di predisporre il dossier che entro il 30 agosto dovrà essere presentato dalla Giunta al Governo per ottenere finanziamenti in materia di mobilità sostenibile, attività educative e culturali, servizi a sostegno dell’ inclusione sociale, del welfare, tutte misure queste destinate ai quartieri più periferici della città. (mge)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in Torino

Roma - "Il nuovo puzza un po' di stantio". La Sueddeutsche Zeitung, quotidiano tedesco della ricca Baviera affonda con un rigo le prime mosse di Virgina Raggi, rimproverando il neo sindaco di Roma di lentezza e scarsa trasparenza nelle ultime nomine mentre, a due settimane dalle trascorse elezioni amministrative, in altre citta' in cui si e' votato le giunte sono gia' al lavoro.

Invece la capitale italiana, sottolinea Oliver Meiler, in apertura di un lungo pezzo che serve all'autore per fare il punto sul Movimento 5 Stelle, "non ha ancora una 'Giunta', un governo".

Si tratta, aggiunge Meiler, di un "piccolo dramma" ma anche di "un banco di prova per i Cinque Stelle, partito di protesta da profilo", che vede raccontato "questo dramma nei media con molta attenzione, insieme a una certa dose di perfidia".(AGI)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Nazionale

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1324 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa