ANNO XIV Aprile 2020.  Direttore Umberto Calabrese

Corte Costituzionale: "Ballottaggio per le presidenziali da rifare"

In Austria le elezioni presidenziali dello scorso 22 maggio sono state annullate per irregolarità. La decisione è stata presa dalla Corte costituzionale che ha accolto il ricorso presentato dal partito di estrema destra austriaco Fpo che aveva contestato la vittoria per un soffio del verde Alexander Van Der Bellen, che aveva prevalso su Norbert Hofer con il 50,3% dei voti.

Published in Estera
Lunedì, 27 Giugno 2016 20:59

Terremoto in Europa

Ringrazio Marion Cadman, fondatrice e direttrice della English School che opera a L’Aquila dagli anni ’70, per aver pubblicato su Facebook una ben nota poesia di John Donne (1572-1531). “No man is an island entire of itself; every man is a piece of the continent, a part of the main, if a clod be washed away by the sea, Europe is the less…

Published in Estera

Il 23 giugno scorso la Gran Bretagna ha votato in maggioranza per l'uscita dall'Unione Europea ed è la prima volta che uno Stato abbandona il progetto di integrazione continentale.

Il fatto non sorprende più di tanto poiché, come scrivono il Wall Street ed altri giornali, non fa altro che sancire una chiusura definitiva dell'Isola di Sua Maestà verso un'istituzione mai troppo amata, con uno carso feeling sempre sottolineato dalla mancata adesione all'Euro da parte della Gran Bretagna stessa.

Ma, nonostante il poco amore verso l'UE, non è però così facile per il Governo Cameron pilotare questa uscita, tanto è vero che il premier ha tenuto prima del referendum un atteggiamento che gli antieuropeisti hanno definito non netto e preciso ed anzi, al contrario, di essere proprio lui il primo a nutrire forti dubbi sul Brexit. D’altra parte, Euro o non Euro, far parte dell'UE ha permesso alla Gran Bretagna di non rimanere isolata rispetto decisioni importanti in materia di economia e geopolitica.

La notizia della vittoria di “Brexit” ha causato un crollo della sterlina sul dollaro, con perdite oltre il 10 per cento, le più alte degli ultimi 30 anni e, nel giorno della vittoria degli antieuropeisti inglesi, le principali borse europee hanno avuto perdite consistenti a causa delle incertezze sui mercati: Milano ha chiuso a -12,48 per cento, il suo peggior risultato degli ultimi decenni.

La seduta della borsa di Londra si è chiusa a -3,15 e il direttore della Banca centrale britannica, Mark Carney, ha tenuto una conferenza stampa per rassicurare i mercati e promettere fino a 250 miliardi di sterline in interventi per stabilizzare l’economia britannica nelle prossime settimane.

Inoltre, un recentissimo documento (pubblicato appena prima del referendum), a firma di Michael Grubb (professore di politiche energetiche internazionali presso UCL Institute of Sustainable Resources) e Stephen Tindale, direttore dell’Alvin Weinberg Foundation, avverte di conseguenze invece negative ci dice che l’uscita causerà in Gran Bretagna un rallentamento degli investimenti per nuove infrastrutture e anche una frenata nello sviluppo delle fonti rinnovabili (l’UE, infatti, con ogni probabilità non avrebbe più alcun interesse a “premere” su Londra per il raggiungimento degli obiettivi in tal senso al 2020).

Inoltre, sul versante elettrico, i quadro rischia di essere molto complicato, poiché la Gran Bretagna importa una piccola frazione di elettricità, pari al 6,5% circa dei suoi consumi nazionali, la l’ostacolo più rilevante è di tipo fisico, perché la capacità d’interconnessione tra il Regno Unito e l’Europa continentale è tuttora sottodimensionata.

Non a caso, National Grid (l’equivalente inglese della nostra Terna) vorrebbe raddoppiare questa capacità, stimando benefici nell’ordine di 500 milioni di sterline l’anno grazie a un incremento delle importazioni elettriche.

Altrimenti l’Inghilterra rischia di diventare un’energy-island, cioè un’isola energetica dove gli scambi con l’esterno sono limitati.

Se per il gas Londra potrebbe rimediare facendo arrivare più combustibile liquefatto via nave, nel campo della generazione elettrica è impensabile affidarsi a importazioni che non siano provenienti dai Paesi più vicini.

La costruzione di nuovi impianti di generazione in Gran Bretagna (parchi eolici offshore, centrali a gas e anche reattori nucleari), in buona sostanza, dovrà andare di pari passo con un potenziamento delle reti elettriche transnazionali.

Ma per realizzare i nuovi interconnettori, come evidenzia il documento redatto da Grubb e Tindale, servono accordi bilaterali e un notevole livello di cooperazione tra i paesi coinvolti e la Brexit potrebbe rallentare parecchio gli investimenti o anche bloccarli del tutto.

Nella peggiore delle ipotesi, cioè la fuoriuscita inglese dall’area economica europea (i cui paesi membri, è bene ricordare, devono comunque seguire le regole UE in tema di energia),i progetti inglesi come la prevista rete del Mare del Nord, perderanno i fondi europei.

Altre conseguenze si potrebbero avere nel settore farmaceutico, poiché, come scrive a freddo in una nota del 24 giugno Massimo Scaccabarozzi presidente di Farmindustria, Londra dovrà anche dare continuità all'impegno e agli investimenti delle imprese del farmaco ed anche se le Istituzioni britanniche e quelle europee sapranno individuare in tempi brevi le giuste soluzioni, certamente la Gran Bretagna si troverà per un certo lasso di tempo a mal partito e, per una volta, minacciata da altre nazioni fino a ieri considerati “minori”.

A tal proposito (e questo ci fa molto piacere), Scaccabarozzi ribadisce che in questa difficile pagina di storia, l'Italia ha le carte in regola per ospitare in futuro la sede dell'European Medicines Agency, "A nostro favore - conferma Scaccabarozzi - giocano importanti fattori. L'industria farmaceutica made in Italy è ormai una realtà 4.0 di primo piano in Europa. Siamo secondi per produzione a un'incollatura dalla Germania, ma primi per valore pro-capite e con un export da record che supera il 70% della produzione, con investimenti in crescita (+15% negli ultimi due anni) e ad un passo dal diventare un hub europeo per la ricerca, anche clinica, con investimenti di 1,4 miliardi.

L'Italia può poi contare su un'Agenzia del farmaco (Aifa) riconosciuta a livello internazionale come modello di best practice per l'innovatività delle modalità di accesso ai farmaci.

Un effetto negativo italiano, invece, secondo il filosofo Cacciari, il Brexit l’avrà sul Governo Renzi.

In una intervista sull’Unità il filosofo dice: “Questo voto inglese è il sintomo di una crisi che viene da lontano, non mi sorprende più di tanto” e il “caos europeo avrà delle ripercussioni anche su di noi, certamente. A partire dal referendum di ottobre. Parliamoci chiaro: il voto inglese è un favore ai sostenitori del No perché per molti aspetti va nel senso della contestazione, della disgregazione”; e di fatto “gli inglesi hanno indebolito anche la leadership italiana nel momento in cui hanno dato un colpo all’Europa”.

Rispondendo alla domanda del giornalista, Cacciari afferma che, in caso di sconfitta al referendum, Renzi “volente o nolente dovrebbe andar via, certo”.

Il motivo è che “sarebbe troppo debole per continuare. E sarebbe il caos italiano. Anzi, una situazione molto più incasinata di quella della Gran Bretagna. Un caos italiano dentro un caos europeo. Dio ci salvi”.

E’ sempre Cacciari che, su “Le interviste della Civetta” afferma che il vero punto è che o l’Europa, senza fughe in avanti, ridiscuta tutte le sue politiche, rimettendo mano ai suo diversi Trattati e cominci un’Europa sociale, opposta a quella della Grecia, in modo che i cittadini europei avvertono il cambiamento e comincino a pensare, come pensavano venti anni, fa fino all’euro, o scapperanno tutti.

In effetti uno dei principali effetti del Brexit riguarda il fatto che un certo tipo di "racconto" dell'Unione Europea non funzioni più e che questo voto, cavalcato, strumentalizzato e non capito, ha partorito scenari deteriori; perché, evidentemente, ha fatto capire che è l'Unione Europea da riformare profondamente, da ripensare, da trasformare in un'istituzione trasparente e davvero orientata alla giustizia sociale, anziché alla schiavitù nei confronti dei mercati. E questo è un effetto certamente propositivo.

Tornando all’Inghilterra, va detto che il Paese è nel totale sbalordimento, c’è chi chiede una secessione scozzese, chi propone un’annessione dell’Irlanda del Nord all’Irlanda,  anche molti londinesi stanno esprimendo la loro insofferenza e chiedono che la capitale se ne vada per la sua strada, diventando una “città Stato”. Non va dimenticato a questo proposito che  non è stata Londra a far vincere la Brexit, bensì l’Inghilterra più profonda, rurale e conservatrice: il “Remain”, a Londra ha stravinto (2,2 milioni rispetto a 1,5 milioniI i “Leave”, coloro che volevano restare.

Un altro effetto internazionale negativo e che Brexit potrebbe spingere altri paesi a muoversi sulla stessa direzione; soprattutto quei paesi che alcuni europeisti chiamano “sanguisughe” perché necessitano dei fondi Ue per andare avanti, come, ad esempio, Polonia ed Ungheria. In questo modo si rafforzerebbe l’idea di UE solo economica della Germania, ma si assisterebbe ad una capitolazioni degli assunti innovativi e sociali sostenuti da Cacciari ed altri.

Di questo Camerun è ben conscio ed è ben felice che la raccolta di firme per un referendum bis sia giunta in poche ore a 2 milioni.

Ora, secondo l’ANSA ed altre agenzie di stampa, appare molto improbabile l'organizzazione di un nuovo referendum sulla Brexit come chiesto dai firmatari della petizione, ma esiste un doppio precedente nell'Unione europea.

In Irlanda la ratifica dei trattati Ue di Nizza e di Lisbona è stata realizzata in due tempi, organizzando un secondo referendum, con risultati positivi, dopo la bocciatura di una prima consultazione popolare.

Il 7 giugno 2001 i no al Trattato di Nizza furono il 53,87% contro il 46,13%. L'anno successivo, il 19 ottobre 2002 il 53,65% degli irlandesi dette invece via libera al Trattato (contrari il 46,13%), dopo qualche leggera modifica, in un secondo referendum.

Il 12 giugno 2008, ancora una volta gli irlandesi, 53,4% contro 46,6%, dicono di no ad nuovo Trattato europeo, quello di Lisbona.

Eppure il nuovo Trattato prospettava una cessione di sovranità inferiore a quella prevista dal Trattato di Nizza, bocciato definitivamente nel 2005 dal 'no' ai referendum di ratifica di Francia e Paesi Bassi, mettendo la parola fine al progetto di dotare l'Unione di una Costituzione europea.

Si rivotò l'anno successivo, anche questa volta dopo alcune leggere modifiche, il 2 ottobre 2009: 61,5% di sì, 28,5% di no.

Una curiosità infine: persi i referendum sul Trattato di Nizza, Francia e Olanda decisero di non prendere rischi per la fase successiva e il trattato di Lisbona venne ratificato per via parlamentare in ambedue in paesi nel 2008.

Staremo a vedere come si muoverà il governo Cameron. I tempi previsti sono comunque lunghi e si parla di un paio di anni, prima che sia completata l’operazione. Le autorità europee si sono inoltre impegnate a fare tutto il possibile per mantenere tutti gli altri 27 paesi dentro l’Unione.

Come ha scritto su Il Sole 24 Ore Joschka Ficher, dopo il Brexit, al pari dei britannici, molti altri abitanti dell’Europa continentale si chiedono se l’unione politica e le regolamentazioni transnazionali varate dalle istituzioni con sede a Bruxelles siano davvero necessarie.

Non sarebbe sufficiente una confederazione meno rigida di stati nazione sovrani, disposta ad avere in comune il cuore economico di un mercato comune continentale – il modello britannico? Perché prendersi la briga di una complicatissima integrazione che include il trattato di Schengen, l’unione monetaria, le regolamentazioni dell’Ue, che in definitiva non funzionano nemmeno bene e indeboliscono soltanto la competitività globale degli stati membri?

Dopo Brexit gli interessi economici sono stati predominanti nel sostenere il progredire dell’Ue, ma l’idea di unire l’Europa chiaramente deve trascendere la mera unificazione economica. Essa era ed è tuttora legata al fatto di superare la frammentazione europea tramite un processo di integrazione che inizia con l’economia e si conclude nell'integrazione politica. Winston Churchill lo sapeva bene, come si deduce chiaramente dal discorso che tenne a Zurigo nel 1946 – e che varrebbe proprio la pena di rileggere oggi – nel quale auspicava la creazione degli “Stati Uniti d’Europa”.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in Nazionale

Roma - "Rispetteremo quello che dicono i britannici ma l'Ue deve smuoversi perché se si sta un anno ad aspettare perdiamo le sfide con le priorità del nostro tempo". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nelle sue comunicazioni al Senato. Ciò che è avvenuto in Gb può essere la più grande occasione per l'Ue se smettiamo di stare sulla difensiva - ha rimarcato - L'Italia farà la sua parte, il compito dell'Italia è dare una mano a costruire ponti".

Renzi ha spiegato che "le ragioni per cui abbiamo criticato dall'interno le istituzioni europee sono rese più forti dall'espressione del popolo britannico". "Siamo di fronte a una vicenda storica, chi cerca di minimizzare o di strumentalizzare commette un errore politico", ha sottolineato il premier che ha anche ammonito: "Se il popolo vota e altrove si cerca di mettere una pezza su ciò che il popolo ha deciso, si mina il gioco democratico".

L'Unione europea, ha avvertito ancora, "tutto può fare tranne che aprire un anno di discussione sulle procedure dopo aver discusso un anno sulle trattative. Così si perde di vista il messaggio del referendum inglese".

Secondo Renzi, "quello che manca oggi è la consapevolezza della gravità della situazione: non vorrei che si potesse pensare di far finta di niente o immaginare un percorso di riflessione molto, molto lungo, magari in attesa di un nuovo referendum".

Ora, è l'esortazione del presidente del Consiglio, la famiglia dei partner che hanno sempre creduto nell'Europa, devono trovare "la grinta, la lucidità e l'intelligenza" per operare in favore di un'Europa che "si occupi di più di questioni sociali e un po' meno di burocrazia" e che sia capace "di generare speranze e non solo paure".

Per Renzi, "questo è il momento di trarre insegnamento per riportare l'Ue alla sua forte identità, un'Ue che combatte una battaglia di giustizia sociale, non solo burocratica". E "quello che si apre domani è un vertice europeo che dovrà essere concentrato sul rilancio dell'Ue e non solo sulle procedure di uscita del Regno Unito".

Renzi parla anche del voto spagnolo. "Alcuni Paesi, penso alla Spagna, tornano a votare dopo sei mesi e non hanno un Paese governabile. Fa pensare che a inizio legislatura usassimo il benchmark spagnolo per avere una chiara governabilità. Oggi invece - rimarca - il sistema spagnolo per la seconda volta in sei mesi è a un bivio: o si fa una coalizione di tre dei quattro partiti o ci si condanna alle terze elezioni in un anno". Con le votazioni a ripetizione, sottolinea Renzi, "il risultato non cambia, ma l'affluenza diminuisce, perché viene meno la fiducia".

Il premier interviene poi alla Camera. "Crescita e investimenti, meno austerity e burocrazia. Questa è la linea che portiamo avanti da due anni, prima in beata solitudine, poi con più consenso. Oggi siamo davanti a un bivio - avverte Renzi - L'Europa deve parlare anche a quei giovani che hanno votato per il remain".

"Mettendo per un attimo da parte Le Pen o Farage, è venuto il momento di far sentire insieme la voce dell'Italia. Mi riferisco all'Europa sociale, all'Europa della crescita - sottolinea il presidente del Consiglio - Dalle prossime ore l'Italia farà tutto quello che può fare, a cominciare dal vertice di Berlino. Andremo al confronto con le idee che ci hanno caratterizzato in questi anni".

"Penso sia ora di provare insieme a far sentire la voce dell'Italia indipendentemente dalle posizioni nazionali" aggiunge il premier, rivolgendosi "in particolar modo a quelle forze politiche che credono nelle grandi famiglie europee".

Poi, parlando con i cronisti alla Camera, su un eventuale rinvio del referendum sulle riforme costituzionali Renzi dice: "Non decido io quando si fa il referendum. Il referendum ha dei tempi che non decide il governo: da cinquanta a settanta giorni" dalla decisione della Cassazione. "Quindi il periodo è quello", ovvero ottobre. (adnkronos)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in Nazionale

Il Parlamento europeo riunito in seduta straordinaria a Bruxelles ha approvato una risoluzione nella quale chiede alla Gran Bretagna di attivare "immediatamente" l'articolo 50 del Trattato di Lisbona per l'uscita dalla Ue. Nel testo che è stato approvato con il voto favorevole di 395 eurodeputati, mentre in 200 hanno votato contro, si esorta il Regno Unito ad avviare al più presto i negoziati, "per evitare un'incertezza che sarebbe dannosa e per proteggere l'integrità dell'Unione". I parlamentari sottolineano poi che "la volontà espressa dal popolo britannico deve essere interamente e scrupolosamente rispettata".

Dopo un dibattito tra i leader dei gruppi politici del Parlamento europeo, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il ministro olandese Jeanine Hennis-Plasschaert in rappresentanza della presidenza di turno dell'Ue, il Parlamento ha votato una risoluzione sui prossimi passi da intraprendere dopo il referendum del Regno Unito del 23 giugno :il testo è stato approvato con 395 a favore, 200 contrari e 71 astenuti.

L'Europarlamento chiede al governo britannico di rispettare la decisione democratica dei suoi cittadini attraverso l'attuazione rapida della procedura di recesso, attivando quindi l'articolo 50 del trattato sull'Ue per consentire l'avvio dei negoziati.Per prevenire incertezze negative per tutti e proteggere l'integrità dell'Unione, i deputati a Bruxelles esortano il primo ministro britannico David Cameron a notificare l'esito del referendum al Consiglio europeo di oggi e domani per dare avvio, il prima possibile, alla procedura di recesso.

I deputati ricordano quindi che, a norma dei trattati, è richiesta l'approvazione del Parlamento europeo sull'accordo finale di recesso, e che lo stesso Parlamento deve essere pienamente coinvolto in tutte le fasi dei negoziati sull’uscita del Regno Unito.

I leader dei 27 Paesi dell'Unione Europea, dopo il vertice di oggi e domani a Bruxelles, si rivedranno per un "incontro informale a settembre a Bratislava", che dal primo luglio è presidente di turno della Ue. "L'Unione Europea - ha poi aggiunto - è pronta ad avviare la procedura di divorzio anche oggi", ma, sulla base dei Trattati è la Gran Bretagna che "deve avviare questo processo, questo è l'unico modo per farlo e questo significa che dobbiamo essere pazienti".

Cameron: "Processo uscita sia il più costruttivo possibile" - Il processo di uscita del Regno Unito dall'Unione europea deve essere "il più costruttivo possibile". Così il premier britannico David Cameron al suo arrivo a Bruxelles per partecipare al Consiglio europeo. "Spero -ha aggiunto- che il risultato sia il più costruttivo possibile". Cameron ha poi ribadito a Bruxelles quanto già detto ieri ai Comuni. "Anche se usciamo" dalla Ue "non dobbiamo voltare le spalle all'Europa, questi Paesi sono nostri vicini, amici, alleati e partner". Il premier dimissionario ha quindi affermato che è sua intenzione raggiungere con l'Unione europea "il rapporto più stretto possibile in termini commercio, cooperazione e sicurezza", perché, ha aggiunto, "è una cosa buona per noi e per loro". Questo, ha concluso, "è lo spirito con cui credo verrà condotta oggi la discussione". (adnkronos)

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in Estera

Alberghi spagnoli nel mirino Ue. Inglesi e tedeschi pagano di più. Gli imprenditori del turismo spagnolo sono sospettati di praticare prezzi diversi a seconda della nazionalità degli ospiti.

Published in Cronaca

Allerta europea per salmonelle nelle barrette al cioccolato Dr. Schär Twin Bar. Lo segnalano oggi gli Uffici federali della sicurezza alimentare tedesco e svizzero che raccomandano alla popolazione di non mangiarle. Il prodotto è venduto anche in Italia

Published in Cronaca

Presevo (Serbia) - Alla fine la Macedonia ha aperto la frontiera ai profughi, prevalentemente siriani, che stanno arrivando massicciamente in Serbia. Sono tra i 6000 e gli 8000 i profughi accolti da ieri sera nel centro di accoglienza di Presevo, nel sud della Serbia. Lo rende noto Ahmet Halimi, segretario della croce rossa locale.

Published in Estera

Gevgelija (Macedonia) - Centinaia di migranti, soprattutto siriani, sono riusciti a entrare in Macedonia forzando il blocco della polizia di frontiera di Gevgelija, al confine con la Grecia.

Published in Estera

Atenas, (Grecia).- La policía de Macedonia lanzó este viernes gases lacrimógenos y granadas aturdidoras contra los refugiados que intentaban atravesar el paso fronterizo con Grecia, después de que ayer el Gobierno decretase el estado de emergencia en las fronteras ante la masiva entrada de inmigrantes que vive el país.

 

Published in Política esp

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1049 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa