ANNO XIII Dicembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Riceviamo e pubblichiamo 

Sono i dati de La Guida blu 2016 di Legambiente e Touring Club Italiano. Il mare più bello

Oltre a un eccezionale e riconosciuto pregio naturalistico, a un'offerta enogastronomica di alto livello e a una buona gestione del territorio, hanno promosso un turismo sostenibile, dove benessere e sviluppo economico, offerta di servizi turistici e strutture ricettive di qualità si sono coniugate perfettamente con la tutela e la salvaguardia dell'ambiente. Sono questi i tratti distintivi delle località al vertice de "Il mare più bello", la nuova Guida Blu di Legambiente e Touring Club Italiano, territori che hanno scommesso su nuove forme di turismo e che oggi ne stanno raccogliendo i frutti.

Quest'anno le 5 vele sventolano in 19 località marine e 7 lacustri: la Sardegna, prima classificata tra le regioni, con ben 5 località, e la Puglia, con 4 località a 5 vele, si confermano come le regioni che realizzano le migliori performance in sostenibilità e tutela ambientale. Nella classifica nazionale delle località a 5 vele, i Comuni diOtranto, Polignano a Mare, Melendugno e Castro si sono piazzati rispettivamente al 10°, 11°, 13° e 17° posto

Anche le località premiate con le 4 vele rappresentano luoghi di grande eccellenza che sanno coniugare un territorio di qualità con servizi di buon livello. È questa una caratteristica che accomuna varie regioni fra le quali spiccano Toscana, Puglia, Sicilia e soprattutto Sardegna. Si tratta in ogni caso di località che presentano una qualità di servizi eccellente, ma un territorio magari troppo antropizzato e qualche metro cubo di cemento di troppo. Oppure, di località di straordinario valore naturalistico e paesaggistico, sacrificate magari da un'obiettiva difficoltà di collegamento o da una gestione dei servizi non sempre ottimale.
Quest'anno sono 8 le località a 4 vele in Puglia: Andrano (Le), Chieuti (Fg), Fasano (Br), Lesina (Fg),  Monopoli (Ba), Nardò (Le) e Ostuni (Br) e, unica in provincia di Taranto, Campomarino di Maruggio 
In provincia di Taranto hanno poi ottenuto 3 vele le marine di Ginosa e Manduria, mentre quella di Castellaneta si è fermata A 1 vela..
Nell'allegato tutte le vele della Puglia

Questa la classifica delle località a 5 vele:
Domus de Maria (CA) svetta in cima alla classifica delle località marine, grazie soprattutto all'impegno per la tutela e la valorizzazione del paesaggio naturale e alla cura dedicata all'educazione ambientale e ai beni archeologici; subito dopo troviamo Pollica (SA), la perla del Cilento e capitale mondiale della dieta mediterranea, e Castiglione della Pescaia (GR), che continua a perseguire coerentemente la strada del turismo ambientale e della mobilità sostenibile. La classifica prosegue poi con le località di Posada (NU), Santa Marina Salina (ME), San Vito Lo Capo (TP), Vernazza (SP), Maratea (PZ), Capalbio (GR), Otranto (LE), Polignano a Mare (BA), Bosa (OR), Melendugno (LE), Camerota (SA), Baunei (OG), quindi le new entry della classifica del mare più bello 2016, Castro (LE) e Santa Teresa di Gallura (OT), e poi Roccella Jonica (RC). In cima alla classifica delle località delle isole minori troviamo inveceSanta Marina Salina (ME), la più virtuosa amministrazione della meravigliosa isola delle Eolie, seguita dall'Isola del Giglio (GR) - tornata in classifica quest'anno dopo aver superato la vicenda del naufragio della Concordia

"Il mare più bello", Guida Blu 2016, racconta oltre 300 centri costieri, ma non pretende di essere un censimento delle aree balneari italiane, piuttosto ne rappresenta una selezione, in base a criteri principalmente ispirati alla qualità dell'ambiente in generale e alla buona gestione del territorio. La selezione delle località, curata come ogni anno dall'Istituto di ricerca Ambiente Italia, contempla le valutazioni espresse sulla base delle analisi delle acque effettuate da Goletta Verde, i dati raccolti dai circoli locali di Legambiente e quelli elaborati da diverse banche dati sulla gestione dei servizi territoriali e turistici. Pur non mancando nella panoramica qui proposta zone di lunga e consolidata tradizione balneare, mete di un turismo sempre consistente al punto da lamentare qualche sovraffollamento estivo, la guida nel suo complesso punta a valorizzare al meglio zone meno sfruttate e perciò più incontaminate: con i suoi circa 8000 km di coste il nostro Paese riesce ancora a offrire spiagge deserte o poco affollate, paesi e borghi senza ingorghi ferragostani, luoghi e angoli incontaminati, feste e tradizioni ancora vive, cucina e ospitalità genuine e a prezzi accettabili.

Ma la Guida "Il Mare più bello" è anche social. Tutte le novità, gli approfondimenti, gli appuntamenti saranno disponibili sulla pagina facebook: www.facebook.com/ilmarepiubello. Una sorta di community che raccoglie le località che in questi anni si sono trovate al vertice classifica della Guida Blu con l'obiettivo di condividere buone pratiche e migliorare le proprie performance di sostenibilità ambientale. Sempre in tema di social network, 

Legambiente lancia La più bella sei tu. Anche quest'anno l'invito è a scegliere e segnalare entro il 30 giugno attraverso il sito internet (www.legambiente.it/lapiubella)  e sui social network (con #laspiaggiapiùbella), la spiaggia più bella d'Italia per individuare i dieci lidi più affascinanti, caratteristici e speciali del Belpaese, quelli che hanno fatto della bellezza la propria principale risorsa. Insieme al nome della spiaggia l'associazione ambientalista invita anche a motivarne la scelta, perché la bellezza non è solo un dato estetico.

La guida Il mare più bello, edita dal Touring Club Italiano in collaborazione con Iccrea Banca, attraverso il brand CartaBCC, è in libreria al prezzo di 19.90 Euro (256 pagine).

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Taranto

Riceviamo e pubblichiamo nota del movimento nato a sostegno del Corpo Forestale che il governo attraverso una apposita legge ha decretato di sopprimerlo e accorparlo ai Carabinieri. I firmatari della petizione online si danno a appuntamento a Roma. Ecco il messaggio.

La Campagna #SalviamolaForestale scende in piazza insieme agli appartenenti del CFS per dire ancora una volta “NO alla soppressione del Corpo Forestale dello Stato!!!”

Invitiamo tutti i 116400 firmatari e tutte le oltre 100 associazioni che hanno aderito alla petizione su www.change.org/forestale, nonché tutti i cittadini, a partecipare alla manifestazione, indetta dai sindacati di categoria, per impedire che il Governo commetta un crimine ambientale e sociale con la chiusura dell’unico Corpo di polizia specializzato nella prevenzione e nella lotta ai reati ambientali.

Per gli scritti su Facebook consigliamo di invitare gli amici all’Evento dedicato

https://www.facebook.com/events/285362038483341/

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in News Ambiente

FIRENZE - Il 4° Rapporto sulle Agromafie sarà presentato oggi, giovedì 30 giugno. a Firenze. L'appuntamento è alle 16.00 nella Sala Pegaso della presidenza della Regione Toscana in Piazza Duomo a Firenze. Alle 17.15 l'intervento del presidente Enrico Rossi.

Il Rapporto - predisposto annualmente dall'Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare, Coldiretti e da Eurispes, Centro studi e di ricerche sociali -, è divenuto oggi uno strumento insostituibile di conoscenza e di riflessione dei fenomeni di illegalità e di criminalità che si dipanano nel settore delle risorse agroalimentari. La Toscana può rappresentare un modello per gli indispensabili contenuti di legalità che contraddistinguono la comunità locale.

Il programma

  • 16:00: Introduzione di Gian Maria Fara, Presidente di Eurispes: L'agroalimentare e il territorio, risorse strategiche da tutelare e valorizzare: origine e attualità del Rapporto Agromafie
  • 16:15: Stefano Masini, Dirigente Area Ambiente Coldiretti: L'ovicoltura: una filiera sotto assedio
  • 16:30: Giuseppe Vadalà, Comandante regionale del Corpo forestale dello Stato per la Toscana: Legalità e tutela della qualità del cibo e dell'ambiente
  • 16:45: Tulio Marcelli, Presidente Coldiretti: Il Made in Italy delle produzioni agroalimentari, quale marchio di sviluppo nazionale e internazionale
  • 17.00: Gian Carlo Caselli, Presidente del Comitato scientifico dell'Osservatorio sulla  criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare: L'Osservatorio un modello per la lotta alla criminalità agroalimentare
  • 17:15: Conclusioni di Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana: Sostenibilità e sicurezza, i valori da coniugare nelle politiche di sviluppo del territorio rurale e montano della Toscana
  • Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
    Sostengo Agorà Magazine
Published in Firenze

“In merito al tema della estrazione degli idrocarburi dovremmo provare a passare da una strategia difensiva a una strategia d’attacco.

Published in Potenza

Federsanità ANCI e l'Associazione Medici per l'Ambiente - ISDE Italia organizzano per i prossimi 9 e 10 Ottobre a Roma le 9e GIORNATE ITALIANE MEDICHE DELL'AMBIENTE di cui a programma preliminare in allegato.

Published in News Ambiente

Le sentinelle del mare " ai piedi della collinetta di lido Silvana presso la spiaggia dell’Aeronautica a Pulsano (TA) 

Published in Taranto

Sarà attivato anche durante l'anno scolastico 2015-2016 il Progetto-Concorso "EASE Una scuola sostenibile", rivolto ai bambini delle Scuole Primarie del territorio del Comune di Verona.

Published in Verona

Intendiamo con questo messaggio esprimere la nostra condivisione e piena solidarietà al presidio indetto per il 9 Settembre davanti a Montecitorio per contrastare il Decreto Legge definito “Sblocca Italia”.

Published in News Ambiente

Si è fa sovente riferimento, come base di discussione economica, al PIL locale identificandolo, in alcuni casi, con quello delle aziende importanti presenti sul nostro territorio, nella sua ricchezza complessiva, per cui la loro esistenza viene vista come condizione indispensabile per la nostra attuale sopravvivenza economica e sociale.

Published in Taranto
Giovedì, 03 Settembre 2015 16:40

Bolzano - Leggere lungo il Talvera 2015

Da lunedì 7 settembre quotidiani e periodici liberamente consultabili sui prati piu' amati dai bolzanini

Anche quest'anno, come ormai accade dal 2003, la Biblioteca Civica di Bolzano propone alla cittadinanza l'apprezzata iniziativa: "Leggere lungo il Talvera . Da lunedì 7  a sabato 19 settembre aprirà infatti la tradizionale casetta sui prati del Talvera
Tutti i giorni (domenica esclusa), a disposizione 18 quotidiani nazionali ed internazionali e oltre 70 tra settimanali d'informazione e riviste tematiche per ogni età e lingua liberamente consultabili.

Orario di apertura: lunedì-sabato dalle 10.00 alle 17.30

Info:
Biblioteca civica
tel. 0471/997 940

Published in Bolzano

Utenti Online

Abbiamo 1295 visitatori e nessun utente online