ANNO XIV Aprile 2020.  Direttore Umberto Calabrese

×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/inprova/marcia/marcia1

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/inprova/marcia

Warning: imagejpeg(/var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/cache/jw_sig/jw_sig_cache_371ddfab4c_wallpapers-01-07-2016.jpg): failed to open stream: Permission denied in /var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/plugins/content/jw_sig/jw_sig/includes/helper.php on line 152 Warning: imagejpeg(/var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/cache/jw_sig/jw_sig_cache_59b7d05871_wallpapers-10-07-2016.jpg): failed to open stream: Permission denied in /var/www/vhosts/agoramagazine.it/try.agoramagazine.it/plugins/content/jw_sig/jw_sig/includes/helper.php on line 152

Caracas (Venezuela) - Il governo venezuelano ha revocato gli arresti domiciliari all’ex candidato alla presidenza Manuel Rosales e ha rilasciato altri 5 attivisti.

Published in Venezuela

Caracas (Venezuela) - Pier Ferdinando Casini è arrivato a Caracas il 27 dicembre, è venuto inviato dal Governo Gentiloni, per vedere con i suoi occhi la situazione del Venezuela, per incontrare gli Italiani del Venezuela, per confrontarsi con i parlamentari venezuelani, e per far visita a un suo vecchio amico figlio di italiani il Sindaco di Caracas Antonio Ledezma.

Published in Venezuela

Caracas (Venezuela) - Il Governo di Maduro ha impedito al Senatore Pier Ferdinando Casini Presidente della Commissione esteri del Senato di fare la visita umanitaria al prigioniero politico Antonio Ledezma, sindaco dell'Area Metropolitana di Caracas, divieto in violazione degli gli accordi diplomatici internazionali che anche il Venezuela ha sottoscritto.

Published in Venezuela

FIRENZE – Diciannove meeting già alle spalle e il ventesimo alle porte. Un meeting all'anno, dove nelle varie edizioni protagonisti sono stati i diritti dei bambini e la schiavitù non ovunque ancora debellata, almeno nei fatti, la povertà che sopravvive nel mondo o il diritto alla pace e a curarsi;

Published in Firenze

Riceviamo e pubblichiamo integralmente comunicato stampa pervenuto dall’Associazione Hermes Academy..Taranto celebra la Giornata Internazionale dei Diritti Umani: sull’isola pedonale il 65esimo Villaggio delle Differenze a difesa dei diritti di tutti e tutte

Published in Taranto

Publichiamo integralmente il comnunicato del Meetup di Pulsano (comune in provincia di Taranto) che afferma che "Prosegue la campagna di informazione del Meetup Pulsano sui documenti fondamentali in vigore in Italia all'interno delle scuole pulsanesi. 

Published in Taranto

In Siria continuano senza tregua le incursioni aeree da parte dell’aviazione siriana appoggiata da quella russa sui quartieri orientali di Aleppo, sotto il controllo dei ribelli. L’esercito siriano avanza nella città vecchia di Aleppo.

Published in Cronaca

E' un'immagine simbolica, che nessuno vorrebbe mai guardare, come quella del piccolo Aylan trovato morto sulla spiaggia di Bodrum l'anno scorso, ma che in un fotogramma è capace di racchiudere tutto l'orrore della guerra che da cinque anni sta devastando la Siria.

Published in Estera

Milwaukee (USA) - La tensione resta alta nella città statunitense di Milwaukee dopo l’uccisione di un giovane nero, due giorni fa.

Published in Estera

Cronaca di un pomeriggio. Alle sette siamo scesi da casa e dopo pochi isolati siamo arrivati in Via Di Palma. Abitare al borgo ti dà questo vantaggio, rispetto a chi viene dalle periferie di una città tra le più estese. Era previsto il passaggio del corteo del Pride Puglia 2016 in quel punto intorno alle sette e trenta. Una puntata al Coin che chiude (ma chiude davvero?) e fa saldissimi per perdere tempo e poi eccolo il corteo colorato. Qualche passante, pochissimi in verità, storce il muso, altri guardano con malcelata indifferenza che fa dire a una bambina ben educata: “che schifo!”.  Per fortuna i più sono accorti come il mio medico di base che,  incontrato lungo il percorso, mi dice: “sempre diritti civili sono”.  Al di là di ogni ragionevole dubbio.

{gallery}inprova/marcia/marcia1{/gallery}

Ecco le immagini di una manifestazione giovane, allegra, colorata, anzi con tutti i colori dell’iride per mostrare le grandi risorse del riconoscimento della diversità come valore e non come discrimine. Avevo sentito parlare di carri allegorici e forse è mancata qualcosa nell’organizzazione, ma tenuto conto che tutto è organizzato dal basso con qualche sponsor non crea problema: la festa è riuscita. Non sono in grado di stabilire quante persone c’erano in un pomeriggio afoso oramai di piena estate, ma stavolta la cronaca punta su altro, sulla sostanza di una manifestazione che è stata un atto d’amore per Taranto. E la città ha risposto – abbiamo visto le bandiere della Cgil, quella dei verdi e poi tanti vessilli, striscioni, volti dipinti di un mondo che mostra orgoglio di essere diverso ma restare umani. Ecco il messaggio che dovrebbe vedere qui politici che non vedo, quelli che manifestano di solito per i diritti civili; sì c’erano i rifondaroli comunisti – l’avevano annunciato – forse i pantestallati – avevano detto: "no bandiere per non strumentalizzare" – e quindi li pensiamo nell’onda che passa. Chi predica bene e poi si chiude nel suo orticello cosa pensa di raccogliere? Questa manifestazione aveva come tema anche diritto alla salute, qualche incoerenza tra sigle partecipanti – a detta di alcuni – ma gli altri assenti?

 Luigi Pignatelli parla del palazzo degli uffici, mentre si passa l’ultimo tratto di Via D’Aquino – emblema del Borgo ferito, dall’insipienza e dalla mancanza di cura. Siamo al giro di boa di un decennale con lo stesso pediatra al governo e quel palazzo è simbolo di tutto, anzi potrebbe esserne logotipo.  Ma non insistiamo su questo, lo stesso Pignatelli è bonariamente stoppato dalla trans che guida la manifestazione che insiste su questa risposta della città, commercianti che escono e fanno foto; del resto le foto che metto mostrano il corteo festoso e sono un documento. La festa si è chiusa sulla rotonda del lungomare dove è stato allestito un palco e un grande schermo per vedere la lunga partita-sofferenza degli azzurri. 

Per concludere potremmo dire che Taranto è stata per la Puglia -, c’erano baresi, foggiani, brindisini e leccesi - centro e riferimento per un pomeriggio di festa, una festa diversa che parla d’amore e tocca il cuore. Chi non si senta contaminato da questo orgoglio è problema suo, anch’egli libero d’essere diverso. 

 

{gallery}inprova/marcia{/gallery}

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in Taranto

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1142 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa