ANNO XIII Novembre 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Oltre alla sospensione delle esportazioni future di armi alla Turchia, che avverrà per decreto, l'Italia avvierà anche "un'istruttoria dei contratti in essere" con Ankara. Prosegue intanto l'offensiva turca nell'area di Tal Abyad, Erdogan annuncia che "sono stati conquistati 1000 km quadrati" e sfida l'Occidente: sosteneteci o accogliete i rifugiati

Published in Estera

Il Consiglio europeo sancisce "l'impegno degli Stati a posizioni nazionali forti rispetto alla politica di export delle armi" alla Turchia. Sul fronte militare, carri armati turchi avanzano verso Kobane, i militari di Erdogan preparano l'attacco dal fronte occidentale. L'esercito del governo siriano, partito in difesa dei curdi è a pochi km dal confine turco.

Published in Attualità

Sono quattro i punti su cui Italia, Malta, Francia e Germania hanno trovato l'intesa che dovrà ora essere sottoposta agli altri Paesi Ue. Tra questi punti, quello che prevede la redistribuzione di tutti i richiedenti asilo e non solo di coloro che hanno ottenuto lo status di rifugiato e la rotazione volontaria dei porti di sbarco.  Di Maio: 'Complimenti a Lamorgese ma la redistribuzione non è la soluzione del problema migratorio'. Conte: 'Non è una soluzione definitiva ma una svolta'

Published in Nazionale

Fra qualche ora la Comunità Italiana del Venezuela si stringerà intorno all'Ambasciatore d'Italia Silvio Mignano, per festeggiare la Festa della Repubblica che sarà l'ultima in Venezuela con un Ambasciatore d'Italia. E sì, fra qualche giorno, con un anno di anticipo, Silvio Mignano sarà sostituito, ma non avremo un nuovo Ambasciatore ma un Incaricato d’Affari, visto che l'Italia non riconosce né Nicolas Maduro, né Juan Guaidó

Published in Venezuela

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1157 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa