ANNO XV Marzo 2021.  Direttore Umberto Calabrese

FIRENZE - "La Regione non è stata frettolosa. E continuano le verifiche e indagini sulla discarica condotte con tutto il rigore possibile insieme all'Arpat".

Published in Firenze

FIRENZE – Seconda edizione di ‘LetterAppenninica', dal 5 al 7 agosto, sulle montagne a cavallo tra Toscana ed Emilia.

Published in Firenze

FIRENZE - "Nell'applicazione della direttiva Bolkestein la Regione Toscana si è sempre mossa in difesa dei piccoli ambulanti e l'Intesa raggiunta nel 2012 dalla Conferenza Unificata con Regioni, Anci e Categorie rappresenta un punto di adeguata risposta e salvaguardia delle esigenze dei lavoratori del settore. La Regione Toscana ha provato a sostenere la non applicabilità della disciplina comunitaria nel settore del commercio ambulante con una legge regionale nel 2011 ma ha dovuto soccombere dopo sentenza avversa della Corte costituzionale del dicembre 2012. In conseguenza di ciò abbiamo lavorato insieme alle altre Regioni per creare un percorso condiviso per arrivare a questa scadenza a salvaguardia del piccolo commercio".

L'assessore regionale al commercio, Stefano Ciuoffo, commenta così la manifestazione indetta per oggi pomeriggio a Firenze da commercianti ambulanti.

"Con il regolamento regionale per l'impostazione dei nuovi Bandi per le concessioni – ricorda l'assessore – abbiamo voluto salvaguardare l'occupazione dei piccoli ambulanti.

BEATRICE

 

Chi dimostra di gestire direttamente la propria impresa è salvaguardato. L'assessore ricorda anche che la professionalità acquisita nell'esercizio dell'impresa viene riconosciuta come prioritaria nell'assegnazione delle concessioni e che la Regione si è messa al lavoro per definire, analogamente a quanto avvenuto per le concessioni demaniali marittime, linee guida destinate ai Comuni per l'organizzazione delle gare previste a maggio e luglio del 2017. subaffitto contrastato: è il nostro modo di mantenere in essere una tradizione toscana e non solo che qui da noi è forte di oltre 14.000 licenze, per agire contro la rendita di posizione e la speculazione, in un settore che vogliamo tutelare e che negli ultimi tre anni in Toscana è cresciuto del 6,4%".

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Firenze

FIRENZE - "Il conferimento rifiuti al Cassero rimarrà sospeso e l'impianto non ripartirà fintanto non saranno terminate le verifiche e i controlli da parte di tutti gli organi competenti".

L'assessore all'ambiente Federica Fratoni che ieri sera ha partecipato all'assemblea con la cittadinanza a Casalguidi in seguito all'incendio scoppiato lunedì nella discarica del Cassero, torna sulla questione controlli e sicurezza.

"L'ufficio della Regione che si occupa del rilascio dell'autorizzazione integrata ambientale, l'AIA – ha detto - è parte in causa delle verifiche in corso. A questo proposito voglio precisare che gli approfondimenti in atto ci diranno se le prescrizioni già previste dall'AIA dovranno essere integrate o aumentate al fine di garantire maggiore tutela nella gestione dell'impianto". L'assessore ha quindi ricordato che i risultati di tutte le analisi compiute, comprese quelle di Asl e Arpat, saranno diffuse alla cittadinanza nel modo più capillare possibile attraverso i siti istituzionali, i social network e i mezzi di informazione.QUEEN per Agorà

"Desideriamo – ha concluso Fratoni - che la comunità sia informata puntualmente delle attività in corso e dei dati accertati secondo un giusto principio di trasparenza e partecipazione al quale le istituzioni per prime devono attenersi".

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Firenze

FIRENZE – Oggi sul mare da 85 anni, sempre ammirata, e rinominata ambasciatrice di Unicef Italia; a questi due appuntamenti di nave Amerigo Vespucci sulla banchina di Livorno non è voluta mancare, per portare il saluto della Toscana, l'assessora regionale all'istruzioneCristina Grieco accolta dal comandante dello storico veliero, il capitano di vascello Curzio Pacifici.

Dopo aver subito importanti interventi di adeguamento e ammodernamento tecnologico e logistico, molti dei quali indirizzati ad una efficiente tutela ambientale, e terminata la sosta nel corso della quale sarà visitabile dai cittadini, nave Vespucci riprenderà dal 7 luglio sui mari di QUEEN per Agoràtutto il mondo la sua attività formativa e di istruzione, centrata sul messaggio, così importante in questo momento, di pace, convivenza e rispetto reciproco, senza distinzione di razza, lingua e religione.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Firenze

nonna iolandaFIRENZE - Cambiano le regole per le borse di studio destinate agli universitari, sia per quelle in denaro che per quelle in servizi.

Saranno il presidente della Regione, Enrico Rossi e la vicepresidente con delega all'università, Monica Barni, ad illustrare le novità in materia nel corso di una conferenza stampa che si tiene oggi, lunedì 4 luglio, alle ore 11.00, presso la sala stampa Maria Grazia Cutuli in Palazzo Strozzi 

 

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Published in Firenze

Governo valuti percorso che tutela concorrenza e identità dell'impresa"

FIRENZE - Il Consiglio dei ministri di ieri ha deliberato l'impugnativa nei confronti della legge regionale n. 31 del 9 giugno 2016 con la quale, come noto, sono state definite specifiche procedure per le richieste di concessione dei gestori degli stabilimenti intenzionati a fare investimenti per la qualificazione dell'offerta di servizi per la balneazione prevedendo, nel rispetto del quadro normativo nazionale, la possibilità di poter operare fino al 2036.

"Al momento – spiega l'assessore alle attività produttive e turismo Stefano Ciuoffo – non conosciamo dettagliatamente le motivazioni, quindi è difficile poter entrare nei particolari dell'impugnativa e valutare quali provvedimenti assumere. Certamente, anche in questo momento non possiamo che ribadire la convinzione che la legge regionale rappresenta uno strumento adeguato per offrire ai Comuni un quadro omogeneo di riferimento, e invitiamo il Governo a tenere in considerazione il percorso fatto dalla Toscana e le motivazioni che hanno portato alla stesura della legge".

"Siamo convinti – porta ad esempio l'assessore – che non si possano rilevare profili di illegittimità rispetto alla previsione di un indennizzo da riconoscere al concessionario uscente in caso di mancato rilascio della concessione in seguito all'espletamento della procedura comparativa di valutazione di domande concorrenti. La legge regionale, infatti, prevede che il nuovo concessionario debba riconoscere a quello uscente il novanta per cento del valore aziendale. Inoltre è previsto che l'indennizzo venga liquidato al concessionario uscente prima del rilascio della concessione al nuovo soggetto, così come è prevista, come condizione per il rilascio delle nuove concessioni, la gestione diretta del concessionario".

La previsione dell'indennizzo si colloca entro i margini di competenza legislativa della Regione in materia di turismo e di gestione del demanio marittimo perseguendo l'obiettivo di valorizzare e salvaguardare la specificità del sistema turistico–balneare della costa toscana, e di assicurare adeguate condizioni di sviluppo alle medie-piccole-micro imprese che ne costituiscono il tessuto produttivo.

Infatti, proprio in questa fase di transizione e di prima applicazione della direttiva Bolkestein, il riconoscimento di una forma di ristoro per il mancato ammortamento degli investimenti aziendali effettuati dai concessionari - basato sul valore economico dell'impresa - costituisce attuazione del principio di proporzionalità, così come delineato nella Comunicazione interpretativa della Commissione sulle concessioni nel diritto comunitario.

Questo principio richiede infatti di operare un bilanciamento tra la concorrenza e libertà di stabilimento da un lato e l'equilibrio finanziario e la tutela degli investimenti dall'altro riconoscendo agli operatori economici del settore la possibilità di remunerare i capitali investiti in misura ragionevole. La convinzione è che il valore aziendale sia rappresentato dal complesso di beni immobili e mobili, immateriali e dalle situazioni giuridiche attive e passive che fanno capo all'impresa, rispetto alla quale il bene demaniale costituisce solo uno dei fattori produttivi, come del resto ha anche ammesso in Consiglio di stato in una specifica sentenza (n.257 del 2009).

Quindi questa previsione, generata proprio dalla legislazione nazionale vigente fino al 2011 - giustifica la previsione di un equo indennizzo al concessionario uscente da parte del nuovo assegnatario subentrante.

Quanto alla condizione, per il rilascio della concessione, dell'impegno da parte dell'assegnatario a non affidare a terzi le attività oggetto di concessione, va ricordato che questa disposizione persegue l'interesse pubblico alla salvaguardia degli elementi peculiari e qualificanti del contesto socio-economico della costa toscana, caratterizzato dall'integrazione e dalla diversificazione dell'offerta turistico-balneare ricettiva e dalla promozione delle tipicità locali.

Quindi, proprio in relazione ai principi di concorrenza, si è inteso preventivamente frenare possibili effetti speculativi e fenomeni distorsivi dovuti alla concentrazione monopolistiche in capo a soggetti finanziariamente capaci di acquisire una molteplicità di concessioni di beni demaniali .

La ipotesi di acquisizioni mirate a creare monopoli/oligopoli di fatto e, dunque, posizioni dominanti, è presa in considerazione non come mera ipotesi astratta, ma in relazione al fatto che la costa della Toscana, in particolare in talune zone di indubbio pregio paesaggistico, già risulta molto appetibile quale acquisizione strategica volta a consolidare asset commerciali. La concentrazione in capo ad un uno o a pochi soggetti economici porterebbe, non solo ad una sensibile riduzione della concorrenza, ma anche ad una omologazione dell'offerta turistica della costa toscana

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Firenze

FIRENZE - Alla luce della situazione critica che si è venuta a creare sul litorale grossetano, a causa del maltempo del 24 e 25 agosto e dei detriti trascinati dal fiume Ombrone dal senese fino alle coste, oggi pomeriggio l'assessore all'ambiente, difesa del suolo e protezione civile, Federica Fratoni, si è recata a Grosseto per un incontro con il sindaco, Emilio Bonifazi, e una ricognizione delle problematiche in corso.

Published in Grosseto

Utenti Online

Abbiamo 1048 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine