ANNO XIII  Agosto 2019.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato 24 settembre ore 10.30 piazza della Mostra. Quest'anno, la Lunga Notte della Ricerca si terrà venerdì 30 settembre dalle  17.00 alle 24.00.

Published in Bolzano

FIRENZE - Torna anche quest'anno il prossimo 30 settembre la Notte dei ricercatori in Toscana, che attraverso Bright 2016 (cioè Brilliant Researchers Impact on Growth Health and Trust in research) animerà con centinaia di eventi tutto il territorio regionale. In dodici città, in contemporanea con oltre 300 città di 24 paesi d'Europa, saranno allestite iniziative nelle quali i mille studiosi coinvolti offriranno al pubblico l'opportunità di conoscere da vicino le loro attività, aprendo i laboratori a visite guidate, portando nelle piazze esperimenti e dimostrazioni scientifiche dal vivo, organizzando mostre, conferenze e seminari divulgativi.

Published in Firenze

La prestigiosa rivista Plos Pathogens pubblica il data set completo di uno studio internazionale, a cui ha partecipato anche l'Università Statale di Milano, condotto nell'ambito dell'Open Access Malaria Box, iniziativa lanciata nel 2011 da Medicine for Malaria Venture (MMV) per identificarenuove molecole antimalariche e rendere i risultati disponibili a tutti.

Published in Salute & Benessere

Nuove mani robot 'disegnate' per un controllo più naturale dei movimenti e il recupero delle sensazioni tattili. Migliorare la vita quotidiana degli amputati, grazie a una nuova interfaccia uomo-macchina che permette il controllo naturale dei movimenti e rende più facile il recupero delle percezioni tattili del paziente, è infatti la sfida del progetto di ricerca europeo 'DeTop' ('Dexterous Transradial Osseointegrated Prosthesis with neural control and sensory feedback'), ai primi passi, di cui è capofila e coordinatore l’Istituto di BioRobotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa.

Published in Salute & Benessere

Comunicare la scienza attraverso spettacoli, esperimenti, seminari e caffè scientifici. da roma e frascati a Trieste, Bologna, Milano,Ferrara, Bari, Cagliari, Pavia e Pisa

Published in Tecnologia

FIRENZE - Per il quarto anno consecutivo, il prossimo 25 settembre, in Toscana  torna la Notte Europea dei Ricercatori: Università, Scuole Superiori e Centri di Ricerca toscani, insieme alla Regione e in collaborazione con associazioni ed enti, si uniranno per celebrare chi è impegnato ogni giorno nella ricerca. L'iniziativa, che quest'anno compie dieci anni, è promossa dalla Commissione Europea in circa 300 città di 24 paesi d'Europa. Sotto la sigla di BRIGHT 2015 - la luce "brillante" prodotta dalla curiosità, dalla tenacia, dal lavoro di – è in programma un ricco cartellone coordinato di eventi, iniziative e spettacoli che scandirà la notte di tutta la regione, coinvolgendo in particolare le città universitarie di Firenze, Pisa e Siena, insieme a Prato, Lucca, Arezzo e Cascina.

"La ricerca, l'università in Toscana sono vive e vitali, una autentica vocazione di eccellenza – ha detto la vicepresidente e assessore alla cultura, università e ricerca Monica Barni illustrando stamani il programma insieme a Katherine Isaacs, docente dell'Università di Pisa coordinatrice regionale dell'evento -. Con questo appuntamento vogliono anche mostrarsi in modo diverso, aprirsi alla comprensione dei cittadini grandi e piccoli per far capire che lo studio vive proprio nel rapporto con la società attraverso uno scambio continuo. Non ci sono torri d'avorio, ma lavoro serio che trova il suo sbocco nell'arricchire  la vita di tutti noi: con nuove conoscenze, nuovi strumenti, nuove creazioni scientifiche, artistiche, culturali che trovano un rapporto anche con lo sviluppo di tutto il territorio".

Saranno proposte attività di tanti tipi, alcune mirate ai giovani, ai bambini e alle famiglie, altre a cittadini più adulti e, più in generale, a un pubblico curioso di capire e interagire con l'ambiente variegato della ricerca: dal tardo pomeriggio a notte inoltrata si alterneranno proiezioni di film e aperitivi con ricercatori, dimostrazioni pratiche e reading, stand e laboratori, visite guidate e concerti, incontri in librerie e caffè della scienza. I ricercatori porteranno sotto i riflettori le loro attività, nell'ambito della tecnologia, delle scienze esatte e naturali e della salute e anche dell'area delle scienze umanistiche e sociali.

Le Università, le Scuole Superiori e i Centri di Ricerca coinvolti in BRIGHT 2015 sono le Università di Firenze, Pisa, Siena e Stranieri di Siena, la Scuola Normale Superiore, la Scuola Superiore Sant'Anna, il CNR, l'IMT di Lucca, l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, l'Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia, il consorzio italo francese EGO-Virgo di Cascina, l'Accademia delle Belle Arti e il Conservatorio musicale Cherubini di Firenze.

Published in Firenze
Giovedì, 13 Agosto 2015 10:47

Archeologia di guappo

Ringrazio Luigi Casale per la sua ricerca storica sul termine napoletano guappo, oggi in http://www.agoramagazine.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=2102:guappo&Itemid=713

Published in Cultura
Lunedì, 10 Agosto 2015 14:26

Ontologia di urdu

arad(2), urdu(2), ir3, 11

   (male) slave; servant; subordinate (cf., ir3) (Akk. loanword from wardum, ‘male slave, man servant’) [IR11 archaic frequency 10][1].

Parlo di ontologia come “branca della filosofia che studia le modalità fondamentali dell’essere in quanto tali al di là delle sue determinazioni particolari o fenomeniche”. Da sociologo, ne parlo con riluttanza. Da studioso della lingua, io vedo sumero amen come coppia che identifica il cielo a…n con la sua parola …me…

Così, Gesù che dice –Amen amen dico vobis- si traduce con –In verità in verità vi dico-. Dunque, amen è verità perché lui lo dice e lo è in una storia più lunga di 4000 anni.

Allo stesso modo, urdu è du-ur, dur. 

gi dur

  bond; rope; string, thread; strap, tie, amulet chain, necklance; umbilical cord (da, ‘arm, side’, + ur, ‘to surround’) [DUR archaic frequency][2].

dur-an-ki

   Bond of Heaven and Earth; an epithet of the city of Nippur, the Sumerian religious center (or one of its sectors)[3].

du24-ur3

   (cf., dur9 [SUL])[4].

sul, sul

   n., young man; warrior; invader; a bad disease involving skin eruptions (probably Akkadian loanword from salalu, ‘to plunder; to deprive’)[5].

L’epiteto dur-an-ki dato alla città di Nippur, in accado, Nibur, in sumero di dur-an-ki significa ‘perdurare di cielo-terra uniti’. È perdurato 4000 anni ed è un ordine ovvio per i moderni, incerto al massimo per gli antichi, che aspettavano il Capodanno ansiosi. Dubitavano che il dio della morte potesse unirsi con la dea della vita. Se non si fossero uniti il caos dominerebbe l’universo mondo.

gi dur è, dunque, il legame che tiene uniti in equilibrio Cielo e Terra con un asse cosmico. Questo è il significato originale di asse, la moneta, as, assis, ed il perno,

axis, che unisce la Terra al Cielo. Noterete: as, latino, = ASH, Uno d’origine, in sumero; axis, latino, = AGH-IS,  in sumero ‘faccio-vita (morte)’, detto da Dio.  

Published in Cultura

 

"L'emergenza Xylella in Puglia non puo' essere affrontata solo in una direzione, tra l'altro non supportata da solide evidenze scientifiche, ossia quella delle eradicazioni di massa e dell'uso su larga scala di pesticidi.
Published in Ecosistemi

È possibile curare il diabete con l’extravergine? Uno studio della Sapienza pubblicato su Nutrition & Diabetes mette in evidenza gli effetti dell’olio extra vergine d’oliva, proveniente da una particolare area geografica (zona collinare della provincia di Viterbo), nella prevenzione e

Published in Salute & Benessere

Utenti Online

Abbiamo 1182 visitatori e nessun utente online