ANNO XII  Dicembre 2018.  Direttore Umberto Calabrese

Cari avaaziani, La nostra udienza è appena finita e il giudice ha completamente DISTRUTTO l'ordine di esibizione di Monsanto contro Avaaz!!!

Published in Cronaca

In arrivo la sentenza sui 49 milioni da restituire, frutto di attività per cui è già stato condannato Umberto Bossi. Ma Salvini ha sempre detto: "Non li abbiamo"

Published in Attualità

Le tre sentenze del Consiglio di Stato che, sbloccando le valutazioni di impatto ambientale approvate dal ministero dell’Ambiente, autorizzano la prospezione con l'airgun per la ricerca degli idrocarburi nelle acque del Mare Adriatico  non risolvono, secondo il WWF, due questioni di fondo che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo dovranno affrontare

Published in News Ambiente

La IV sezione del Consiglio di Stato, nel riformare la sentenza del Tar Veneto n. 1422/2016, ha affermato in via di principio che spetta allo Stato e non alle Regioni il potere di individuare le ulteriori tipologie di materiale da non considerare più come rifiuti, ma come “materia prima secondaria” a valle delle operazioni di riciclo.

Published in Rifiuti

Luca Traini dovrà rispondere di un crimine pesantissimo che a 4 camorristi è già costato l'ergastolo

Published in Attualità

Ribaltata la sentenza di primo grado, che sembrava aver chiuso un caso che non ha mai smesso di agitare il Pd romano

Published in Cronaca

Il Tribunale di Roma ha dato ragione a una ragazzo di 16 anni che ha chiesto la rimozione delle immagine postate dalla madre. Da oggi questo provvedimento farà giurisprudenza

Published in Cronaca

Si chiama sextortion ed è l'ennesima frontiera dell'aberrazione online. Che spesso coinvolge minori. In Svezia un uomo condannato a 10 anni di carcere

Published in Tecnologia

La decisione della Corte d'appello di Milano (La Repubblica). Conta il criterio dell'autosufficienza economica, non il tenore di vita (Corriere). Tutte le tappe della vicenda 

Published in Nazionale

Yahoo dovrà rispondere ai suoi utenti del furto di oltre un miliardo di informazioni personali. Così ha deciso un tribunale statunitense californiano, motivando la sentenza col fatto che le fughe di dati, avvenute nel 2014 e nel 2013, sono state tenute nascoste per tre anni per essere poi rivelate nel 2016.

Published in Tecnologia

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1374 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa