ANNO XIV Luglio 2020.  Direttore Umberto Calabrese

L’amministrazione comunale di Manduria ha presentato con grande enfasi alla città due progetti: uno (nuovo Palazzo di città e riqualificazione del quartiere S. Gemma, avviato dalla precedente amministrazione) in corso di realizzazione e di cui ci si dice sarà terminato entro il 2017, benché ad oggi sia compiuto per il 15% dei lavori previsti;

Published in Taranto

Riceviamo e pubblichiamo integralmente nota pervenuta daI portavoce della Federazione dei Verdi – Provincia di Taranto Elvira Sebastio e Gregorio Mariggiò

Published in Taranto

In Riferimento alla recente notizia del presunto trasporto avvenuto per molti anni a Manduria di sacchi contenenti cenere di lavorazione dell’Ilva e carichi di diossina, notizia resa nota dal presidente nazionale di Peacelink Alessandro Marescotti e successivamente riportata dai media locali, i Verdi di Manduria esprimono tutta la loro preoccupazione per gli effetti che tali sostanze possono aver provocato sulla salute dei cittadini e il territorio di Manduria.

Published in Taranto

«Il presidente Sguanci e la sua maggioranza riescono sempre a stupire», commentano Tommaso Grassi, Donella Verdi, Giacomo Trombi, consiglieri comunali di Sinistra Italiana-Firenze riparte a Sinistra e Serena Jaff e Mauro Santoni, consiglieri del Quartiere 1

Published in Firenze

Taranto: Bonelli-Verdi- "Ispra pubblica violazioni ambientali dopo oltre 4 mesi dalla ispezione. Recenti studi confermano aumento mortalità nel silenzio irresponsabile del Ministro dell'Ambiente e della Sanità."

Published in Taranto

Riceviamo e pubblichiamo integralmente nota pervenuta da Federazione dei Verdi - provincia di Taranto circa la visita a Taranto del premier Renzi

Published in Taranto

Diniego Ministero all’Ambiente: noi Verdi lo abbiamo sempre affermato, i cinque chilometri dalla costa vincolano lo scarico in mare dei reflui.Per noi Verdi, il progetto non era emendabile solo nella parte riguardante la destinazione finale dei reflui, ma andava rigettato in toto, a cominciare dalla sua localizzazione.

Published in Taranto

Riceviamo e pubblichiano nota della La federazione provinciale di Taranto dei Verdi

 

L'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea ridà fiato e lena a tutti quei partiti che dell'insofferenza verso le istituzioni europee  hanno fatto il loro cavallo di battaglia, additandole come principali responsabili della crisi che attanaglia le popolazioni di vari Stati del continente.

Noi Verdi crediamo invece che occorra riformarle, quelle istituzioni, per riportarle ad essere coerenti con i principi ispiratori dell'Unione, che mossero l'Italia ad esserne tra i Paesi fondatori: primo fra tutti, la creazione di quella Europa dei popoli, inclusiva e solidale, di cui parlava Alexander Langer.

L'Europa attuale, pur con tutti i suoi gravi limiti, raccoglie non a caso il gradimento dei giovani, che colgono in essa l'opportunità di studiare, lavorare e fare impresa anche fuori del proprio paese.

C'è bisogno di più Europa, di rafforzare il ruolo del suo Parlamento, di unificare la legislazione dei singoli Stati in vari settori della vita economica e sociale. Occorre soprattutto che le decisioni dell'esecutivo non siano più frutto di compromesso, in cui gli interessi dei singoli governi vengano anteposti all'interesse comune.

Da questo punto di vista troviamo contraddittorio e fuorviante l'atteggiamento di alcuni esponenti del M5S che proclamano di voler istituire un referendum per far uscire l'Italia dalla zona euro, pur continuando a far parte dell'Unione Europea. Soprattutto perché nella Costituzione italiana vigente non è previsto l'istituto del referendum propositivo, ma solo abrogativo. Nel momento in cui i pentastellati chiedono il ricorso alla democrazia diretta per uscire dall'euro, stanno di fatto avallando la riforma costituzionale di Renzi e auspicando la vittoria del SÌ, in quanto proprio questa riforma prevede all'art. 71 l'introduzione del referendum propositivo e di indirizzo. Oltre tutto, l'applicazione dell'art. 71 è subordinata all'approvazione di un regolamento attuativo che è esso stesso legge costituzionale, quindi sottoposta ad un iter complesso e dai tempi incalcolabili.

Concentrare l'attenzione degli elettori su un percorso di uscita dall'euro quanto mai aleatorio e che presuppone di accettare la riforma costituzionale voluta dal governo non ci sembra un modello di linearità e chiarezza, in quanto finisce col rafforzare le ragioni del SI.

Noi Verdi della provincia di Taranto, al contrario, pensiamo che gli sforzi vadano concentrati nellaIMG per agorà difesa della Costituzione vigente attraverso tutte quelle attività di informazione degli elettori sui limiti, le contraddizioni e i veri e propri obbrobri della riforma, peraltro approvata da maggioranze variabili e a colpi di voti di fiducia, così ben illustrati il 25 giugno dal Procuratore di Torino, dott. Armando Spataro.

Ribadiamo il nostro NO alla riforma costituzionale e l'adesione al comitato per il No.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Taranto

Arezzo – Anche quest’anno l’estate aretina si mostra ricca di eventi musicali di grande livello che avranno corso fino al 18 agosto, l’Associazione Culturale Opera Viva ha dato spazio a professionisti e dilettanti per portare musica di grande qualità nelle “Terre D’Arezzo”. Un programma ricchissimo per appassionati di ogni forma d’arte musicale.

Fra le numerose iniziative sarà di scena anche la formazione corale, Firenze Vocal Ensemble” (http://www.firenzevocalensemble.it/)  sempre seguita dal  Maestro Ennio Clari, che con la sua passione e competenza ha ottenuto successi notevoli  portando i coristi ad un livello molto interessante ed apprezzato in Firenze ed in tutte le città ove si sono tenuti i concerti. Attualmente Il nuovo gruppo corale con la nuova denominazione   conta circa trentacinque  elementi. Il suo repertorio si è arricchito nel tempo e si arricchisce ogni anno di musiche di generi diversi, moderne e contemporanee, sacre e profane, di cori lirici, eseguiti in lingua originale, a cappella, con accompagnamento strumentale o sinfonico. L’Ensemble sarà presente quindi anche in questa edizione aretina del festival con Verdi e Puccini, nella splendida cornice del cortile del castello di Valenzano in località Subbiano.

La manifestazione si terrà il 13 Luglio alle ore 21.15 all’interno del castello di Valenzano, in programma la pregevole opera giovanile di Giacomo Puccini, Missa di Gloria, Princel’accompagnamento e affidato  al  duo pianistico composto dai Maestri Andrea Trovato e Francesco Romano; le voci soliste sono del tenore Luca Canonici e del baritono Carlo Morini. Il concerto terminerà con l’esecuzione del Va pensiero di Giuseppe Verdi. Direttore Maestro Ennio Clari.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Arezzo

Riceviamo e Pubblichiamo

I Verdi della provincia di Taranto aderiscono alla terza edizione del Gay pride Puglia, che si svolgerà a Taranto domani, sabato pomeriggio 2 luglio, con un corteo dal parco delle mura greche fino al centro cittadino.
Invitiamo i tarantini a partecipare a questa iniziativa che, nell'intenzione degli organizzatori, "sarà un modo per rivendicare tutti quei diritti che ci appartengono, come esseri umani: il diritto al lavoro, alla salute, ad autodeterminarci, alla libertà, all’amore. Insieme siamo più forti, insieme dobbiamo continuare a lottare per cambiare le cose, affinché nessuno si senta escluso e tutte e tutti possiamo avere gli stessi diritti."
 
Ricordiamo che tra i principi del nostro statuto vi è scritto:
 
"Verde è chi riconosce il valore e la ricchezza di genere e promuove l’effettiva rappresentanza di donne e uomini ad ogni livello organizzativo ed elettivo, riconoscendo il valore e la ricchezza della differenza di orientamento sessuale e di identità di genere all’interno della Federazione come nella società, e ritenendo cardine dello sviluppo di una piena coscienza ecologista la valorizzazione della differenza in ogni sede di elaborazione e decisione."

Troviamo francamente discutibili tutte le polemiche che sono state fatte contro la presenza dei referenti delle istituzioni locali e regionali alla manifestazione. Sarebbe stato ancora più grave se l'amministrazione comunale e quella regionale non avessero dato il patrocinio morale al Gay pride o se addirittura lo avessero ostacolato dal punto di vista organizzativo, come è successo altrove da parte di amministrazioni di destra. Dopo di che, il nostro giudizio politico sulle persone che presiedono tali amministrazioni è basato sulle loro scelte e lo abbiamo già espresso.
 
Noi saremo al corteo dei diritti senza inutili distinguo. 
La federazione provinciale di Taranto
Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore
Sostengo Agorà Magazine
Published in Taranto

Le Vignette di Paolo Piccione

…questo non è amore 2018”… e Pinocchio

 

Utenti Online

Abbiamo 1117 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

 

Agorà Magazine aderisce all'appello #iostoconvanessa