ANNO XV Settembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Lunedì, 05 Dicembre 2016 18:14

Referendum, D'Amato (M5S): Taranto ha detto NO, i cittadini non si sono piegati al ricatto renziano

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Riceviamo e pubblichiamo integralmente comunicato stampa pervenuto da Bruxelles Rosa D'Amato Eurodeputata M5S

Gli italiani hanno detto NO. Sono tornati alle urne, e trattandosi di un referendum il dato è ancora più rilevante, e hanno detto NO alle proposte di Renzi e del suo Governo.

Hanno detto che vogliono votare e che non si fidano delle promesse dell’ormai ex presidente del Consiglio. Non si fidano delle false riforme che avrebbero peggiorato la Costituzione dando vita a un Senato di privilegiati e a una Camera totalmente nelle mani del presidente del Consiglio.

Gli italiani hanno detto NO alle false illusioni e al sorriso illusorio del premier e del ministro Boschi.

No, dunque. Noi CinqueStelle lo abbiamo urlato in tutte le piazze d’Italia.

Il nostro NO lineare e proteso al futuro. Infatti è tempo di guardare oltre, lasciarsi alle spalle il renzismo che in tre anni ha portato l’Italia indietro. E non è tempo di inciuci e governicchi.

SI VADA A VOTARE SUBITO, gli italiani ieri hanno chiesto di votare e cambiare.

Si, cambiare. Ma sul serio !

L’affluenza alle urne e la vittoria schiacciante del NO ci impongono responsabilità e fermezza. E i portavoce al parlamento italiani ieri sera sono stati molto chiari:

SUBITO AL VOTO ! LA PAROLA AGLI ITALIANI

Infine, la mia terra. Così dilaniata e offesa dalle politiche di Renzi, che da un lato ha promesso soldi e rilancio, dall’altro favorisce la produzione di acciaio velenoso.

Anche i tarantini ieri nei seggi hanno parlato chiaro.

Più del 60% al voto, il NO quasi al 70%.

Un NO chiaro e forte a Renzi e ai suoi vassalli tarantini.

Liberiamo Taranto da questo sistema marcio.

Il 2017 sarà l’anno della nostra liberazione dai partiti che stanno avvelenando i pozzi dopo aver avvelenato tutto con il loro complice silenzio.

Lo grideremo a Taranto, a Roma e a Bruxelles. Già, Bruxelles: i tanto vagheggiati cataclismi che si sarebbero dovuti verificare in caso di vittoria del NO non ci sono stati. L'Ue ha paura dei populismi? Ascolti allora il popolo: il popolo italiano ha parlato chiaro e adesso vuole tornare al voto per avere un nuovo governo. Noi, portavoce europei, faremo pressioni in tutte le sedi perché Bruxelles non porti avanti nuove ingerenze nei confronti dell'Italia e degli italiani.

Ci vuole un governo CinqueStelle. Sarà un bene per il nostro Paese. Ma lo sarà anche per l'Europa della democrazia diretta.   

Read 1193 times

Utenti Online

Abbiamo 950 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine