ANNO XV Maggio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 03 Marzo 2017 07:32

Taranto - Le interviste a Radio Cittadella sulla Marcia per la Giustizia - ecco l'audio

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Per nostro costume mettiamo online la registrazione delle interviste prese dalla piazza durante la marcia per la giustizia per Taranto e andate in onda ieri nella rubrica di approfondimento 'primo piano' dell’emittente tarantina Radio Cittadella

Più che interviste appaiono lo sfogo di una città che esce dal guscio dell’anonimato. Dalla quotidianità della spesa dal pizzicagnolo, per pensare al pranzo e alla cena, mentre a volte sì e a volte no, dipende dal vento, si sente puzza di benzopirene nell’aria, è la colpa stavolta è della raffineria Eni.  Abbiamo intervistato Vincenzo De Marco operaio Ilva che quando gli è morto l’amico più caro in fabbrica ha scritto il libro: “il mostro d’acciaio”.

Poi due giovani attivisti indaffarati nella gestione della partenza della marcia. Il loro discorso forse appare, ma del resto è questo il punto di "un nuovo inizio", come dirà dopo Luigi Boccuni, troppo poco delineato e pieno di slogans, ma del resto il tema di “Taranto l’acciaio e gli ulivi” è troppo complesso per tutti e anche per chi scrive per poterlo comprendere fino in fondo. Tema pieno di errori storici, ignavia, indifferenza e non ultimo lo scarso interesse dello Stato che solo nell'ultimo ventennio ha legiferato qualcosa di serio; prima era solo adesione volontaria dell’imprenditore certificarsi ambientalmente.

Un "nuovo inizio" che attende anche l'Ilva con le proposte dell'indiano felice, intanto l'istanza, come riporta la Gazzetta oggi, di 500 cittadini che chiedono la revoca della facoltà d'uso e la chiusura è in discussione a Roma.

Va fatta salva la buona fede di tutti esaltando la voglia di fare e smetterla di starsene zitti. Sarebbe davvero utile che in futuro una consulta permanente cittadina supporti chi dovrà dirigere la nave del Comune.

Abbiamo anche sentito Angelo Bonelli, Giancarlo Girardi responsabile ambientale di Libera, Filippo Girardi artista storico di Taranto, Francys un blogger, Luigi Boccuni di Altamarea, un ponte verso le manifestazioni storiche della città.  

Per deontologia, quel mestiere di informare che a volte ci sta davvero stretto, ci impedisce di dire come la pensiamo e per questo il contraltare dei lavoratori a rischio ci balza sempre davanti e non possiamo tacitarlo, non lo abbiamo fatto in trasmissione e non lo facciamo neanche qui. Sotto il video sonoro della trasmissione radio.

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 998 times Last modified on Venerdì, 03 Marzo 2017 08:51

Utenti Online

Abbiamo 802 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine