ANNO XV Maggio 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Mercoledì, 10 Maggio 2017 00:00

Un 18enne messicano ha inventato un reggiseno per diagnosticare il cancro

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Si chiama Julian Rios Cantu, ha 18 anni e il suo sogno è sconfiggere il cancro al seno. Come? Grazie a un reggiseno  che, attraverso i sensori applicati all'interno del capo intimo, monitora lo sviluppo del tumore.

Una invenzione che lo ha portato a vincere il Global Student Entrepreneur Awards.

Come funziona il reggiseno?

Eva, così è stato ribattezzato il reggiseno, monitora la temperatura, la forma e il colore del seno grazie ai suoi duecento sensori. I dati vengono trasmessi e memorizzati su una applicazione dello smartphone per essere archiviati e facilmente consultabili; in caso di qualche anomalia nell'andamento dei dati raccolti è la stessa applicazione ad avvisare, tramite una notifica, la donna e il suo oncologo di fiducia perché provvedano a fare controlli medici pù approfonditi. Basta indossare il reggiseno tra i 60 e 90 minuti a settimana per avere un monitoraggio sufficiente a capire se il seno ha subito qualche cambiamento. L'obiettivo è intervenire sulla prima diagnosi in maniera precoce.

Il 18enne che sogna di sconfiggere il cancro

Julian è al lavoro sul reggiseno da quando aveva 15 anni e i suoi compagni di squadra hanno tutti un'età compresa tra i 17 ai 23. Come riporta il Sun, la sua forte motivazione a a fare qualcosa di concreto per la lotta al cancro è nata dopo che la sua mamma, a causa di una diagnosi tardiva, ha subito la doppia mastectomia. Questa esperienza ha spinto Julian a studiare e, compreso che i tumori possono trasformare la pelle e la temperatura corporea a causa di un aumento del flusso sanguigno, ha messo a punto questi biosensori. Tramite la società messicana Higia Tecnhologies di cui è CEO e Cofondatore, l'equipe di giovanissimi ha creato questo metodo di auto esplorazione per il rilevamento precoce del cancro. Il progetto, ancora in fase di sperimentazione, ha vinto i 200mila dollari messi in palio dal Global Student Entrepreneur Awards (Gsea).

Al momento non ci sono prove che dimostrino se questo reggiseno sia un modo affidabile per rilevare i tumori e comunque non sostituisce gli esami medici per la prevenzione. 

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1012 times

Utenti Online

Abbiamo 786 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine