ANNO XV Dicembre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 27 Giugno 2017 07:49

Venezuela: Almagro risponde a Maduro

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Caracas (Venezuela) - Milioni di persone hanno manifestato in Venezuela per denunciare la brutale repressione delle proteste contro Maduro che ha promesso che gli oppositori del governo saranno severamente giudicati da un tribunale per aver organizzato quello che è stato definito un colpo di stato. 75, il bilancio delle vittime dopo 85 giorni di rivolte. Il presidente dell’Organizzazione degli Stati Americani, Almagro, critico delle politiche di Maduro ha promesso di dimettersi, a patto che il venezuela rispetti alcune condizioni:

“mi è stata offerta la possibilità di negoziare le mie dimissioni , in cambio di un eventuale ritorno del Venezeula all’Organizzazione degli Stati Americani, la mia risposta è le seguente:lascerò il giorno in cui in Venezuela si terranno elezioni nazionali, democratiche, libere e trasparenti senza ostacolo e con degli osservatori internazionali e quando tutti i prigionieri politici nominati dal foro penale venezuelano saranno liberati”

il paese sudamericano ha lasciato l’organizzazione per le pressioni ricevute, che non ha ancora trovato un’intesa sulla crisi in venezuela. Nelle ultime ore è anche emerso un video, in cui leader dell’opposizione Leopoldo Lopez, rivolgendosi alla moglie Lilian Tintori, in un grido disperato racconta di aver subito torture nel carcere dove si trova a scontare 14 anni di carcere, per aver istigato le proteste anti governative nel 2014.

Scontri durante la manifestazione alla base militare ''La Carlota''

Sabato a Caracas, in Venezuela, migliaia di persone hanno sfilato, per denunciare la violenta repressione nelle manifestazioni contro il Presidente Nicolas Maduro.
Si sono verificati alcuni scontri con le forze dell’ordine venezuelane. Le protesta si sono tenute di fronte alla base militare di La Carlota, per condannare l’uccisione lo scorso giovedi di un 22enne, deceduto per colpo d’arma da fuoco sparato da un sergente. (Euronews)

 

Sostieni il tuo quotidiano Agorà Magazine I nostri quotidiani non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 998 times

Utenti Online

Abbiamo 1057 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine