ANNO XVI Dicembre 2022.  Direttore Umberto Calabrese

Martedì, 11 Agosto 2015 18:00

Migranti: Grillo appoggia la linea dura

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Roma - Duro post di Beppe Grillo contro il senatore M5S Maurizio Buccarella, colui che aveva promosso l'anno scorso l'abolizione del reato di immigrazione clandestina e che oggi critica la linea dura del consigliere comunale torinese 5 stelle Bertola sull'immigrazione.


  "Va ricordato al cittadino Buccarella - scrive Grillo in un post dal titolo 'Discussione sull'immigrazione' - che nel M5S non esistono gerarchie, tipiche invece dei partiti". "Il cittadino portavoce al Senato Buccarella - sottolinea Grillo - in un post su Facebook relativo all'intervento sull'immigrazione firmato dal cittadino portavoce al Consiglio Comunale di Torino Bertola, ha parlato di post scritto da chi "non conosce a fondo la materia" aggiungendo che "la posizione del M5S in tema di immigrazione e politiche di accoglimento e respingimento di stranieri, e' quella del post qui linkato". Va ricordato al cittadino Buccarella - osserva - che nel Movimento 5 Stelle non esistono gerarchie, tipiche invece dei partiti.
  Non c'e' differenza fra un portavoce consigliere comunale e un portavoce senatore. Nel Movimento 5 Stelle esistono posizioni e discussioni, come quella in corso sull'immigrazione".

GRILLO: SUL LAVORO IL  GOVERNO CAPOVOLGE REALTA' E MANIPOLA I DATI - "Il Governo sta mettendo in atto da mesi una gravissima campagna di disinformazione sulle condizioni del mondo del lavoro. A ogni occasione utile, quando escono i dati Istat o Inps, si impegna a capovolgere la realta'". E' quanto si legge in un post anonimo (e quindi riconducibile direttamente a Beppe Grillo) pubblicato sul blog del leader del Movimento 5 Stelle, dal tiolo "La stabilita' del lavoro del rigor mortis", accompagnato da una foto del ministro del Lavoro Poletti.
  Per Grillo la situazione del mercato del lavoro e' "un disastro totale, che il Governo cerca di coprire manipolando i dati Inps, i quali calcolano non i nuovi posti di lavoro, ma i nuovi contratti di lavoro. Incrociando i dati Istat e Inps viene fuori la cruda realta': il Governo non ha creato un solo posto di lavoro, e ha coperto il suo fallimento con la conversione dei contratti a tempo determinato in contratti ancora meno stabili, vendendoli per quello che non sono", accusa Grillo. Il governo, prosegue il post del leader 5 Stelle, "oggi vanta i 259 mila contratti 'stabili' in piu' del primo semestre 2015, certificati dall'Inps. Peccato che di stabile i nuovi contratti non abbiano nulla. Dopo l'approvazione del contratto a tutele crescenti (7 marzo 2015), i datori di lavoro hanno portato avanti una massiccia conversione di contratti a tempo determinato in contratti a tutele crescenti, proprio perche' rassicurati dalla estrema facilita' di licenziamento che garantisce la riforma del mondo del lavoro. Nei primi 3 anni, infatti - prosegue Grillo - i datori di lavoro potranno disfarsi dei lavoratori adducendo motivazioni economiche ed erogando loro l'equivalente monetario di 2 mensilita' per ogni anno di servizio, anche se il licenziamento e' dichiarato illegittimo dal giudice. Si legalizza in pratica il licenziamento arbitrario, in cambio di un tozzo di pane. Solo dopo 3 anni di servizio i contratti a tutele crescenti devono essere stabilizzati per davvero, ma nulla vieta ai datori di lavoro di scaricare poco prima i lavoratori a tutele crescenti e assumerne di nuovi. Si profila cosi' una gigantesca operazione 'usa e getta' che vedra' coinvolti nei prossimi anni i nuovi assunti. Va detto, peraltro, che l'Istat ha gia' messo una pietra tombale sulla propaganda governativa: a giugno la disoccupazione e' tornata al 12,7% e gli occupati sono in calo anche rispetto al giugno dell'anno scorso", conclude il post. (AGI)

Read 852 times Last modified on Martedì, 11 Agosto 2015 18:15

Utenti Online

Abbiamo 812 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine

Calendario

« December 2022 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31