ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 14 Agosto 2015 05:50

[ARAD X KUR] urdu2, ordine da Aldilà

Written by 
Rate this item
(0 votes)

L’ordine indagato finora, da lat. ordo e sumera urdu, Urdu, ‘schiavo maschio’ in sumero (8 agosto), entra in urdu2, ovvero:

urdu2 [ARAD X KUR]

  (cf., arad).

Il lettore diligente andrà a cercare il confronto in

arad(2), urdu(2), ir3, 11

   (male) slave; servant; subordinate (cf., ir3) (Akk. loanword from wardum, ‘male slave, man servant’) [IR11 archaic frequency 10][1].

e si troverà in loop, ovvero al punto di partenza.

L’artificio sta in [ARAD X KUR].

Ovvero, Halloran ha preferito esporre il confronto tra arad, urdu con il kur, togliendosi dall’impaccio sacerdotale di chiarire che cosa sia il kur. Kur è il centro della montagna, l’Aldilà:

kur-sa3-(-ra)

        center of the mountain (‘mountain’ + ‘womb, midst’; cf., an-sa3 (-ga)). [2]

Kurum7, gurum2, kuru7, kur7, [IGI. ERIM or older IGI.NIG2/GAR]

   n., lookout, spy; review, inspection, examination, supervision; delivery (ki, ‘place’, + uru3 (-m), ‘to watch, guard’) [3].

In altro modo, kurum = barum, il punto della divinazione, che può essere in cima alla montagna, in mezzo al passaggio dalle tenebre alla luce, e, al tardo pomeriggio, dalla luce al buio. È anche il divinatore, il barum. Ognuno può sillabare bar-um, leggere a giro um-bar per veder emergere il latino umbra.

Ne era consapevole il barum etrusco P. Vergilius Maro?

Come termina l’Eneide?:

Enea, cui il vinto Turno aveva chiesto pietà

Dicendo così, gli affonda furioso il ferro in pieno petto;

a quello le membra si sciolgono nel gelo,

e la vita con un gemito fugge sdegnosa tra le ombre.                 XII, 950-953

[Hoc dicens ferrum adverso sub pectore condit

fervidus; ast illi solvontur frigore membra

vitaque cum gemitu fugit indignata sub umbras.

Enea trapassa impietoso l’avversario vinto. Viene applaudito dagli impietosi Romani antichi e dai miserevoli moderni, incapaci di riconoscere la denuncia alzata dal Maro, sacerdote etrusco.



[1] John Alan Halloran, Sumerian Lexicon, Los Angeles, Logogram Publishing, 2006: 23.

[2] John Alan Halloran, Sumerian Lexicon, Los Angeles, Logogram Publishing, 2006: 152.

[3] John Alan Halloran, Sumerian Lexicon, Los Angeles, Logogram Publishing, 2006: 152.

Read 680 times Last modified on Venerdì, 14 Agosto 2015 05:52

Utenti Online

Abbiamo 1014 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine