ANNO XV Ottobre 2021.  Direttore Umberto Calabrese

Venerdì, 01 Dicembre 2017 12:07

Premio Sebastiano Romeo: un contributo ai giovani per la storia di Taranto

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Riceviamo e pubblichiamo - Un premio di ricerca dedicato alla memoria di Sebastiano Romeo, medico tarantino, già assessore del Comune di Taranto, la cui passione e impegno civile hanno rappresentato un esempio per molti suoi concittadini.

L’iniziativa di Fucina 900, in collaborazione con la famiglia Romeo, punta a valorizzare il lavoro di giovani studiosi con un premio di 1.000 Euro. Il tema scelto per la prima edizione è “Taranto: arte, cultura e società in età contemporanea”. Il bando integrale, insieme alla scheda di partecipazione, è disponibile alla pagina www.fucina900.it/premio-di-ricerca

“Al concorso potrà partecipare chiunque abbia al massimo 35 anni”, precisa la presidente dell’associazione, Stefania Castellana. “Potranno essere sottoposte a valutazione tesi di laurea, tesi di dottorato ed elaborati di ricerca già editi. Le proposte devono essere inviate alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">'+addy_text7081+'<\/a>'; //--> entro il 6 gennaio 2018. La valutazione sarà effettuata da una commissione scientifica e la premiazione avverrà a Taranto il prossimo 15 febbraio. Durante la cerimonia di consegna il vincitore dovrà tenere una conferenza sull’argomento presentato”.

“Con questa iniziativa vogliamo puntare i riflettori su chi si dedica seriamente allo studio della storia del nostro territorio”, aggiunge Castellana. “Taranto ha un grande bisogno di riscoprire il suo passato per proiettarsi nel futuro con nuovo slancio. I giovani studiosi, che troppo spesso lavorano in condizioni difficilissime, sono la linfa di questo processo di sviluppo. Nel nostro piccolo vogliamo riconoscere e incentivare il loro lavoro: speriamo che il nostro esempio venga seguito da tanti altri”.

“Da tempo nella mia famiglia discutevamo del modo migliore per commemorare la figura di mio padre”, afferma Salvatore Romeo, vice-presidente di Fucina 900. “Un premio di ricerca ci è sembrata l’idea giusta. Lo studio per lui era un elemento fondamentale: allo studio doveva la sua posizione e il valore dello studio lo ha trasmesso a noi figli. In più c’è l’aspetto del legame con Taranto, che in lui era fortissimo. Nella sua attività istituzionale ha provato a dare il suo contributo al miglioramento della città: questo premio vuole andare nella stessa direzione”.   

Sostieni Agorà Magazine I nostri siti non hanno finanziamento pubblico. Grazie Spazio Agorà Editore

Sostengo Agorà Magazine
Read 1242 times

Utenti Online

Abbiamo 1062 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine