ANNO XVIII Luglio 2024.  Direttore Umberto Calabrese

Sabato, 15 Agosto 2015 13:24

Ferragosto 2015

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Nelle feste, feriae, di Augusto 2015 facciamo memoria dell’uomo politico più in gamba della storia d’Italia: Cesare Ottaviano Augusto.

Augusto significa santo [re.: Georges Calonghi, primo significato]. Lo sappiamo noi, Serravallesi di Vittorio Veneto, che festeggeremo santa Augusta, sabato 22 agosto (‘Augusta imperatrice’ venne detta la madre cristiana di Ottaviano, riabilitata dal figlio che riparò al ripudio. La nostra santa deve aver scelto al battesimo il nome ‘cristiano’ odiato dal padre, il goto Matruc).

Più esattamente, augustus, -a, -um, significa ‘seme bruciato [agli dèi]’ Augh-ustum’. Così in sumero, conosciuto dagli Hurriti, tus-ki. Tus-ki, -sono del posto- deve aver detto il primo etrusco interrogato da un romano].

Augusto non volle essere eletto imperator, colui che ha il diritto di vita e di morte su chi conduce. Si limitò ad accettare tutte le cariche elettive che Roma poteva dargli e gli diede. Così, Tiberio Claudio Nerone, il fratello di Druso, fu il primo imperatore formale, col potere alla nascita di Gesù.

Io, profondamente democratico, accetterei uno solo al comando con le doti di Augusto [ma uno basti].

Oggi, noi siamo condotti dal premier che cerca l’accordo col mediarca per continuar a condurre, tenendo zitto l’articolo 49 della Costituzione della Repubblica:

Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale

Read 763 times

Utenti Online

Abbiamo 769 visitatori e nessun utente online

La tua pubblicità su Agorà Magazine